Si apre la caccia ai giornalisti a Gaza

Nel conflitto tra Israele e Palestina ogni giorno muore più di un giornalista. GettyImages

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Si apre la caccia ai giornalisti a Gaza

Scritto da Patricia Simón

Almeno un terzo dei giornalisti uccisi nella Striscia dai bombardamenti israeliani ha trovato la morte in casa, in molti casi con le proprie famiglie. Negli ultimi giorni, membri di spicco del governo israeliano hanno intensificato la criminalizzazione dei giornalisti di Gaza, equiparandoli a Hamas.

“Bombardano a tutte le ore e ovunque. Quando un ospedale o una scuola vengono bombardati, andiamo lì perché dobbiamo documentare le vittime, intervistare i sopravvissuti. Ma sappiamo che è molto rischioso perché in qualsiasi momento possono bombardare di nuovo. E i gilet e gli elmetti sono inutili perché non ci proteggono dalle bombe.

Sami Abu Salem risponde alle domande via WhatsApp, con brevi note vocali, tra il rumore della folla in strada, approfittando del segnale internet. Passano ore prima che riceva un altro messaggio. “Abbiamo a malapena una connessione. È difficile sapere se i nostri compagni stanno bene ed è molto difficile fare un reportage in questo modo”, spiega. 

Il 7 ottobre, Hamas ha ucciso più di 1.200 persone, ne ha rapite più di 240 e ha ucciso quattro giornalisti, due dei quali si trovavano in un kibbutz vicino alla Striscia e due al festival musicale Supernova. Da allora, l’esercito israeliano ha ucciso almeno 11.000 persone – di cui più di 4.000 bambini – nella Striscia di Gaza. Tra le vittime palestinesi ci sono ora più di 40 giornalisti, rendendo la guerra di Israele contro Gaza il conflitto con il più alto numero di giornalisti uccisi nel più breve periodo di tempo. L’invasione illegale dell’Iraq nel 2003, una delle più letali per i giornalisti – 283 dal 2003 – ha causato la morte di undici professionisti nel primo mese di occupazione.

Uccisi nelle loro case 

Secondo i dati raccolti dal Sindacato dei giornalisti palestinesi e dal Comitato per la protezione dei giornalisti, almeno 12 giornalisti sono stati uccisi a causa dei bombardamenti israeliani sui loro quartieri e sulle loro case, dove nella maggior parte dei casi risiedevano con i familiari. È il caso di Abu Hassira, giornalista dell’agenzia di stampa Wafa dell’Autorità Palestinese, ucciso il 7 novembre in un attacco israeliano alla sua casa che ha ucciso anche 42 membri della sua famiglia

Due giorni prima, Mohamed Al Jaja, giornalista dell’organizzazione per la libertà di stampa Press House-Palestine, è stato ucciso insieme alla moglie e alle figlie in un bombardamento sulla loro casa ad Al-Naser, nel nord di Gaza. Un altro esempio è il giornalista freelance Assad Shamlakh, la cui casa è stata bombardata l’8 ottobre, il primo giorno dell’offensiva, e che è morto insieme a nove membri della sua famiglia.

Secondo Shorouq Assad del Sindacato dei giornalisti palestinesi, almeno tre reporter sono stati uccisi nelle loro case dopo aver trascorso la giornata a documentare i crimini commessi dall’esercito israeliano. È il caso di Mohammed Abu Hatab, un videoreporter di Palestine TV. È morto insieme a 11 membri della sua famiglia dopo che la loro casa è stata bombardata il 2 novembre. Vivevano a Khan Yunis, nel sud di Gaza, la regione in cui Israele ha ordinato alla popolazione del nord di trasferirsi, presumibilmente per mettersi al sicuro.

Anche Rushdi Al Sarraj era appena tornato alla casa di famiglia dopo aver trascorso la giornata a intervistare i sopravvissuti agli attacchi, quando è iniziato il bombardamento dell’edificio in cui viveva la sua famiglia. Si era trasferito lì con la moglie e la figlia qualche giorno prima, pensando che avrebbero avuto maggiori possibilità di essere al sicuro. Secondo le testimonianze successive, Al Sarraj ha protetto con il suo corpo la moglie e la figlia di un anno, che sono sopravvissute. È morto durante il trasferimento in ambulanza per le ferite da schegge. In totale, dall’11 novembre, dodici giornalisti palestinesi sono stati uccisi insieme alle loro famiglie.

