Emigrare per smettere di nascondersi

Rusly Cachina: ““Possiamo fare molto lavoro di sensibilizzazione sociale, ma se le istituzioni non ci permettono di esistere, è molto difficile andare avanti”. | Èlia Pons

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Emigrare per smettere di nascondersi

Scritto da Elia Pons

Le terapie di conversione, l'omofobia di Stato e il rifiuto sociale costringono le persone LGTBIQ+ africane a cercare protezione in altri paesi

Più di 108 milioni di persone nel mondo sono costrette a vivere lontano dal proprio Paese, secondo dati di UNHCR, l’Agenzia dell’ONU per i rifugiati. Fuggono da conflitti armati, regimi dittatoriali e talvolta anche dalla persecuzione nei loro Paesi d’origine a causa della loro identità di genere o del loro orientamento sessuale. Stanche di vivere una vita che non è la loro, le persone LGTBIQ+ cercano di iniziare una nuova vita lontano dalla violenza e dalla criminalizzazione.

“Prima di venire in Spagna, ho seppellito sei donne trans nel mio Paese”. Questa è la dura testimonianza di Rusly Cachina, una donna trans della Guinea Equatoriale che vive a Barcellona da poco più di un anno. Ha lasciato il suo Paese, la città di Malabo, perseguitata per il suo attivismo trans, che aveva suscitato la rabbia delle autorità locali. “La mia è una migrazione forzata. Non volevo lasciare il mio Paese, ma sono stata costretta a farlo. La Guinea Equatoriale non mi garantiva una vita dignitosa”, spiega la donna.

Nel 2016, insieme ad altri membri del collettivo, ha fondato l’ONG Somos Parte del Mundo con l’intento di lottare per i diritti LGTBIQ+ in Guinea Equatoriale. Hanno cominciato a denunciare gli abusi e le persecuzioni che il gruppo riceve nel Paese, e poi sono iniziate le minacce. “Ho dovuto nascondermi dalle autorità in diverse occasioni a causa del mio attivismo. Mi conoscevano, sapevano dove trovarmi. Ero una persona visibile e questo li infastidiva. La mia famiglia ha iniziato a soffrire per la mia vita, e allora ho deciso di venire in Spagna”, racconta Rusly.

Essere LGTBIQ+ in Guinea Equatoriale, e in molti altri Paesi del continente africano, è un rischio reale. Le persone omosessuali, bisessuali, trans e intersessuali sono sistematicamente criminalizzate e perseguitate. “In Guinea Equatoriale subiamo abusi, torture e pene detentive per il semplice fatto di essere ciò che siamo, con la complicità delle autorità del Paese. Anche solo uscire per strada può essere un grosso rischio, perché siamo bersaglio di molestie, abusi e stupri, e persino di omicidi”, dice Rusly.

Somos Parte del Mundo nel 2020 ha pubblicato un rapporto in cui si descrivono le ripetute violazioni dei diritti umani subite dagli omosessuali nel Paese. Il documento include testimonianze e prove dell’arresto di quattro giovani accusati di essere omosessuali e molti altri casi di aggressioni fisiche con gravi lesioni, oltre a molteplici prove di continue violazioni dei diritti da parte del governo.

“La mia è una migrazione forzata. Non volevo lasciare il mio Paese, ma la Guinea Equatoriale non mi ha garantito una vita dignitosa”.

Carcere e persino la pena di morte perché sono ciò che sono

In molti Paesi africani esiste la cosiddetta omofobia di Stato. Si tratta di leggi discriminatorie che puniscono direttamente l’omosessualità e la transessualità. “Le persone LGTBIQ+ si trovano in una situazione di assoluta mancanza di protezione. Questi atti di violenza e persecuzione non vengono denunciati, perché sono compiuti dalle stesse autorità, che godono di una totale impunità”, afferma Adrián Vives, coordinatore dell’advocacy della Commissione catalana per l’aiuto ai rifugiati (CCAR).

