Superando i limiti: i segnali di un Pianeta in pericolo

I confini planetari che mantengono l’equilibrio del Pianeta vengono costantemente superati | Freepik

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Superando i limiti: i segnali di un Pianeta in pericolo

Scritto da Inês Costa

Sono già stati superati ben sei dei nove confini planetari che mantengono l'equilibrio del pianeta ed entro i quali la vita umana sulla Terra è possibile

Il pianeta ha superato sei dei nove limiti di sicurezza stabiliti dalla scienza ed è entrato nella “zona di pericolo”. È quanto confermato da uno studio pubblicato su Science Advances alla fine del 2023, che suggerisce come la Terra si trovi al di fuori dello spazio operativo sicuro per l’umanità.

Basandosi su un quadro stabilito nel 2009, che delineava nove soglie critiche per mantenere l’ambiente terrestre simile a quello del periodo Olocenico – iniziato con la fine dell’ultima era glaciale e durante il quale si sono evolute l’agricoltura e le civiltà moderne, caratterizzate da condizioni planetarie relativamente stabili e calde -, sulle basi di uno studio i ricercatori avvertono sulle conseguenze di aver superato questi limiti.

In gioco ci sono i limiti oltre i quali i principali sistemi terrestri come il clima, l’acqua e la biodiversità non possono più essere mantenuti nelle condizioni sicure e stabili osservate negli ultimi 10.000 anni.

Quali sono i 9 limiti del pianeta?

Il quadro dei confini planetari si basa sulla più recente comprensione scientifica del funzionamento del sistema Terra per identificare uno “spazio operativo sicuro” per l’umanità, proponendo limiti oltre i quali le attività umane possono innescare cambiamenti irreversibili nelle condizioni che permettono la vita umana sulla Terra. Identifica nove processi cruciali per mantenere la stabilità e la resilienza del Pianeta nel suo complesso: integrità della biosfera; cambiamenti climatici; cambiamenti nell’uso del suolo; flussi biogeochimici; cambiamenti nell’uso dell’acqua dolce; nuove entità; acidificazione degli oceani; carico di aerosol atmosferici; impoverimento dell’ozono stratosferico.

Oggi, le attività umane come i cambiamenti nell’uso del suolo, l’alterazione della quantità di acqua nei fiumi e nei suoli, l’introduzione di sostanze chimiche sintetiche nell’ambiente e l’emissione di gas serra nell’atmosfera hanno impattato le interazioni del sistema Terra, causando gravi interruzioni di questi confini.

Uno dei quattro limiti che abbiamo già superato, il cambiamento climatico, è forse il più conosciuto tra tutti: il pianeta ha già raggiunto e superato il limite di riscaldamento di 1,5°C stabilito dall’Accordo di Parigi. Il cambiamento climatico provoca anche eventi meteorologici estremi, come uragani, tsunami, tempeste intense, inondazioni e prolungate siccità, che diventano sempre più frequenti e intensi.

Per quanto riguarda l’integrità della biosfera, abbiamo già superato la zona di rischio crescente e siamo ora approdati direttamente nella zona ad alto rischio, il che ha portato alla perdita di habitat naturali e all’estinzione di diverse specie, influenzando la biodiversità e gli ecosistemi, causando cambiamenti ambientali irreversibili su larga scala.

Il cambiamento nell’uso del suolo deriva da una moltitudine di attività umane. L’incremento dell’uso globale della biomassa come alternativa al carbone, al petrolio e al gas, la conversione dell’uso del suolo per vari scopi e gli incendi stanno causando rapidi cambiamenti nell’area forestale, che sta portando al suo declino globale. Inoltre, la deforestazione dell’Amazzonia è aumentata a tal punto da superare i limiti in questa area.

La quarta frontiera che è già stata superata è quella dei flussi biogeochimici. Si tratta dell’introduzione di sostanze chimiche sintetiche nell’ambiente, come l’eccesso di fosforo e azoto utilizzato nei fertilizzanti agricoli, che hanno portato a una eutrofizzazione diffusa degli ecosistemi acquatici dolci, causando una trasgressione globale di questo confine.

