L’educazione ambientale come nuovo paradigma nella prevenzione degli incendi nelle aree rurali

Ramon Blanco Araujo, da Getty Images

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

L’educazione ambientale come nuovo paradigma nella prevenzione degli incendi nelle aree rurali

Scritto da Sílvia Gomes

.

Il fuoco infuria. Crollano, si staccano, si disarticolano,
I muri di pietra, lo spazio del sonno
Eco dopo eco si svegliano al rombo della paura,
come un colpo mortale, rotolano in pezzi.
Olavo Bilac

L’incendio scoppiato a Odemira in Portogallo all’inizio di agosto ha consumato 8.400 ettari di macchia e foresta, lasciando dietro di sé una scia di distruzione.

“È stato un periodo molto difficile, c’erano incendi su tutti i fronti”, ricorda Cláudia Candeias, presidente dell’Associazione Arco do Tempo, che gestisce la Riserva degli Asini in questa regione devastata dall’incendio, iniziato il 5 agosto 2023 e durato cinque giorni. C’è stata anche una fiammata il 13, che è stata contenuta lo stesso giorno.

“È stato terribile, abbiamo lasciato la riserva con gli asini e abbiamo camminato per circa 4 chilometri fino al campeggio di S. Miguel. Si sentivano esplodere le bombole di gas, c’era molto fumo, avevamo paura per gli animali perché era molto difficile respirare”, racconta Cláudia Candeias.

Una lunga strada da percorrere?

Gli incendi boschivi non sono un fenomeno nuovo in Portogallo. Tuttavia, a partire dagli anni ’70, con la profonda trasformazione del Paese dovuta all’abbandono delle campagne e allo spopolamento dell’entro terra, sono aumentati in frequenza, dimensione e intensità. Alla luce di questa realtà, è urgente rafforzare l’impegno strategico per la prevenzione, facendo leva sull’educazione, sulla valorizzazione delle aree rurali, sulla gestione delle foreste e sulla pianificazione territoriale. “C’è ancora molta strada da fare per sensibilizzare i proprietari terrieri sulla questione della gestione del combustibile (vegetazione), nonché sulla necessità di un intervento strategico nei contesti paesaggistici”, confessa Raquel Silva, consigliere comunale di Odemira.

La violenza e l’estensione degli incendi boschivi degli ultimi anni hanno distrutto migliaia di ettari di foresta. “Le aree rurali devono essere valorizzate affinché coloro che vi abitano, e coloro che vogliono trasferirvisi, possano beneficiare dei prodotti derivanti dalla gestione agricola e forestale. Una gestione diversa potrebbe interrompere la grande continuità della vegetazione dovuta all’abbandono delle campagne.

In questo modo, si creano opportunità affinché il propagarsi dell’incendio riduca i suoi impatti negativi, consentendo ai vigili del fuoco e ai pompieri di spegnerlo in modo più sicuro”, afferma Conceição Colaço, ricercatore presso il CEABN dell’Instituto Superior de Agronomia e volontario ASPEA.

“È essenziale che gli agenti della protezione civile coordinino le attività educative in modo che le comunità riconoscano l’importanza di preservare le foreste, gli ecosistemi naturali e la biodiversità, al fine di aumentare la consapevolezza delle esigenze ecologiche che la nostra società richiede”, aggiunge il consigliere Raquel Silva.

Gli incendi contribuiscono anche alle emissioni di CO2 nell’atmosfera (circa il 10-30% all’anno). D’altra parte, poiché c’è meno superficie forestale, la CO2 non viene rimossa dall’atmosfera dalle piante e quindi non viene trattenuta nelle piante e nel suolo.

Raquel Silva spiega che ora “le associazioni possono e devono aiutare nella riforestazione, considerando l’esperienza e la competenza dei loro volontari, che saranno sempre una risorsa nei programmi di riforestazione, così come nella riorganizzazione del territorio in termini di mosaici paesaggistici”. Le associazioni locali che si sono rese disponibili sono state coinvolte nel processo fin dall’inizio e il Comune di Odemira è pienamente disponibile in questo senso.”