“Israele sa perfettamente dove si trova tutto e tutti a Gaza. Lo sa dalle schede dei cellulari, dal satellite, dai droni, dalle informazioni che ha raccolto. Un esempio: quando hanno bombardato le strutture della società di telecomunicazioni palestinese Jawal, cinque ingegneri sono andati a ripararle. Poco dopo sono stati uccisi”, spiega Assad, che ha più di 30 anni di esperienza come reporter nei Territori Palestinesi Occupati.

Le indagini condotte finora sulle uccisioni delle case dei giornalisti non sono in grado di chiarire se si tratti di una risposta ai bombardamenti di edifici civili, di un crimine di guerra o di un obiettivo specifico per i reporter. Per la maggior parte delle forze dell’ordine di tutto il mondo è prassi comune utilizzare la triangolazione per identificare la posizione di una persona attraverso la sua carta SIM. Questo è stato, ad esempio, uno dei metodi più comuni utilizzati dagli Stati Uniti per l’esecuzione extragiudiziale di persone accusate di terrorismo.

Nel 2013, la stampa tedesca ha rivelato come i servizi segreti tedeschi avessero consegnato al Pentagono informazioni sui telefoni di sospetti terroristi e come il Pentagono li avesse annientati utilizzando droni in Pakistan. Nel maggio dello stesso anno, il leader della Jihad islamica Ziyad al-Nakhalah ha affermato che i sei miliziani uccisi durante un’operazione israeliana erano stati tracciati dai loro telefoni. 

Nelle ultime settimane, abbiamo anche visto giornalisti nella Striscia o le loro famiglie ricevere telefonate che li invitavano a lasciare le loro case se non volevano subire le conseguenze dei loro attacchi. È il caso della giornalista di Al Jazeera Youmna El Sayed. Suo marito ha ricevuto una telefonata da qualcuno che si è identificato come un membro dell’esercito israeliano che lo invitava a lasciare la sua casa nel nord di Gaza perché era “in un luogo pericoloso”. Quando le ha chiesto dove potevano fuggire, visti i bombardamenti e il fatto che la strada che portava a sud era piena di carri armati, le è stato risposto che non poteva darle questa informazione, ma che dovevano partire immediatamente. 

Questo ultimatum è arrivato cinque giorni dopo che i bombardamenti avevano ucciso la moglie, i due figli piccoli e il nipote di Wael Al-Dahdouh, capo corrispondente di Al Jazeera a Gaza. Si trovavano infatti nel campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza, dove si erano trasferiti dal nord, seguendo le istruzioni israeliane. “Si vendicano di noi attraverso i nostri figli”, ha dichiarato la donna quando ha trovato il corpo del figlio.

Secondo i dati raccolti dal Sindacato dei giornalisti palestinesi, almeno altri tre parenti di giornalisti sono stati uccisi: Mohamad Aloul ha perso i suoi quattro figli, tre sorelle e tre nipoti; Atiyeh Darwish, suo fratello – nel 2019 un cecchino israeliano ha lasciato questo stesso giornalista senza un occhio; e Moataz Azayzeh ha avuto più di 15 familiari portati via dai bombardamenti.

Bombardamenti su civili disarmati

“Abbiamo casi di giornalisti che stavano raccogliendo testimonianze di sopravvissuti e che poi sono stati presi direttamente di mira. Altri tre sono andati a vivere in un albergo pensando di essere più al sicuro e hanno visto le bombe cadere proprio davanti a loro. Ma siamo chiari: gli attacchi ai giornalisti non sono iniziati un mese fa, sono 75 anni che vanno avanti”, spiega Shorouq Asaad, membro del Sindacato dei giornalisti palestinesi. “Ho coperto centinaia di manifestazioni nel corso dei decenni. Noi giornalisti palestinesi andiamo sempre insieme, con gilet ed elmetti, con i tesserini da giornalista, eppure ci sparano addosso con munizioni vere, con il gas. Io stesso sono stato seguito molte volte dai cecchini. Noi giornalisti palestinesi siamo sempre stati un bersaglio per l’esercito israeliano. Solo che ora è più brutale e pericoloso. Ecco perché più di 60 uffici stampa nella Striscia, dove di solito si trovano i giornalisti, sono stati bombardati con missili.

Reporter senza frontiere (RSF) ha denunciato alla Corte penale internazionale i crimini di guerra commessi contro i giornalisti da Israele e Hamas. La denuncia riporta i casi di otto giornalisti palestinesi uccisi dai bombardamenti israeliani nella Striscia e di un giornalista israeliano ucciso da membri di Hamas mentre copriva l’attacco al suo kibbutz, oltre ai casi di due palestinesi feriti e agli attacchi agli uffici dei media nella Striscia.

