Bad Gyal, un’icona rappresentativa della generazione Z.

  • Bad Gyal alla presentazione del 24 Karats Tour a Barcellona. Getty Images.

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Bad Gyal, un’icona rappresentativa della generazione Z.

Scritto da Laura Casamitjana y Joan Cascante Agudo

L'artista catalana difende il suo stile audace in occasione del lancio del suo album di debutto con un nuovo spettacolo tutto esaurito al Palau Sant Jordi, un importante stadio per concerti a Barcellona.

Nativi digitali, erroneamente soprannominati dalla generazione precedente come la “generazione di vetro”: sensibili alla salute mentale, alla diversità, alla cura del pianeta…Il termine Generazione Z include coloro nati a metà degli anni ’90, all’alba di importanti cambiamenti globali come la creazione di Google.

L’identità dei Centennials – come qualsiasi altra sottocultura giovanile nella storia – presenta alcune caratteristiche molto distintive. La loro natura inclusiva fa sì che l’estetica diventi un meccanismo di esternalizzazione, e i loro abiti, il loro modo di esprimersi, la loro musica, i loro gusti, sono ulteriori prove della loro inclusività. La fluttuazione dell’espressione di genere, l’abolizione dei canoni conservatori di cosa sia “maschile o femminile” o l’empowerment delle donne sono gli assi principali su cui si basa la personalità dei Centennials. La musica, un alleato trascendentale. L’emergere di varietà fusion con radici nella musica storicamente maltrattata – come il reggaeton – e il loro passaggio al mainstream, ha fatto sì che i centenari avessero il loro cast di dive generazionali: Rosalía, Karol G o… Bad Gyal.

Eclettismo come identità

Nel febbraio 2023, il primo concerto di Bad Gyal al Palau Sant Jordi è stato un successo strepitoso: “Sapete che non sono molto brava a parlare. Sono venuta per fare festa, sono a Barcellona, a casa, e quindi voglio annunciare che il mio nuovo album si chiamerà ‘La Joia’”, ha detto, nel bel mezzo dello spettacolo. Un anno dopo, la sua profezia si è avverata con un altro concerto sold-out, dove ha presentato il tour 24 Karats e ha attirato più di 16.000 persone.

È entrata nell’industria musicale otto anni fa con ‘Pai’ e ‘Indapanden’, caricando i video sul suo canale YouTube: “L’ho fatto da sola, nessuno mi ha aiutato, né i miei colleghi né i miei genitori, nessuno ha capito la mia mossa”, ha rivelato in un’intervista.      

 La sua predilezione per i ritmi delle radici giamaicane – è stata una pioniera nell’introdurre la dancehall in Spagna – o i riferimenti all’R&B, come nella sua reinterpretazione di “Work” di Rihanna, hanno seminato le piante di un cambiamento di paradigma – che si stava preparando fin dalla metà del decennio scorso – e che ora hanno radici profonde.

Bad Gyal è una precorritrice accidentale, rappresentativa di uno schema nuovo che caratterizza l’attuale scena mainstream.

Il suo eclettismo rende difficile categorizzare la sua musica: Trap? Dancehall? Reggaeton? I suoi inizi possono essere collocati nel contesto dell’emergere di generi underground come la trap, e senza dubbio hanno segnato una rottura con l’archetipo dell’industria musicale spagnola.       

 L’emergere di nuovi codici e varietà ha portato all’abuso, che ancora oggi esiste, del termine “musica urbana”. Il termine non chiarisce molto se sia un genere in sé, è in qualche modo un contenitore generico e uno “sbiancamento” di generi tradizionalmente neri: negli anni ’80 negli Stati Uniti, veniva usato per includere tutto ciò che riguardava l’hip hop o l’R&B. Dal 2000 – soprattutto con la diffusione mainstream di generi latini tradizionali – è stato usato per includere tutto, dal reggaeton al trap.

