Doñana, sopravviverà ancora?

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Doñana, sopravviverà ancora?

Scritto da José Bejarano

Doñana, nel sud della Spagna, è un vasto territorio di particolare interesse naturalistico ma minacciato da numerosi attacchi. La siccità causata dall'emergenza climatica, o dalla gestione del parco da parte del governo andaluso, ha causato l'espulsione dell'area da una prestigiosa lista verde internazionale

Qualsiasi giorno d’autunno è un buon giorno per guardare il cielo e vedere stormi di uccelli volare in una strana forma a V. In primo luogo, questo indica che l’Europa si sta preparando per i giorni freddi dell’inverno; in secondo luogo, gli uccelli stanno lasciando il nord in cerca di climi più caldi e cibo migliore a sud; in terzo luogo, questa migrazione a forma di V consente loro di conservare energia (il capo del gruppo fa lo sforzo maggiore, aprendo un tunnel nel vento per gli altri) per coprire le enormi distanze verso la loro destinazione, anche se uno su quattro potrebbe non arrivarci mai.

Tuttavia, questo articolo non tratta dell’interessante fenomeno della migrazione degli uccelli (anatre, gru, piro piro, otarde, cicogne…), ma della Riserva Naturale di Doñana, situata nell’estremo sud-ovest dell’Europa, una delle destinazioni e luoghi di riposo per centinaia di migliaia di questi uccelli nel loro lungo viaggio verso il sud dell’Europa o il nord dell’Africa. Ora l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha espulso l’area protetta dalla sua lista verde a causa del degrado a cui è stata sottoposta a causa della perdita di biodiversità determinata da fattori climatici e dalla gestione del governo andaluso guidato da un membro della il Partito Popolare Juan Manuel Moreno.

La Riserva Naturale di Doñana è considerata una delle zone umide più importanti per la conservazione della biodiversità del pianeta. Il problema è che, come altre zone umide, soffre da anni di una grave carenza d’acqua, a causa della siccità e, soprattutto, dell’abuso di acqua da parte degli agricoltori per irrigare i loro coltivazioni di frutti rossi: fragole, lamponi e more.

L’eccessiva estrazione di acqua dal sottosuolo del parco e la grave siccità degli ultimi anni, attribuita dagli scienziati ai cambiamenti climatici, hanno portato alla completa scomparsa del 60 percento delle 2.867 lagune che esistevano a Doñana nel 2014. I loro letti di limo screpolati sono stati invasi dalla boscaglia che difficilmente permetterà loro di allagarsi nuovamente, anche nel caso in cui dovesse piovere abbondantemente. Al 2023, le lagune rimaste sono poco più di 400, molte delle quali hanno perso molta della superficie coperta d’acqua e hanno visto una riduzione del tempo di permanenza della stessa. Questo nonostante il fatto che Doñana si trovi sopra un’enorme falda acquifera che copre 2.300 chilometri quadrati, la più grande dell’Andalusia. Questa falda è utilizzata dagli agricoltori di fragole (circa 1.900 ettari dei quali sono utilizzati illegalmente) e da circa 200.000 abitanti di 14 città della zona, oltre a un grande centro turistico chiamato Matalascañas, che ospita, in estate, circa 300.000 persone.

Immagine aerea delle zone umide di Doñana.

La disgiunzione tra lo sviluppo economico e la preservazione della natura sono il dilemma che si presenta a Doñana come in molte altre aree di interesse ecologico. Storicamente, l’economia è stata associata alla distruzione degli habitat naturali, Doñana sarà in grado di rompere con questa tradizione? Finora ci è riuscita, ma solo a costo di danni enormi e di una grande quantità di denaro per evitare il crollo. L’ultima battaglia, il furto di acqua dal suo sottosuolo, sembra essere stata vinta grazie ad un accordo con i coltivatori: la chiusura dei pozzi nella parte settentrionale del parco con la riconversione delle terre irrigate in foreste o mandorleti non irrigati. In cambio, riceveranno 100.000 euro per ettaro convertito per dieci anni. Questa è la risposta dei governi spagnolo e andaluso alle severe richieste della Commissione Europea – che ha minacciato forti sanzioni – dell’UNESCO e di altri organismi internazionali per non aver garantito la conservazione di Doñana. Se la tendenza attuale non viene invertita, il parco sarà inserito nella lista dei siti in pericolo.