Israele prende di mira i giornalisti di Gaza come terroristi 

Mentre i bombardamenti israeliani hanno ucciso in media più di un giornalista al giorno, diversi membri del governo di Netanyahu hanno ripetuto pubblicamente di “non poter garantire la sicurezza” dei reporter che lavorano nella Striscia per agenzie internazionali come France Press o Reuters. In questo modo, non solo li hanno esortati a smettere di raccontare, ma li hanno anche differenziati dai professionisti che lavorano in modo indipendente o per i media arabi.

Mentre Israele si vanta di aver violato i principi di protezione dei giornalisti sanciti dal diritto internazionale, un’organizzazione dedicata alle pressioni sui media occidentali chiamata Honest Reporting – registrata a New York e con sede anche a Tel Aviv – ha pubblicato una foto non datata di un fotoreporter freelance con un leader di Hamas che accompagnava un articolo in cui si accusavano cinque giornalisti che lavoravano per la Reuters, l’Associated Press, il New York Times e la CNN di conoscere in anticipo i piani di Hamas per gli attentati del 7 ottobre. 

Poco dopo, la Direzione nazionale della diplomazia pubblica del primo ministro israeliano ha definito i giornalisti “complici di crimini contro l’umanità” e ha chiesto “un’azione immediata”. Il ministro della Difesa Benny Gantz ha twittato che se i giornalisti sapevano del massacro in anticipo non erano “diversi dai terroristi e dovrebbero essere trattati come tali”. Il deputato Danny Danon, del partito Likud del presidente Netanyahu, ha chiesto sullo stesso social network l'”eliminazione” dei fotoreporter “che hanno partecipato alla copertura del massacro”. Il quotidiano più letto in Israele, il Jerusalem Post, di estrema destra, ha pubblicato articoli che ritraggono i giornalisti di Gaza come propagandisti di Hamas.

L’ufficio di RSF per il Medio Oriente ha dichiarato: “Le autorità israeliane sono passate dall’affermare di non poter garantire la protezione dei giornalisti a Gaza alle minacce di morte contro i giornalisti che coprono il conflitto, basate su sospetti che finora non sono sostenuti da argomenti o prove. Le dichiarazioni che screditano l’integrità di un’intera professione su questa base sono inaccettabili. Condannano e incitano alla persecuzione di coloro che rischiano la vita per riportare le notizie. Condanniamo queste dichiarazioni e ribadiamo che prendere di mira i giornalisti che coprono i conflitti è un crimine di guerra. 

L’aumento della criminalizzazione del giornalismo da parte di Israele arriva in un momento in cui il Parlamento ha approvato un emendamento alla legge antiterrorismo che rende punibile fino a un anno di carcere chiunque “consumi sistematicamente e continuamente pubblicazioni terroristiche”, definite come “un invito diretto a commettere un atto di terrorismo” o “parole di lode, simpatia o incoraggiamento per un atto di terrorismo”. Una definizione confusa per la quale decine di palestinesi in Cisgiordania e di israeliani – compresi i palestinesi con cittadinanza israeliana – sono già stati arrestati per aver pubblicato sui social media o sui profili WhatsApp messaggi critici nei confronti degli attacchi a Gaza o di simpatia per il dolore della popolazione. 

Nel frattempo, il ministro dell’Informazione israeliano ha bollato Al Jazeera come un’emittente di “propaganda” per “organizzazioni terroristiche”, riportandola sotto i riflettori. “Abbiamo trovato uno schema nei bombardamenti delle stazioni di trasmissione di Al Jazeera nella Striscia di Gaza. È chiaro che la considerano un obiettivo. E ora, con questa riforma legale, ciò che intendono fare è accusare coloro che seguono le notizie su questo canale di simpatia per il terrorismo, per criminalizzare gli spettatori”, avverte Alfonso Bauluz, giornalista e presidente di Reporter senza frontiere-Spagna, in una conversazione telefonica. 

Reporter Senza Frontiere-Spagna ha anche dimostrato con ampie prove che l’attacco israeliano che ha ucciso il reporter libanese della Reuters Issam Abdallah e ferito altri quattro giornalisti nel sud del Libano è stato deliberato. Due elicotteri israeliani li avevano precedentemente sorvolati, loro e i loro veicoli erano chiaramente identificati con cartelli stampa, c’era piena visibilità grazie alla loro posizione e al cielo sereno, e si trovavano in cima alla collina da più di un’ora. RSF non ha potuto includere questo caso nella sua denuncia alla Corte penale internazionale perché il Libano non è uno Stato parte.