Anche se Bad Gyal non ha surfato l’onda della trap, la logica della musica urbana l’ha certamente inglobata. È difficile definire in quale genere si posizioni, ma è facile vedere tutti gli influssi che convergono nel suo lavoro. “Non voglio che le ragazze mi guardino e vogliano essere come me. Ma esco a Barcellona e vedo molte ragazze che sono andate a fare shopping…Vedo Bad Gyals per strada, per così dire”, ha confessato in un’intervista a Ernesto Castro per Vice.             

 Il suo amore per la moda è evidente nei suoi outfit dosmilero (moda degli anni 2000), nelle parrucche bionde e nelle unghie rococò. Nata nel 1997, Alba Farelo è stata anche una pioniera nell’imporre nuovi standard in un’industria dove l’estetica è fondamentale. Non fa solo musica: fa musica e moda; ed è una Gen Z che parla – e fa riferimento – alla Gen Z. Nell’ora e mezza di concerto in cui ha compresso 36 canzoni, ha anche prenotato una passerella, arrivando con borse di lusso impreziosite con le sue iniziali, mentre il pubblico impazziva al grido di “regina”.

“Vediamo se riuscite ad accendere i fan, tutti quanti, pieni, pieni, pieni, pieni, pieni, pieni. Andiamo alla festa, giusto?” è stata una delle poche frasi pronunciate durante l’intero spettacolo. Perché Bad Gyal non offre concerti come al solito. Offre spettacoli e feste con cambi di costume e rituali fisici con il suo sedere come protagonista. Artista senza complessi, è consapevole che le sue coreografie sono il suo marchio di fabbrica, proprio come l’autotune del suo sound: “Per quanto riguarda le canzoni, faccio tutto da sola. La scelta dei produttori, il suono dei beat, il tipo di suoni…”, ha spiegato in un’intervista.

 Come dice nella sua canzone Slim Thick, “I testi di Bad Gyal sono scritti da Alba” e la spudoratezza con cui parla di sesso suscita passione e critiche in misura quasi uguale. “Mi chiama santa, santa Maria / Perché la mia figa è stretta come il primo giorno”, canta in uno dei suoi brani di riferimento. L’artista catalana è un discorso osceno e volgare per una certa morale e un appello per l’emancipazione delle nuove generazioni.

Connettersi con il mondo LGTBQ+

Il fenomeno Bad Gyal ha conquistato i Centennials ed è diventato un’icona per il pubblico LGTBQ+. “Yo solo quiero janguear y pasarla bien” (voglio solo fare festa e divertirmi), uno degli slogan con cui i giovani si sono identificati: divertirsi, fare quello che si vuole e vestirsi come si vuole.

Nella Spagna del secolo scorso, in un contesto di maggiore oppressione e repressione nei confronti del collettivo LGBTQ+, le grandi dive della canzone sono diventate un rifugio indispensabile: abiti roboanti, acconciature scioccanti – e molto caratteristiche -, espressione viscerale delle loro passioni…La sete di rappresentazione del pubblico ha trovato in queste figure femminili forti e dirompenti un alone di speranza. Proprio come è accaduto con le dive del pop dagli anni ’90 in poi – in un contesto globale e con maggiori diritti – e come ora si sta incanalando nelle rappresentanti della scena urbana, con il caso paradigmatico di Bad Gyal. È lei il nuovo folklore.

Attività complementari

FACILE

Bad Gyal, un’icona rappresentativa della generazione Z.

Scritto da Laura Casamitjana y Joan Cascante Agudo

L’artista catalana difende il suo stile audace in occasione del lancio del suo album di debutto con un nuovo spettacolo tutto esaurito al Palau Sant Jordi, un importante stadio per concerti a Barcellona.