Studi precedenti sui confini planetari per comprendere i cambiamenti nell’uso dell’acqua dolce guardavano solo a ciò che gli scienziati chiamano “acqua blu”, che include acqua di superficie e acqua sotterranea. Nello studio pubblicato su Science Advances, i ricercatori considerano anche l’”acqua verde”, che non entra negli acquiferi ma è accessibile alle piante. A differenza delle valutazioni precedenti, questo nuovo approccio indica una sostanziale trasgressione dei limiti del cambiamento delle acque dolci.

Centinaia di migliaia di sostanze chimiche sintetiche vengono attualmente prodotte e rilasciate nell’ambiente. Il confine delle “nuove entità” rappresenta quello di sostanze chimiche e sintetiche, come ad esempio le microplastiche, interferenti endocrini e inquinanti organici, materiali radioattivi – compreso il rifiuto e le armi nucleari – e la modificazione umana dell’evoluzione, organismi geneticamente modificati e altri interventi umani diretti nei processi evolutivi. Per molte sostanze, gli effetti potenzialmente importanti e persistenti della loro introduzione sui processi del sistema Terra, specialmente sull’integrità funzionale della biosfera, non sono ben compresi e il loro utilizzo non è ben regolamentato. Con un così alto numero di sostanze chimiche non testate rilasciate nell’ambiente, ne consegue che viene attualmente superato lo spazio operativo sicuro.

Di questi nove limiti di sicurezza per il Pianeta, solo tre non sono ancora stati superati: l’acidificazione degli oceani, il carico di aerosol atmosferici e l’impoverimento dell’ozono stratosferico.

L’acidificazione degli oceani è attualmente al di fuori dello spazio operativo sicuro. Questo fenomeno, che peggiora con l’aumento delle emissioni di CO2, si verifica quando, attraverso una serie di reazioni chimiche, le acque marine assorbono CO2, abbassando il pH delle sue acque, cambiando la loro composizione chimica e influenzando gravemente la biodiversità e gli ecosistemi marini.

Quantificare i confini planetari del carico di aerosol è reso difficile dalle loro molteplici fonti naturali e antropiche, dalle differenze nella composizione chimica, nella stagionalità e nella durata atmosferica, e conseguentemente dalla grande eterogeneità spaziale e temporale nella distribuzione e negli impatti climatici ed ecologici degli aerosol.

La distruzione dell’ozono stratosferico è l’unico limite dei nove in cui l’umanità ha agito sui segnali di avvertimento con successo. Grazie al Protocollo di Montreal, un accordo internazionale per proteggere lo strato di ozono stratosferico, che regola la produzione e il consumo di quasi 100 sostanze chimiche prodotte dall’uomo, abbiamo gradualmente ridotto il consumo e la produzione delle varie sostanze che distruggono lo strato di ozono.

Ci rendiamo conto, così, che preservare le interazioni nel sistema Terra è fondamentale per garantire che le attività umane non inneschino cambiamenti drastici nello stato del Pianeta, minacciando il futuro delle civiltà moderne. La grande sfida è trovare soluzioni ai problemi attuali e alternative per costruire un pianeta ambientalmente responsabile. Il futuro è nelle nostre mani.

Documenti di supporto:

Links:

Attività complementari

Breaking Boundaries: The Science of Our Planet | Official Trailer | Netflix
Sir David Attenborough Presents: Breaking Boundaries: The Science of Our Planet
Sir David Attenborough's Address to World Leaders at COP26

FACILE

Superando i limiti: i segnali di un Pianeta in pericolo

Scritto da Inês Costa

Sono già stati superati ben sei dei nove confini planetari che mantengono l’equilibrio del pianeta ed entro i quali la vita umana sulla Terra è possibile

Uno studio pubblicato su Science Advances ha confermato che il pianeta ha superato sei dei nove limiti di sicurezza scientificamente stabiliti, ponendolo nella “zona pericolosa”.

Basandosi su un quadro stabilito nel 2009, che definiva nove limiti volti a mantenere l’ambiente terrestre simile al periodo Olocenico – iniziato con la fine dell’ultima era glaciale e caratterizzato dalla stabilità che ha permesso l’evoluzione dell’agricoltura e delle civiltà moderne – questo studio avverte sulle conseguenze del superamento di tali confini, che influenzano il clima, l’acqua e la biodiversità.