Non è la prima volta che istituzioni internazionali intervengono per salvare Doñana dalle minacce degli interessi economici locali. In realtà, la creazione dell’area protetta stessa è stata il risultato di una campagna europea lanciata negli anni ’60 dallo scienziato José Antonio Valverde per impedire che le zone umide venissero bonificate per far spazio a case vacanze, campi da golf e agricoltura intensiva. Migliaia di bambini europei in quegli anni hanno contribuito a raccogliere parte dei fondi utilizzati per acquistare i primi 7.000 ettari nel cuore dell’area, i semi dell’attuale parco. Questa mobilitazione per salvare ha portato alla creazione del WWF (Fondo Mondiale per la Natura) a Londra. Da allora, il parco ha continuato a crescere fino alla sua dimensione attuale di 128.386 ettari.

Doñana è ora una vasta area di particolare interesse, casa di 400 specie di uccelli, 50 mammiferi terrestri e marini, 25 rettili, 11 anfibi, 70 pesci, 1.300 piante vascolari, della lince iberica, della tartaruga dal capo nero, del salinete, l’aquila imperiale… ma è minacciata da numerose aggressioni. L’ultima: l’acqua. Gli zacallones (laghetti) devono essere scavati più a fonto affinché il bestiame possa bere, o affinché la lemna (Wolffia Arrhiza) e molte altre specie di piante acquatiche non si estinguano. La presenza della tartaruga europea, una volta diffusa in tutto il parco, ora è limitata a piccole aree.

La trasformazione dell’habitat di Doñana sta avvenendo a un ritmo rapido. L’aquila imperiale e la lince iberica, le due specie più rappresentative di Doñana, si stanno ora diffondendo più verso l’esterno che all’interno del parco.
 L’aquila imperiale è passata da 15 a 6 coppie. Lo stesso vale per l’aquila dal collare, l’aquila calzata e il nibbio reale. Il mezzo milione di uccelli acquatici che una volta svernavano a Doñana, si è ridotto a meno della metà, e la maggior parte di essi si nutre nei campi di riso circostanti. Se ci sono campi di riso, solo pochi ettari sono stati seminati negli ultimi anni a causa della siccità.

Il direttore della Stazione Biologica di Doñana (CSIC – Consiglio Superiore delle Ricerche Scientifiche Spagnolo), Eloy Revilla, sostiene che “la perdita di habitat acquatici ha avuto un effetto notevole sulle libellule e sulle damigelle (odonati). Questo gruppo è un eccellente indicatore dello stato di conservazione degli ambienti acquatici: Doñana era considerata un punto caldo della diversità degli odonati, con un totale di 43 specie descritte dal 1959. Nell’ultima decade, sono state registrate 26 specie. Nel 2022, c’erano solo 12 specie, il 28% del totale”. Nell’altopiano, il 27% delle querce da sughero è morto.

L’eccezione a questo declino è la lince iberica, un felino che è stato classificato come gravemente minacciato alla fine degli anni ’90. Ne erano rimasti meno di 160 esemplari, distribuiti tra Doñana e Sierra Morena. Per decenni erano stati perseguitati dagli abitanti della zona e sottoposti alla scarsità di conigli, il loro principale alimento. A salvarle sono stati anche gli avvertimenti e i finanziamenti europei che hanno portato a un piano di difesa e recupero e all’aumento del numero di conigli di dieci volte dal 2000. Nel 2022, il censimento ha registrato 1.668 individui in 14 aree di riproduzione. Sei si trovano in Andalusia, quattro in Castiglia-La Mancia e quattro in Estremadura. Tuttavia, questa crescita esponenziale della specie non è stata registrata a Doñana, che, insieme all’Aljarafe a Siviglia, ne ha solo 108 dei 627 registrati in Andalusia.

Spiaggia di Matalascañas, nella zona di Doñana.

Le aggressioni all’ambiente hanno trasformato Doñana in un parco assediato che, nonostante tutto, continua a resistere. L’elenco degli attacchi è lungo: dai primi progetti per lo sviluppo della spiaggia, campi da golf e coltivazioni, agli ultimi che hanno lasciato il parco senza l’acqua necessaria per sopravvivere: una strada costiera, i rifiuti tossici della miniera di Aznalcóllar, un gasdotto per trasportare petrolio dal porto di Huelva a una raffineria a Badajoz, l’uso massiccio di pesticidi nei campi di riso circostanti.
 L’estrazione dell’acqua dal suolo, combinata con i cambiamenti climatici, potrebbe non segnare la fine di Doñana, ma è così simile alla fine di un’era che spaventa guardare i fondali screpolati e silenziosi delle lagune, che solo pochi anni fa erano abitate da uno stormo di oche, fenicotteri, aironi, spatole, aquile imperiali, gallinelle d’acqua, folaghe, otarde, gallipatos (Pleurodeles waltl), tritoni, rane, libellule e un numero infinito di piante acquatiche, il tutto in costante movimento. Forse, ancora una volta, la sensibilità ecologica della popolazione europea ha salvato Doñana. Almeno fino alla prossima battaglia.