Fino a 64 Stati membri dell’ONU criminalizzano le relazioni tra persone dello stesso sesso, dice il rapporto della Asociación Internacional de Lesbianas, Gays, Bisexuales, Trans e Intersex (ILGA). In alcuni Paesi, l’omosessualità viene castigata persino con la pena di morte, come avviene in Mauritania, Somalia o Nigeria. In altri, come Sudan, Uganda, Tanzania o Zambia, si applica il carcere a vita. Nel continente africano, solo in Sudafrica si riconosce il matrimonio egualitario es esiste una legislazione specifica contro la discriminazione della collettività.

Nel caso specifico della Guinea Equatoriale, non esistono leggi che vietino espressamente l’omosessualità o la transessualità. Tuttavia, le persone LGTBIQ+, e in particolare i transessuali, sono gravemente perseguitati dalle autorità. Le violazioni dei diritti umani sono diventate quotidiane e normalizzate. “Le persone trans sono trattate come criminali. Camminiamo sempre per strada con i soldi in tasca, nel caso in cui dovessimo corrompere la polizia per evitare di dormire in prigione. Dobbiamo sapere in quali zone della città possiamo andare e a che ora possiamo uscire”, sottolinea Rusly.

Rifiuto della famiglia e terapie di conversione

Anche se non è stato un percorso facile, alla fine la famiglia di Rusly ha accettato la sua condizione di transgender. “La mia famiglia ha avuto difficoltà, ma alla fine ha accettato chi ero. Mi hanno detto che a casa potevo essere chi volevo, ma fuori, in strada, dovevo essere un ragazzo per proteggere la mia vita”, spiega Rusly.

In molti casi, il rifiuto familiare e sociale porta le persone LGTBIQ+ a sottoporsi a una terapia di conversione. Si tratta di una pratica molto comune in Paesi come la Guinea Equatoriale, la Tanzania, il Kenya o l’Uganda, ed è stata denunciata dalle Nazioni Unite. Nel tentativo di correggere quella che viene considerata una devianza o una malattia, le famiglie mandano i loro figli e figlie nelle chiese o dai curanderos, dove subiscono ogni tipo di violenza, soprattutto sessuale e fisica, affinché, secondo Rusly, “lo spirito che li possiede lasci il loro corpo”. Altre pratiche includono l’uso di droghe che causano forti allucinazioni e un alto numero di morti.

Le famiglie ricorrono spesso alla paternità forzata come forma di “compensazione”. “Ci costringono a fare figli per compensare la delusione che abbiamo causato loro. Per questo ci organizzano matrimoni combinati all’età di 14 anni, perché temono che metteremo fine alla discendenza della famiglia”, racconta Rusly.

Questo abbandono familiare e istituzionale fa sì che molte persone, a volte minorenni, finiscano per vivere per strada in situazioni di grave esclusione sociale. È a questo punto, quando la persona si trova in una situazione di grande vulnerabilità, che entrano in gioco le reti della tratta. “Con l’inganno e approfittando della totale assenza di supporto familiare e sociale, molte persone LGTBIQ+ vengono reclutate dalle reti di trafficanti di esseri umani per essere costrette a lavorare nella prostituzione o a scopo di sfruttamento lavorativo”, afferma Adrián Vives.

La discriminazione continua nel Paese ospitante

Di fronte a violenze di ogni tipo nei loro Paesi d’origine, molte persone LGTBIQ+ non hanno altra scelta che cercare protezione altrove. Il diritto internazionale stabilisce che chiunque fugga dalle persecuzioni a causa del proprio orientamento sessuale, della propria identità di genere o delle proprie caratteristiche sessuali può essere considerato un rifugiato e ha quindi diritto all’asilo in un altro Paese. In pratica, però, non è così semplice. “Vivo a Barcellona da oltre un anno e non sono ancora riuscita a completare la procedura di asilo. Il sistema è tortuoso e lento, e questo non aiuta a organizzare la propria vita”, dice Rusly, che in questo periodo ha dovuto lavorare in nero per mantenersi.

La CCAR denuncia anche questi ostacoli nel processo di richiesta di asilo internazionale. “Spesso, durante i colloqui di asilo, si sostiene una mancanza di credibilità nella storia della persona. Si presume che la persona non appartenga alla collettività e che stia ingannando le autorità per ottenere la protezione internazionale. Per questo motivo viene chiesto di dimostrare il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere, cosa molto difficile da dimostrare”, sottolinea Vives.

