La solitudine indesiderata influenza i giovani

Un giovane spagnolo su quattro si sente solo. Immagine del Comune di Barcellona.

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

La solitudine indesiderata influenza i giovani

Scritto da Laura Casamitjana

Un quarto degli spagnoli tra i 16 ei 29 anni è affetto dal problema, secondo uno studio.

Una persona anziana – senza o con reti familiari molto scarse – che vive da sola e potrebbe avere determinati problemi di autonomia. Questo è il profilo che viene subito in mente quando si parla di solitudine indesiderata.
 Tuttavia, uno studio rileva un altro gruppo vulnerabile: i giovani. Lo “Studio sulla gioventù e la solitudine indesiderata in Spagna”, condotto da SoledadES in collaborazione con Ayuda en Acción, evidenzia che un giovane su quattro è colpito da solitudine indesiderata. Vale a dire il 25,5% delle persone tra i 16 ei 29 anni. Del numero totale di persone che vivono questa condizione, ci sono poi fattori differenziali, più prevalenti nei gruppi storicamente discriminati come le donne (31,1%), le persone con disabilità (54,4%), il gruppo LGTB (39,7%) e gli stranieri (32,8%).

La qualità e la quantità di relazioni sociali sono decisive

  È nel contesto della socialità che si sviluppa la base della solitudine indesiderata.
 Durante la gioventù, gli amici svolgono un ruolo cruciale: “Le relazioni di amicizia sono quelle che hanno il maggior impatto sulla solitudine giovanile, più della famiglia, del lavoro o dello studio”, spiega il rapporto. Si nota come avere meno relazioni con gli amici di quanto desiderato sia “un fattore significativo, che aumenta la probabilità di soffrire di solitudine indesiderata più di ogni altro, di 4,7 volte”.
 Tutto questo si intreccia con le abilità sociali e le attitudini: le persone che si sentono sole hanno molta meno fiducia interpersonale e lo scetticismo può a sua volta essere radicato in eventi traumatici: “la percentuale di persone che sono state vittime di bullismo a scuola o sul lavoro in qualche momento della loro vita è quasi il doppio tra i giovani che sperimentano la solitudine indesiderata (58,1%) rispetto ai giovani che non lo hanno sperimentato (32,1%)”.

Causalità, una moneta a più facce

Il fenomeno è multi-causale. La disoccupazione e l’ineguaglianza sono due assi principali in relazione diretta: “Le persone disoccupate soffrono di un grado di solitudine 5 punti più alto rispetto a coloro che studiano o lavorano […] la prevalenza tra i giovani provenienti da famiglie con difficoltà economiche è quasi il doppio rispetto a quella tra i giovani provenienti da famiglie che arrivano facilmente a fine mese (36% rispetto al 19,4%)”, menziona il rapporto. Aggiunge categoricamente che “l’analisi trova una significativa relazione tra povertà e solitudine”.

Un fattore chiave dello studio è stato come la digitalizzazione influenzi la Generazione Z in quanto “nativa digitale”.

Si è scoperto che il contatto faccia a faccia è ancora preferito rispetto a quello attraverso uno schermo: “Le persone che hanno relazioni principalmente online con gli amici sono due volte più inclini a soffrire di solitudine indesiderata.

Tuttavia, non ha effetti significativi avere relazioni principalmente online o a distanza con i membri della famiglia o con l’ambiente di lavoro o studio”. Il problema, quindi, risiede nella qualità del contatto faccia a faccia, poiché il mondo digitale in determinate situazioni può essere un alleato.

Un altro problema che preoccupa la generazione Z è la salute mentale. Anche in questo caso, c’è una reciproca influenza: una cattiva salute mentale e un rischio più elevato di vulnerabilità sono direttamente correlate: “Le persone che soffrono di solitudine soffrono nella stragrande maggioranza dei casi di qualche forma di ansia o depressione, il 77,8% dei casi, rispetto al 34,8% di coloro che non ne soffrono. Inoltre, i giovani che si sentono soli hanno un livello di autostima inferiore rispetto a coloro che non soffrono questa condizione”.
 Considerando la salute in modo più generico, un altro fattore rilevante mostrato nello studio è che le persone che “percepiscono il loro stato di salute in modo negativo o regolare hanno il 42,2% in più di probabilità di soffrire di solitudine indesiderata”.

Prevenire, rilevare, intervenire: i tre strumenti per combattere il fenomeno

Per alleviare la solitudine indesiderata, SoledadES sottolinea la necessità di prevenzione, rilevamento e intervento. L’ecosistema educativo è fondamentale per portare a termine questo compito: ad esempio, ci si impegna a promuovere l’educazione emotiva e l’inclusività a tutti i livelli educativi.
 Un altro approccio del rapporto è quello di “rafforzare il personale educativo per migliorare i rapporti, la qualità dell’istruzione e quindi l’equità educativa e i livelli di successo, o di rafforzare e adattare politiche attive per l’occupazione giovanile”.             
 Lo sviluppo di servizi specifici di assistenza giovanile mirati a ridurre la solitudine, rafforzare i sistemi di protezione e di allerta precoce legati alla salute mentale, promuovere la partecipazione dei giovani nella progettazione e nell’attuazione delle politiche pubbliche in materia e favorire spazi di interazione sociale sono alcune delle altre iniziative volte a ridurre l’impatto del problema.

