Guerra in Ucraina: oltre 173mila migranti in Italia

Un dipinto della bandiera della pace a cura dei fedeli del Convento San Giacomo di Latronorio

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Guerra in Ucraina: oltre 173mila migranti in Italia

Scritto da Stefania De Cristofaro

A metà 2023 gli ucraini in fuga dalla guerra giunti in Italia erano quasi duecentomila, di cui 50mila minorenni. Il Ministero del Lavoro ha lanciato un programma per l’inserimento socio-lavorativo dei migranti vulnerabili.

Dall’inizio dell’invasione russa del 24 febbraio 2022, oltre 173mila cittadini ucraini sono arrivati in Italia; si tratta soprattutto di donne, anziani e bambini che in treno e in autobus hanno raggiunto diverse regioni italiane e, nella maggior parte dei casi, sono riusciti a ricongiungersi ai familiari che già lavoravano in Italia. 

Prima dell’inizio del conflitto, la comunità ucraina contava circa 230mila persone.

Il monitoraggio degli arrivi alla frontiera è coordinato dal Ministero dell’Interno che, nel periodo di tempo compreso fra il 3 marzo 2022 e il 16 giugno 2023, ha registrato un totale di ingressi pari a 173.920: 124.459 persone adulte più 49.461 minori. Gli ingressi nel frattempo sono molto cresciuti se si considera che, al 18 dicembre 2023, il totale di nuovi migranti ucraini che hanno presentato domanda di protezione temporanea sono stati 184.611 di cui 131.007 donne (pari al 71%) a cui si aggiungono 61.202 minorenni. 

La presenza maggiore di cittadini ucraini si registra nelle regione Lombardia con il 18,39%, seguita dalla Emilia-Romagna con l’11,94% e dalla Campania con il 10,39%.

Il sostegno materiale ai migranti

I cittadini ucraini che hanno presentato domanda di permesso di soggiorno per la protezione temporanea, possono anche fare richiesta per ottenere il contributo di sostentamento. Si tratta di un sostegno economico, riconosciuto in quote mensili pari a 300 euro per un massimo di tre mesi a partire dalla data della ricevuta di presentazione della domanda di permesso. Complessivamente sono 147.233 gli ucraini ammessi di cui 124.529 donne, pari all’85%.

L’ultimo report del Ministero del Lavoro segnala la presenza di 4.755 minori stranieri ucraini non accompagnati in Italia al primo aprile 2023, pari al 24,2% del totale. Il 51% è composto da bambine e ragazze (2.426), che rappresentano l’84,7% del totale delle minorenni straniere non accompagnate presenti in Italia. 

Il ministero del Lavoro (Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione), tenuto conto della platea di cittadini stranieri bisognosi di protezione, assistenza e inclusione in Italia ha lanciato il progetto “PUOI” (la sigla sta per Protezione Unita a Obiettivo integrazione) finalizzato all’inserimento socio-lavorativo di migranti vulnerabili che, tenuto conto dei motivi che li hanno spinti a fuggire, ai traumi vissuti, incontrano maggiori ostacoli nell’accesso al mercato del lavoro. Fra i destinatari ci sono richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale o speciale ed ex minori non accompagnati (MSNA).

Mentre nel periodo iniziale dell’emergenza era necessario offrire risposte ai bisogni primari, successivamente è cresciuta l’esigenza di promuovere percorsi di inclusione con l’obiettivo di inserire chi era rimasto senza lavoro e senza casa.

Il progetto italiano prevede il coinvolgimento di operatori pubblici e privati del mercato del lavoro, la rete dell’accoglienza e le aziende, per costruire percorsi personalizzati con orientamento, accompagnamento al lavoro ed esperienze di tirocinio. Ogni percorso è finanziato con fondi comunitari (tra questi c’è il Fondo Asilo Migrazione e Integrazione e il Fondo Sociale Europeo). Fra i cittadini ucraini, l’86% è rappresentato da donne. Questo perché gli uomini sono rimasti in Ucraina a difendere il proprio Paese e, per la legge marziale, non possono uscire dai confini nazionali se non in casi particolari.

Il profilo medio dei beneficiari

Con riferimento alla distribuzione per classi di età, l’80% dei destinatari dei progetti di assistenza ha un’età uguale o superiore a 30 anni, con una prevalenza della classe di età 30-39 anni. 

La fascia 18-24 anni è invece poco rappresentata. 

Dal report, inoltre, emerge che i cittadini ucraini hanno almeno un diploma di scuola secondaria superiore nell’81% dei casi, almeno una laurea nel 41% (fra le donne si sale al 45%). Bisogna considerare però che solo il 25% dei titoli di studio ucraini è riconosciuto in Italia. La comunità ucraina, tra quelle stranieri, resta quella con la più alta incidenza di laureati, più che doppia rispetto a quella rilevata per il complesso della popolazione non comunitaria: 22% contro 10,5%. 

I progetti di formazione

Un altro dato di rilievo, è che la maggior parte dei destinatari ucraini, il 72%, quando è stata inserita nel progetto ha trovato ospitalità dai privati e non in strutture di accoglienza.