Secondo il coordinatore dell’advocacy del CCAR, ci sono molte difficoltà nell’ottenere asilo se nel Paese d’origine non c’è un’esplicita discriminazione o persecuzione, prevista dalla legge, nei confronti della comunità LGTBIQ+, anche se può esserci una forte discriminazione sociale.

“Qui sono una ragazza trans, migrante e di colore, e questo ha messo molte barriere sulla mia strada”.

“Qui sono una ragazza trans, migrante e di colore, e questo ha messo molte barriere sulla mia strada”. “Qui sono una ragazza trans, migrante e di colore, e questo mi ha creato molte barriere”, dice Rusly. Barriere, dice, anche sul lavoro. “L’integrazione delle persone transgender nel mercato del lavoro è molto complicata. Non siamo richiesti dal mercato del lavoro e troviamo solo lavori precari a tempo parziale. Siamo ricercati solo nelle cucine, nei saloni di parrucchiere o nella prostituzione”, afferma.

Realizzare la vita dei sogni nel Paese ospitante è una missione difficile. Le aspettative sono spesso disattese e la lontananza dalla famiglia e dagli amici non facilita il cammino: “Qui ho un’esistenza, ma non ho una vita. Molti pensano che la sicurezza che abbiamo qui sia tutto. È vero che abbiamo sicurezza e diritti che prima non avevamo, ma subiamo anche discriminazioni”, dice Rusly, ‘e per di più sento che mi mancano molte cose: la vecchiaia dei miei genitori, mio nipote, mio fratello gemello…’, aggiunge.

A Rusly piacerebbe tornare in Guinea Equatoriale nei prossimi anni, ammesso che la situazione lo permetta. “Possiamo fare molto lavoro di sensibilizzazione sociale, ma se le istituzioni non ci permettono di esistere, è molto difficile andare avanti. Abbiamo le mani e i piedi legati”, spiega.

Attività complementari

FACILE

Emigrare per smettere di nascondersi

Scritto da Elia Pons

Le terapie di conversione, l’omofobia di Stato e il rifiuto sociale costringono le persone LGTBIQ+ africane a cercare protezione in altri Paesi

Più di 108 milioni di persone nel mondo sono costrette a vivere lontano dal proprio Paese, secondo dati di UNHCR, l’Agenzia dell’ONU per i rifugiati. Fuggono da conflitti armati, regimi dittatoriali e talvolta anche dalla persecuzione nei loro Paesi d’origine a causa della loro identità di genere o del loro orientamento sessuale. Stanche di vivere una vita che non è la loro, le persone LGTBIQ+ cercano di iniziare una nuova vita lontano dalla violenza e dalla criminalizzazione.

“Prima di venire in Spagna, ho seppellito sei donne trans nel mio Paese”. Questa è la dura testimonianza di Rusly Cachina, una donna trans della Guinea Equatoriale che vive a Barcellona da poco più di un anno. Ha lasciato il suo Paese, la città di Malabo, perseguitata per il suo attivismo trans, che aveva suscitato la rabbia delle autorità locali. “La mia è una migrazione forzata. Non volevo lasciare il mio Paese, ma sono stata costretta a farlo. La Guinea Equatoriale non mi garantiva una vita dignitosa”, spiega la donna.

Nel 2016, insieme ad altri membri del collettivo, ha fondato l’ONG Somos Parte del Mundo con l’intento di lottare per i diritti LGTBIQ+ in Guinea Equatoriale. Hanno cominciato a denunciare gli abusi e le persecuzioni che il gruppo riceve nel Paese, e poi sono iniziate le minacce. “Ho dovuto nascondermi dalle autorità in diverse occasioni a causa del mio attivismo. Mi conoscevano, sapevano dove trovarmi. Ero una persona visibile e questo li infastidiva. La mia famiglia ha iniziato a soffrire per la mia vita, e allora ho deciso di venire in Spagna”, racconta Rusly.