I nativi digitali, erroneamente definiti dalle generazioni precedenti come la “generazione di vetro”: sensibili alla salute mentale, alla diversità, alla cura del pianeta… La Generazione Z inizia con coloro nati a metà degli anni ’90, all’alba di importanti cambiamenti globali, come la creazione di Google. L’identità dei centennials – come qualsiasi altra sottocultura giovanile nella storia – ha alcune caratteristiche molto distintive. La loro natura inclusiva fa sì che l’estetica diventi un meccanismo di esternalizzazione, e i loro vestiti, il loro modo di esprimersi, la loro musica, i loro gusti, sono ulteriore prova della loro inclusività. La fluttuazione dell’espressione di genere, l’abolizione dei canoni conservatori di ciò che è “maschio o femmina” o l’empowerment delle donne sono gli assi principali su cui si basa la personalità dei centennials. La musica, un alleato trascendentale. L’ascesa delle fusioni, con radici nella musica storicamente maltrattata – come il reggaeton – e il loro passaggio nel mainstream, ha significato l’individuazione da parte dei centennials di un proprio cast di dive generazionali: Rosalía, Karol G o… Bad Gyal.

Eclettismo come identità

Nel febbraio 2023, il primo concerto di Bad Gyal al Palau Sant Jordi è stato un successo strepitoso: “Sapete che non sono molto brava a parlare. Sono venuta per fare, festa, sono a Barcellona, a casa, e quindi voglio annunciare che il mio nuovo album si chiamerà ‘La Joia’”, ha annunciato durante lo spettacolo. Un anno dopo, la sua profezia si è avverata con un altro concerto sold-out, dove ha presentato il tour 24 Karats e ha attirato più di 16.000 persone.

Il suo successo nella scena musicale è esploso otto anni, fa con brani come ‘Pai’ e ‘Indapanden’, condivisi sul suo canale YouTube. “Ho fatto tutto questo da sola, nessuno mi ha aiutato, né i miei colleghi né i miei genitori, nessuno ha capito la mia mossa”, ha confessato in un’intervista. La sua musica, che fonde ritmi giamaicani con accenni all’R&B, l’ha resa una figura influente nella scena mainstream.

Bad Gyal è all’avanguardia in un nuovo paradigma musicale, rappresentando un mix di generi che sfida la categorizzazione tradizionale. È difficile etichettarla in un singolo genere. La sua musica proviene da un’immaginazione diversificata, dalla dancehall al reggaeton. “È difficile definire quale genere faccio, è facile vedere tutti gli influssi che si uniscono nel mio lavoro”, ha spiegato in un’intervista.

Oltre alla sua musica, Bad Gyal è conosciuta per il suo stile distintivo, che incorpora elementi della moda degli anni 2000. Nata nel 1997, Alba Farelo ha stabilito nuovi standard nell’industria musicale, facendo dell’estetica una parte fondamentale della sua immagine pubblica, rappresentando la generazione a cui appartiene. Nei suoi concerti, Bad Gyal offre più che musica: mette in scena spettacoli con cambi d’abito e coreografie elaborate. L’artista è consapevole che i suoi movimenti fanno parte della sua identità artistica tanto quanto l’autotune nella sua musica. Con testi che vanno dal divertimento all’affrontare apertamente questioni di sessualità, sfida le norme sociali e promuove un messaggio di emancipazione per le nuove generazioni. Il suo discorso può essere controverso per alcuni, ma per altri è una voce coraggiosa e liberatoria.

Connettersi con il mondo LGTBQ+

Il fenomeno Bad Gyal ha conquistato la generazione Z ed è diventato un’icona per la comunità LGTBQ+. Con slogan come “Yo solo quiero janguear y pasarla bien” (voglio solo fare festa e divertirmi), si è connessa allo spirito dei giovani che apprezzano la libertà di essere se stessi e di vestirsi come vogliono. In passato, in Spagna, le grandi dive della musica erano un rifugio per il collettivo LGTBQ+ in un contesto di oppressione. Con i loro abiti stravaganti e le loro acconciature particolari, queste dive erano un simbolo di speranza per chi cercava rappresentanza e libertà di espressione. Oggi, Bad Gyal occupa un posto simile come rappresentante della scena urbana, un simbolo moderno e dirompente che riflette diversità e autenticità. Incarna il nuovo folklore del nostro tempo.

 

☑️ Test your knowledge

Quiz sulla comprensione della lettura. Bad Gyal, un'icona rappresentativa della generazione Z.

Passo 1 di 3

Secondo il testo, cosa rappresentavano le grandi dive musicali del passato?
salta al contenuto