Il 70% dei tirocini avviati (complessivamente sono 118) sono stati portati a termine. I tirocinanti sono stati inseriti in prevalenza in imprese ricettive (24%), in aziende operanti in altre attività dei servizi (20%) e in esercizi commerciali (10%). Seguono, i tirocini, le industrie manifatturiere (7%), le imprese o cooperative dalla sanità e assistenza sociale (6%) o che operano nel campo dell’istruzione (6%). Il 4% dei beneficiari ucraini, infine, ha svolto il tirocinio presso i Comuni.

L’Italia, inoltre, ha stanziato 31.133.046 euro per finanziare progetti di inserimento linguistico, di socialità, di integrazione e di continuità scolastica destinati alle scuole (in totale sono 3.702) che hanno accolto studenti ucraini. 

Secondo dati del Ministero dell’Istruzione e del Merito, alla fine di dicembre 2022,gli studenti ucraini iscritti in Italia sono 19.617: 3.040 nella scuola dell’infanzia; 8.809 nella Primaria; 4.786 nella Secondaria di I grado; 2.982 nella Secondaria di II grado. 

Attività complementari

FACILE

Guerra in Ucraina: oltre 173mila migranti in Italia

Scritto da Stefania De Cristofaro

A metà 2023 gli ucraini in fuga dalla guerra giunti in Italia erano quasi duecentomila, di cui 50mila minorenni. Il Ministero del Lavoro ha lanciato un programma per l’inserimento socio-lavorativo dei migranti vulnerabili.

Da quando la Russia ha iniziato a invadere l’Ucraina il 24 febbraio 2022, più di 173.000 ucraini sono fuggiti in Italia. Principalmente si tratta di donne, anziani e bambini che hanno viaggiato in treno e autobus verso varie regioni italiane, soprattutto la Lombardia (18,39%), Emilia-Romagna (11,94%) e dalla Campania (10,39%).

Nella maggior parte dei casi i migranti, sono riusciti a riunirsi con i loro familiari che già vivevano e lavoravano in Italia, circa 230.000 persone. Tra il 3 marzo 2022 e il 16 giugno 2023 a questa comunità di ucraini, si sono aggiunti 173.920 nuovi migranti, di cui 124.459 adulti e 49.461 minorenni. Gli arrivi sono notevolmente aumentati nel periodo successivo visto che, nel dicembre 2023, altre 184.611 persone hanno inviato all’Italia una richiesta di protezione temporanea. Di queste, 131.007 donne (pari al 71%) e 61.202 minorenni.

Il sostegno materiale ai migranti

I cittadini ucraini che hanno ottenuto il permesso di soggiorno per la protezione temporanea possono anche chiedere un contributo finanziario di sostegno pari a 300 euro al mese per un massimo di tre mesi. Complessivamente sono stati ammessi 147.233 ucraini, di cui il 85% sono donne (124.529). Inoltre, il Ministero del Lavoro ha lanciato il progetto “PUOI” (Protezione Unita a Obiettivo integrazione) per l’inserimento sociale e lavorativo di migranti vulnerabili, un’iniziativa che si concentra su richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale o speciale ed ex minori non accompagnati. L’86% dei cittadini ucraini coinvolti sono donne, poiché la legge marziale in Ucraina impedisce alla maggior parte degli uomini di lasciare il paese, a meno che non ci siano casi particolari.

All’inizio dell’emergenza, l’Italia si è concentrata sull’offrire assistenza per i bisogni primari. Successivamente, si è passati a promuovere percorsi di inclusione per inserire coloro che sono rimasti senza lavoro e alloggio.

Il profilo medio dei beneficiari

L’80% delle persone coinvolte in questi progetti di assistenza e sostegno ha un’età compresa tra i 30 e i 39 anni. Dai dati emerge anche che l’81% di questi cittadini ucraini ha almeno un diploma di scuola superiore, mentre il 41% ha almeno una laurea (percentuale che sale al 45% tra le donne). Tuttavia, solo il 25% dei titoli di studio ucraini è riconosciuto in Italia.

Il 72% dei partecipanti ha trovato alloggio presso famiglie e strutture private.

I progetti di formazione

Il 70% dei tirocini avviati (118 in totale) è stato completato con successo. I tirocinanti sono stati inseriti principalmente in imprese ricettive (24%), aziende di servizi (20%) e esercizi commerciali (10%). Altri settori includono le industrie manifatturiere (7%), la sanità e l’assistenza sociale (6%), l’istruzione (6%) e il 4% ha svolto il tirocinio presso i Comuni.

L’Italia ha destinato 31.133.046 euro per finanziare progetti di inserimento linguistico, integrazione sociale e continuità scolastica per le 3.702 scuole che hanno accolto studenti ucraini. A dicembre 2022, gli studenti ucraini iscritti in Italia erano 19.617, distribuiti tra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado.

Tutte le misure di assistenza e accoglienza per la popolazione ucraina sono state prolungate fino al 31 dicembre 2023.

☑️ Test your knowledge

Domande di comprensione del testo - Guerra in Ucraina: oltre 173mila migranti in Italia

Passo 1 di 3

Quando è iniziata l'aggressione della Russia in Ucraina?
salta al contenuto