Essere LGTBIQ+ in Guinea Equatoriale, e in molti altri Paesi del continente africano, è un rischio reale. Le persone omosessuali, bisessuali, trans e intersessuali sono sistematicamente criminalizzate e perseguitate. “In Guinea Equatoriale subiamo abusi, torture e pene detentive per il semplice fatto di essere ciò che siamo, con la complicità delle autorità del Paese. Anche solo uscire per strada può essere un grosso rischio, perché siamo bersaglio di molestie, abusi e stupri, e persino di omicidi”, dice Rusly.

Somos Parte del Mundo nel 2020 ha pubblicato un rapporto in cui si descrivono le ripetute violazioni dei diritti umani subite dagli omosessuali nel Paese. Il documento include testimonianze e prove dell’arresto di quattro giovani accusati di essere omosessuali e molti altri casi di aggressioni fisiche con gravi lesioni, oltre a molteplici prove di continue violazioni dei diritti da parte del governo.

“La mia è una migrazione forzata. Non volevo lasciare il mio Paese, ma la Guinea Equatoriale non mi ha garantito una vita dignitosa”.

Carcere e persino la pena di morte perché sono ciò che sono

In molti Paesi africani esiste la cosiddetta omofobia di Stato. Si tratta di leggi discriminatorie che puniscono direttamente l’omosessualità e la transessualità. . “Le persone LGTBIQ+ si trovano in una situazione di assoluta mancanza di protezione. Questi atti di violenza e persecuzione non vengono denunciati, perché sono compiuti dalle stesse autorità, che godono di una totale impunità”, afferma Adrián Vives, coordinatore dell’advocacy della Commissione catalana per l’aiuto ai rifugiati (CCAR).

Fino a 64 Stati membri dell’ONU criminalizzano le relazioni tra persone dello stesso sesso, dice il rapporto della Asociación Internacional de Lesbianas, Gays, Bisexuales, Trans e Intersex (ILGA). In alcuni Paesi, l’omosessualità viene castigata persino con la pena di morte, come avviene in Mauritania, Somalia o Nigeria. In altri, come Sudan, Uganda, Tanzania o Zambia, si applica il carcere a vita. Nel continente africano, solo in Sudafrica si riconosce il matrimonio egualitario es esiste una legislazione specifica contro la discriminazione della collettività.

Nel caso specifico della Guinea Equatoriale, non esistono leggi che vietino espressamente l’omosessualità o la transessualità. Tuttavia, le persone LGTBIQ+, e in particolare i transessuali, sono gravemente perseguitati dalle autorità. Le violazioni dei diritti umani sono diventate quotidiane e normalizzate. “Le persone trans sono trattate come criminali. Camminiamo sempre per strada con i soldi in tasca, nel caso in cui dovessimo corrompere la polizia per evitare di dormire in prigione. Dobbiamo sapere in quali zone della città possiamo andare e a che ora possiamo uscire”, sottolinea Rusly.

Rifiuto della famiglia e terapie di conversione

Anche se non è stato un percorso facile, alla fine la famiglia di Rusly ha accettato la sua condizione di transgender. “La mia famiglia ha avuto difficoltà, ma alla fine ha accettato chi ero. Mi hanno detto che a casa potevo essere chi volevo, ma fuori, in strada, dovevo essere un ragazzo per proteggere la mia vita”, spiega Rusly.

In molti casi, il rifiuto familiare e sociale porta le persone LGTBIQ+ a sottoporsi a una terapia di conversione. Si tratta di una pratica molto comune in Paesi come la Guinea Equatoriale, la Tanzania, il Kenya o l’Uganda, ed è stata denunciata dalle Nazioni Unite. Nel tentativo di correggere quella che viene considerata una devianza o una malattia, le famiglie mandano i loro figli e figlie nelle chiese o dai curanderos, dove subiscono ogni tipo di violenza, soprattutto sessuale e fisica, affinché, secondo Rusly, “lo spirito che li possiede lasci il loro corpo”. Altre pratiche includono l’uso di droghe che causano forti allucinazioni e un alto numero di morti. Altre pratiche includono l’uso di droghe che causano forti allucinazioni e un alto numero di morti.