Attività complementari

FACILE

Doñana, sopravviverà ancora?

Scritto da José Bejarano

Doñana, nel sud della Spagna, è una vasta area di particolare interesse naturale in quanto ospita 400 specie di uccelli, 50 mammiferi terrestri e marini, 25 rettili, 11 anfibi, 70 pesci, 1.300 piante vascolari, la lince iberica, la tartaruga dal capo nero, il salinete (aphanius baeticus), l’aquila imperiale. E’ Minacciata da numerose aggressioni, l’ultima la siccità causata dall’emergenza climatica.

Quando arriva l’autunno, il cielo si riempie di stormi di uccelli che volano in formazioni a V, un’immagine che ci comunica tre cose importanti: l’arrivo dell’inverno in Europa, la migrazione degli uccelli in cerca di climi più caldi e come questo modo di volare li aiuti a risparmiare energia nei lunghi viaggi. Ma al di là di questo spettacolo naturale, parleremo di Doñana, un luogo cruciale per innumerevoli uccelli nel loro viaggio verso sud e una delle zone umide più importanti per la diversità della vita sul nostro pianeta.

Doñana, situata nell’Europa sud-occidentale, è un inestimabile rifugio per una vasta varietà di specie native vegetali e animali, molte delle quali sono a rischio estinzione. Ora l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha espulso l’area protetta dalla sua lista verde a causa del degrado a cui è stata sottoposta a causa della perdita di biodiversità determinata da fattori climatici e dalla gestione del governo andaluso guidato da un membro della il Partito Popolare Juan Manuel Moreno. Questa riserva naturale è una sorta di santuario, un rifugio di biodiversità che contribuisce notevolmente a mantenere l’equilibrio naturale del nostro mondo. Tuttavia, di recente, Doñana sta subendo una grave carenza d’acqua, dovuta in parte alla siccità e soprattutto all’uso eccessivo di questa risorsa da parte degli agricoltori, specialmente per la coltivazione di frutti rossi come fragole, lamponi e more.

Immagine aerea delle zone umide di Doñana.

Questa sovraestrazione delle acque sotterranee, unita alla prolungata siccità, ha portato alla scomparsa del 60% delle lagune che facevano parte di Doñana nel 2014. Luoghi che erano una volta oasi di vita sono ora invasi dalla macchia, rendendo difficile il loro recupero, anche con la possibilità di abbondanti piogge. Nonostante Doñana si trovi su un enorme falda acquifera di 2.300 chilometri quadrati, la più grande dell’Andalusia, questa risorsa viene utilizzata illegalmente dagli agricoltori, per fornire circa 200.000 persone in 14 città e una grande urbanizzazione costiera chiamata Matalascañas, che riceve durante l’estate circa 300.000 visitatori.

Oggi, Doñana affronta la sfida che vede una disgiunzione tra sviluppo economico e conservazione della natura. Nel corso della sua storia, l’economia è stata spesso legata alla distruzione degli habitat naturali, e Doñana si trova a una svolta per cambiare questa tendenza. Nonostante gli sforzi per proteggerlo, il parco ha subito danni considerevoli e richiede investimenti significativi per preservarne l’essenza.

Recentemente è stato raggiunto un accordo per affrontare l’eccessiva estrazione delle acque sotterranee. Gli agricoltori sono stati incoraggiati, attraverso compensazioni finanziarie, a chiudere i pozzi illegali e a cambiare i loro metodi di irrigazione: riceveranno 100.000 euro per ettaro per dieci anni se convertiranno le loro terre in foreste o coltiveranno piante, come gli alberi di mandorlo, che non richiedono irrigazione. Questa mossa è una risposta agli avvertimenti della Commissione Europea, dell’UNESCO e di altri organismi internazionali, che hanno minacciato severe sanzioni se Doñana non verrà salvaguardata. Se il corso attuale non dovesse essere invertito, il parco potrebbe essere inserito nell’elenco dei siti in pericolo.

L’area protetta risale a una campagna europea negli anni ’60, guidata dallo scienziato José Antonio Valverde, che ha impedito la bonifica della zona umida per far spazio a edilizia, campi da golf e agricoltura intensiva. La creazione di Doñana è stata resa possibile dagli sforzi per la raccolta fondi di migliaia di scolari europei, che hanno gettato le basi per il parco, come lo conosciamo oggi, che si estende su 128.386 ettari.

☑️ Test your knowledge

• Domande di comprensione del Testo - Doñana, sopravviverà ancora?

Passo 1 di 3

Qual è il problema principale della Riserva Naturale di Doñana?
salta al contenuto