Quali sono i 9 limiti del pianeta?

I confini planetari si basano sulla conoscenza scientifica del funzionamento del sistema Terra, identificando lo “spazio sicuro” per l’umanità, suggerendo limiti oltre i quali le attività umane possono generare cambiamenti irreversibili nelle condizioni che consentono la vita umana sulla Terra. Identifica nove processi essenziali per mantenere la sicurezza nel suo complesso: integrità della biosfera; cambiamenti climatici; cambiamenti nell’uso del suolo; flussi biogeochimici; cambiamenti nell’uso dell’acqua dolce; nuove entità; acidificazione degli oceani; carico di aerosol atmosferici; impoverimento dell’ozono stratosferico.

Le attività umane, come i cambiamenti introdotti nell’uso del suolo, nei quantitativi di acqua nei fiumi e nel terreno, l’introduzione di sostanze chimiche sintetiche e le emissioni di gas serra, hanno influenzato quei confini planetari. Uno dei quattro limiti che abbiamo già superato, il cambiamento climatico, è forse il più conosciuto di tutti: abbiamo già superato quello di riscaldamento di 1,5°C stabilito dall’Accordo di Parigi.

È stata superata la zona di rischio crescente e siamo ora direttamente in quella ad alto rischio per l’integrità della biosfera, con conseguente perdita di habitat naturali, estinzione di specie e impatti negativi sulla biodiversità e gli ecosistemi.

Il cambiamento nell’uso del suolo, l’aumento dell’uso di biomassa e agli incendi, stanno causando la rapida diminuzione l’area forestale. Inoltre, la deforestazione dell’Amazzonia è aumentata a tal punto da superare i limiti in questa area.

Il quarto limite che è già stato superato è quello dei flussi biogeochimici, dovuto all’introduzione di troppe sostanze chimiche nell’ambiente, che ha portato all’eutrofizzazione degli ecosistemi d’acqua dolce in tutto il mondo.

A differenza degli studi precedenti sui confini planetari, lo studio pubblicato su Science Advances indica che abbiamo superato di gran lunga i limiti del cambiamento dell’acqua dolce.

Centinaia di migliaia di sostanze chimiche sintetiche vengono attualmente prodotte e rilasciate nell’ambiente. Con un così alto numero di sostanze non testate rilasciate nell’ambiente, ne consegue che la soglia per le “nuove entità” è stata ora superata.

Di questi nove limiti di sicurezza per il Pianeta, solo tre non sono ancora stati superati: l’acidificazione degli oceani, il carico di aerosol atmosferici e l’impoverimento dell’ozono stratosferico.

L’acidificazione degli oceani è vicina al limite di sicurezza. Questo problema è esacerbato dall’aumento delle emissioni di CO2: poiché il mare la assorbe, altera il suo pH e danneggia la biodiversità e gli ecosistemi marini.

La quantificazione dei confini planetari del carico di aerosol è difficile da individuare a causa delle sue diverse fonti e caratteristiche, risultando in una vasta variazione negli impatti climatici ed ecologici.

La distruzione dell’ozono stratosferico è l’unico limite dei nove che l’umanità ha affrontato con successo. Grazie al Protocollo di Montreal, un accordo internazionale per proteggere lo strato di ozono stratosferico, che ha contribuito ad eliminare la produzione e l’uso di sostanze chimiche con effetti negativi sull’ozono stratosferico.

Ci rendiamo conto, così, che preservare le interazioni nel sistema Terra è essenziale per evitare forti cambiamenti che minacciano il futuro della società. La sfida è trovare soluzioni e costruire un Pianeta ambientalmente responsabile. Il futuro dipende dalle nostre azioni.

Documento disponibile all’indirizzo:

Links:

Breaking Boundaries: The Science of Our Planet | Official Trailer | Netflix
Sir David Attenborough Presents: Breaking Boundaries: The Science of Our Planet
Sir David Attenborough's Address to World Leaders at COP26

☑️ Test your knowledge

Quiz sulla comprensione della lettura. Superando i limiti: i segnali di un Pianeta in pericolo

Passo 1 di 3

Quali sono i tre limiti del pianeta che non sono ancora stati superati?
salta al contenuto