L’educazione ambientale come prevenzione

Tradizionalmente l’educazione ambientale si è concentrata sui comportamenti a rischio, sottolineando la necessità di non bruciare, non fumare, non fare falò, non sporcare la foresta, tra gli vari messaggi chiave. Tuttavia, sebbene tutte queste azioni possano innescare incendi, essi si sviluppano solo se la vegetazione è molto secca, il che dipende esclusivamente dalle condizioni meteorologiche. Dobbiamo quindi fare un salto di qualità e aumentare l’alfabetizzazione sulle condizioni meteorologiche e sui loro effetti sulla vegetazione, perché è proprio l’aridità della vegetazione, unita alla mancanza di disboscamento, che porta all’innesco di incendi che possono dare origine a vaste aree bruciate, con impatti importanti sulla nostra società e sugli ecosistemi”, spiega Conceição Colaço.

Riconoscere i segnali che il tempo ci dà (umidità, temperatura e vento), comprendere gli allarmi di rischio a livello nazionale e capire lo stato della vegetazione aiuterà a ridurre gli incendi che si sviluppano con l’uso di macchinari, falò, barbecue e altri usi del fuoco. Il lavoro educativo dovrebbe essere svolto prima dei “mesi estivi”, ma non dobbiamo dimenticare che la siccità e il vento, anche in inverno o in primavera, possono portare a incendi, aggiunge Conceição Colaço.

Oltre a questo, è importante “far conoscere la foresta portoghese, sia quella autoctona che quella delle piantagioni, con una visione olistica dei suoi benefici, sia ambientali che sociali ed economici”. In una popolazione prevalentemente urbana, l’educazione ambientale ha il ruolo cruciale di far conoscere le esigenze del mondo rurale e le sue pratiche. Il consumo di prodotti derivanti da attività che promuovono la gestione della vegetazione è un aspetto che dovrebbe essere valorizzato nel campo dell’educazione ambientale. Ad esempio, l’allevamento estensivo di capre, pecore e bovini favorisce la gestione della vegetazione, riducendo il rischio di incendi. In questo modo, l’acquisto di carne proveniente da questi allevamenti, di yogurt, formaggi o ricotta, aiuta il produttore a mantenere un’attività che gestisce la vegetazione in un territorio sempre più spopolato”, spiega la ricercatrice.

Attività complementari

Vi consigliamo di guardare questo filmato che illustra le iniziative "intelligenti" per prevenire gli incendi e migliorare le aree rurali europee "FIRE-SMART STORIES - A journey through sustainable wildfire risk prevention"

FACILE

L’educazione ambientale come nuovo paradigma nella prevenzione degli incendi nelle aree rurali

Scritto da Sílvia Gomes

Il fuoco infuria. Crollano, si staccano, si disarticolano,
I muri di pietra, lo spazio del sonno
Eco dopo eco si svegliano al rombo della paura,
come un colpo mortale, rotolano in pezzi.

Olavo Bilac

All’inizio di agosto, a Odemira in Portogallo, un incendio ha consumato 8.400 ettari di macchia e foresta, lasciando dietro di sé una scia di distruzione.

“È stato un periodo molto difficile, c’erano incendi su tutti i fronti”, ricorda Cláudia Candeias, presidente dell’Associazione Arco do Tempo, che gestisce la Riserva degli Asini in questa regione devastata dall’incendio, iniziato il 5 agosto e durato cinque giorni. C’è stata anche una fiammata il 13, che è stata contenuta lo stesso giorno.

C’è ancora molta strada da fare?

Sebbene gli incendi boschivi non siano un fenomeno nuovo in Portogallo, sono aumentati in frequenza, dimensioni e intensità a partire dagli anni ’70, quando il Paese ha subito una profonda trasformazione a causa dell’abbandono delle campagne e dello spopolamento dell’interno. Di fronte a questa realtà, è urgente rafforzare l’impegno strategico per la prevenzione, facendo leva sull’educazione, la valorizzazione delle aree rurali, la gestione delle foreste e la pianificazione territoriale. “C’è ancora molta strada da fare per sensibilizzare i proprietari terrieri sulla questione della gestione del combustibile (vegetazione), nonché sulla necessità di un intervento strategico nei mosaici paesaggistici”, confessa Raquel Silva, consigliere comunale di Odemira.