Attività complementari

FACILE

La solitudine indesiderata influenza i giovani

Scritto da Laura Casamitjana

Un quarto degli spagnoli tra i 16 ei 29 anni è affetto dal problema, secondo uno studio.

La persona anziana – priva o con reti familiari molto scarse – che vive da sola e potrebbe avere determinati problemi di autonomia: questo è il profilo che viene subito in mente quando si parla di solitudine indesiderata. Tuttavia, uno studio ha individuato un altro gruppo vulnerabile: i giovani.

Lo “Studio sulla gioventù e la solitudine indesiderata in Spagna”, condotto da SoledadES in collaborazione con Ayuda en Acción, sottolinea che un giovane su quattro è colpito dalla solitudine indesiderata. Vale a dire, il 25,5% delle persone tra i 16 ei 29 anni. Del numero totale di persone in una situazione di solitudine indesiderata, ci sono fattori differenziali che sono più prevalenti tra le persone che fanno parte di gruppi storicamente discriminati: le donne (31,1%), le persone con disabilità (54,4%), il gruppo LGTB (39,7%) e quelli di origine straniera (32,8%).

 La qualità e la quantità delle relazioni sociali sono decisive

Nel rapporto, è stata evidenziata l’importanza delle amicizie nella lotta contro la solitudine giovanile. Secondo lo studio, le amicizie svolgono un ruolo cruciale nella vita dei giovani, superando persino le relazioni familiari, lavorative o accademiche. È stato riscontrato come avere meno amici di quanto si desideri aumenta significativamente il rischio di sperimentare un sentimento di solitudine indesiderata fino a 4,7 volte maggiore.

Questa analisi rivela, inoltre, che la fiducia interpersonale e le esperienze traumatiche sono strettamente correlate alla solitudine giovanile: secondo i dati, la percentuale di giovani che hanno subito bullismo a scuola o sul lavoro è quasi il doppio tra coloro che sperimentano la solitudine indesiderata rispetto a coloro che non lo fanno. Questi risultati sottolineano la necessità di affrontare le sfide sociali ed emotive dei giovani per combattere la solitudine indesiderata in questa fase della vita.

Causalità, una moneta a più facce

La solitudine tra i giovani ha diverse cause. Secondo lo studio, due dei principali fattori sono la disoccupazione e l’ineguaglianza economica: le persone disoccupate hanno il 5% in più di probabilità di essere sole rispetto a coloro che lavorano o studiano. Inoltre, la solitudine è quasi il doppio tra i giovani provenienti da famiglie economicamente svantaggiate rispetto a quelli provenienti da famiglie più agiate (36% rispetto al 19,4%).

Un’altra questione importante è come la tecnologia influenzi i giovani. Anche se la Generazione Z ha molta familiarità con il mondo digitale, le relazioni faccia a faccia sono ancora fondamentali per evitare la solitudine. Coloro che hanno la maggior parte delle loro relazioni online, hanno il doppio delle probabilità di sentirsi soli. Tuttavia, questo non accade se si tratta di relazioni online con membri della famiglia o colleghi di lavoro/studio.

Anche la salute mentale gioca un ruolo importante: la maggior parte delle persone che si sentono sole ha problemi di ansia o depressione e una minore autostima.
Un altro dato interessante è che a percepire maggiormente la solitudine sono le persone che vivono la propria salute come negativa o sufficiente (42,2%).

Questi risultati sottolineano l’importanza di affrontare non solo le questioni sociali, ma anche emotive e di salute mentale per combattere la solitudine tra i giovani.

Prevenire, rilevare, intervenire: i tre strumenti per combattere il fenomeno

Per combattere la solitudine indesiderata, SoledadES enfatizza l’importanza della prevenzione, del rilevamento e dell’intervento. Punta sul sistema educativo, proponendo più educazione emotiva e inclusione a tutti i livelli e suggerisce di migliorare le condizioni del personale educativo per garantire un’istruzione di qualità ed equa.

Il rapporto sostiene anche l’adattamento delle politiche di impiego alle esigenze dei giovani. Propone di creare servizi specifici per l’assistenza giovanile, rafforzare i sistemi di protezione della salute mentale e incoraggiare la partecipazione attiva dei giovani nella formulazione di politiche pubbliche. Promuovere spazi per l’interazione sociale è un’altra iniziativa chiave per ridurre l’impatto della solitudine indesiderata.

☑️ Test your knowledge

Quiz sulla comprensione della lettura. La solitudine indesiderata influenza i giovani

Passo 1 di 3

Secondo lo "Studio sui giovani e la solitudine indesiderata in Spagna" quale percentuale di giovani tra i 16 e i 29 anni è affetta da solitudine indesiderata,?
salta al contenuto