Le famiglie ricorrono spesso alla paternità forzata come forma di “compensazione”. “Ci costringono a fare figli per compensare la delusione che abbiamo causato loro. Per questo ci organizzano matrimoni combinati all’età di 14 anni, perché temono che metteremo fine alla discendenza della famiglia”, racconta Rusly.

Questo abbandono familiare e istituzionale fa sì che molte persone, a volte minorenni, finiscano per vivere per strada in situazioni di grave esclusione sociale. È a questo punto, quando la persona si trova in una situazione di grande vulnerabilità, che entrano in gioco le reti della tratta. “Con l’inganno e approfittando della totale assenza di supporto familiare e sociale, molte persone LGTBIQ+ vengono reclutate dalle reti di trafficanti di esseri umani per essere costrette a lavorare nella prostituzione o a scopo di sfruttamento lavorativo”, afferma Adrián Vives.

La discriminazione continua nel Paese ospitante

Di fronte a violenze di ogni tipo nei loro Paesi d’origine, molte persone LGTBIQ+ non hanno altra scelta che cercare protezione altrove. Il diritto internazionale stabilisce che chiunque fugga dalle persecuzioni a causa del proprio orientamento sessuale, della propria identità di genere o delle proprie caratteristiche sessuali può essere considerato un rifugiato e ha quindi diritto all’asilo in un altro Paese. In pratica, però, non è così semplice. “Vivo a Barcellona da oltre un anno e non sono ancora riuscita a completare la procedura di asilo. Il sistema è tortuoso e lento, e questo non aiuta a organizzare la propria vita”, dice Rusly, che in questo periodo ha dovuto lavorare in nero per mantenersi.

La CCAR denuncia anche questi ostacoli nel processo di richiesta di asilo internazionale. “Spesso, durante i colloqui di asilo, si sostiene una mancanza di credibilità nella storia della persona. Si presume che la persona non appartenga alla collettività e che stia ingannando le autorità per ottenere la protezione internazionale. Per questo motivo viene chiesto di dimostrare il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere, cosa molto difficile da dimostrare”, sottolinea Vives.

Secondo il coordinatore dell’advocacy del CCAR, ci sono molte difficoltà nell’ottenere asilo se nel Paese d’origine non c’è un’esplicita discriminazione o persecuzione, prevista dalla legge, nei confronti della comunità LGTBIQ+, anche se può esserci una forte discriminazione sociale.

“Qui sono una ragazza trans, migrante e di colore, e questo ha messo molte barriere sulla mia strada”.

Oltre alle difficoltà amministrative del processo di asilo, le persone nei Paesi ospitanti possono anche affrontare stigmatizzazioni e discriminazione. “Qui sono una ragazza trans, migrante e di colore, e questo mi ha creato molte barriere”, dice Rusly. Barriere, dice, anche sul lavoro. “L’integrazione delle persone transgender nel mercato del lavoro è molto complicata. Non siamo richiesti dal mercato del lavoro e troviamo solo lavori precari a tempo parziale. Siamo ricercati solo nelle cucine, nei saloni di parrucchiere o nella prostituzione”, afferma.

Realizzare la vita dei sogni nel Paese ospitante è una missione difficile. Le aspettative sono spesso disattese e la lontananza dalla famiglia e dagli amici non facilita il cammino: “Qui ho un’esistenza, ma non ho una vita. Molti pensano che la sicurezza che abbiamo qui sia tutto. È vero che abbiamo sicurezza e diritti che prima non avevamo, ma subiamo anche discriminazioni”, dice Rusly, ‘e per di più sento che mi mancano molte cose: la vecchiaia dei miei genitori, mio nipote, mio fratello gemello…’, aggiunge.

A Rusly piacerebbe tornare in Guinea Equatoriale nei prossimi anni, ammesso che la situazione lo permetta. “Possiamo fare molto lavoro di sensibilizzazione sociale, ma se le istituzioni non ci permettono di esistere, è molto difficile andare avanti. Abbiamo le mani e i piedi legati”, spiega.

☑️ Test your knowledge

Quiz sulla comprensione della lettura. Emigrare per smettere di nascondersi

Passo 1 di 3

Qual è il motivo principale per cui molte persone LGTBIQ+ sono costrette a lasciare il proprio Paese?
salta al contenuto