La violenza e l’estensione degli incendi boschivi negli ultimi anni hanno distrutto migliaia di ettari di foresta. “Le aree rurali devono essere valorizzate affinché coloro che vi abitano, e coloro che vogliono trasferirvisi, possano beneficiare dei prodotti derivanti dalla gestione agricola e forestale. Questa gestione diversificata potrebbe interrompere la grande continuità della vegetazione dovuta all’abbandono delle campagne.

In questo modo, si creano opportunità affinché il comportamento dell’incendio riduca i suoi impatti negativi, consentendo ai vigili del fuoco e ai pompieri di spegnerlo in modo più sicuro”, afferma Conceição Colaço, ricercatore presso il CEABN dell’Instituto Superior de Agronomia e volontario ASPEA.

“È essenziale che gli agenti della protezione civile coordinino le attività educative in modo che le comunità riconoscano l’importanza di preservare le foreste, gli ecosistemi naturali e la biodiversità, al fine di aumentare la consapevolezza delle esigenze ecologiche che la nostra società richiede”, aggiunge il consigliere Raquel Silva.

Gli incendi contribuiscono anche alle emissioni di CO2 nell’atmosfera (circa il 10-30% all’anno). D’altra parte, poiché la superficie forestale è minore, la CO2 non viene rimossa dall’atmosfera dalle piante e quindi non viene trattenuta dalle piante e dal suolo.

L’educazione ambientale come prevenzione

Tradizionalmente, l’educazione ambientale si è concentrata sui comportamenti a rischio, sottolineando la necessità di non bruciare, non fumare, non fare falò, non sporcare la foresta, tra gli altri messaggi chiave.

Tuttavia, sebbene tutte queste azioni possano innescare incendi, essi si sviluppano solo se la vegetazione è molto secca, il che dipende interamente dalle condizioni meteorologiche. Dobbiamo quindi fare un salto di qualità e aumentare l’alfabetizzazione sulle condizioni meteorologiche e sui loro effetti sulla vegetazione, perché è proprio la secchezza della vegetazione, unita alla mancanza di disboscamento, che porta all’innesco di incendi che possono dare origine a vaste aree bruciate, con impatti importanti sulla nostra società e sugli ecosistemi”, spiega Conceição Colaço.

Riconoscere i segnali che il tempo ci dà (umidità, temperatura e vento), comprendere gli allarmi di rischio a livello nazionale e capire lo stato della vegetazione aiuterà a ridurre gli incendi che si sviluppano con l’uso di macchinari, falò, barbecue e altri usi del fuoco. Il lavoro educativo dovrebbe essere svolto prima dei “mesi estivi”, ma non dobbiamo dimenticare che la siccità e il vento, anche in inverno o in primavera, possono portare a incendi, aggiunge Conceição Colaço.

Oltre a questo, è importante “far conoscere la foresta portoghese, sia quella autoctona che quella delle piantagioni, con una visione olistica dei suoi benefici, sia ambientali che sociali ed economici”.

In una popolazione prevalentemente urbana, l’educazione ambientale ha il ruolo cruciale di far conoscere le esigenze del mondo rurale e le sue pratiche.

Il consumo di prodotti derivanti da attività che promuovono la gestione della vegetazione è un aspetto che dovrebbe essere valorizzato nel campo dell’educazione ambientale. Ad esempio, l’allevamento estensivo di capre, pecore e bovini favorisce la gestione della vegetazione, riducendo il rischio di incendi. In questo modo, l’acquisto di carne proveniente da questi allevamenti, di yogurt, formaggi o ricotta, aiuta il produttore a mantenere un’attività che gestisce la vegetazione in un territorio sempre più spopolato”, spiega la ricercatrice.

Vi consigliamo di guardare questo filmato che illustra le iniziative "intelligenti" per prevenire gli incendi e migliorare le aree rurali europee "FIRE-SMART STORIES - A journey through sustainable wildfire risk prevention"

☑️ Test your knowledge

Prova di comprensione del testo - L'educazione ambientale come paradigma della prevenzione degli incendi rurali

Passo 1 di 4

Quando è aumentato il numero di incendi in Portogallo?
salta al contenuto