Il 5 novembre, l’esercito israeliano ha usato un drone per attaccare le due auto su cui viaggiava il giornalista Sami Ayoub nel sud del Libano, insieme alla sorella, alla nipote e alle sue tre figlie. Solo Ayoub e sua nipote, Huda Hijazi, sono sopravvissuti all’attacco. “Prima avevo detto loro di giocare vicino all’auto perché il drone era sopra di noi. Ho pensato che in questo modo gli israeliani avrebbero saputo che c’erano dei bambini nel veicolo”, ha dichiarato Ayoub in un’intervista. “Le bambine sono state bruciate davanti ai miei occhi”, ha aggiunto.

“Quello che sta accadendo ai giornalisti palestinesi è un crimine di guerra, parte di un genocidio, un tentativo di coprire la verità, di nascondere il lavoro che stanno facendo. I nostri giornalisti dovrebbero essere protetti dal diritto internazionale”, ha lamentato Assad da Gerusalemme. “È una vergogna che coloro che parlano di libertà di stampa e diritti umani ora tacciano con il loro silenzio complice. Questo silenzio è una carta bianca per Israele per andare avanti. Spero che un giorno potremo rivolgerci alla Corte penale internazionale e punire ogni singolo responsabile dell’uccisione di giornalisti. Chiedo protezione e sicurezza per non perdere altri colleghi. Assad cerca di tenere sotto controllo i suoi colleghi a Gaza, ma è difficile a causa dei continui tagli di Internet alla Striscia. 

“La preoccupazione principale dei giornalisti a Gaza è quella di avere cibo, acqua, un posto dove essere al sicuro. Ma non c’è”, aggiunge Assad, che ricorda come Israele impedisca da anni l’ingresso di giubbotti antiproiettile ed elmetti in Cisgiordania e a Gaza. “Anche al valico egiziano di Rafah ci sono decine di dispositivi di protezione, ma non li lasciano entrare”, aggiunge. 

“Con i loro bombardamenti arbitrari, le forze armate israeliane eliminano un giornalista dopo l’altro senza alcun ritegno. Tutto questo mentre i loro commenti inaccettabili tradiscono un palese disprezzo per il diritto umanitario internazionale”, ha dichiarato Jonathan Daghuer, responsabile di Reporter senza frontiere in Medio Oriente. Il suo omologo in Spagna, Alfonso Bauluz, riassume: “Gaza è diventata un cimitero per i giornalisti”.

Più di 1.000 giornalisti e una trentina di organizzazioni spagnole, messicane e internazionali hanno firmato un manifesto in cui si chiede a Israele di porre immediatamente fine ai bombardamenti, di proteggere la popolazione civile e i giornalisti, di permettere alla stampa internazionale di accedere alla Striscia e a Hamas di rilasciare immediatamente gli ostaggi. 

Giornalisti uccisi dagli attacchi israeliani a Gaza

7 novembre 2023

Yahya Abu Manih, ucciso in un bombardamento nella Striscia di Gaza.

Mohamed Abu Hassira, ucciso insieme a 42 membri della sua famiglia in un bombardamento sulla sua casa a Gaza.

5 novembre 2023

Mohamed Al Jaja, ucciso insieme alla moglie e alle due figlie in un bombardamento sulla loro casa nel quartiere di Al-Naser, nel nord di Gaza.

2 novembre 2023

Mohammed Abu Hatab, ucciso insieme a 11 membri della famiglia in un bombardamento della sua casa a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.

1 novembre 2023 

Majd Fadl Arandas, ucciso da un bombardamento israeliano nel campo profughi di Nuseirat.

Iyad Matar, ucciso con la madre in un bombardamento nella Striscia di Gaza. 

31 novembre 2023 

Imad Al-Wahidi, ucciso insieme ai membri della sua famiglia in un bombardamento nella Striscia di Gaza.

Majed Kashko, ucciso insieme ai membri della sua famiglia in un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza. 

30 ottobre 2023

Nazmi Al-Nadim, ucciso insieme ai membri della sua famiglia in un bombardamento della sua casa a Zeitoun, nella parte orientale di Gaza. 

27 ottobre 2023

Yasser Abu Namous, ucciso con la sua famiglia in un bombardamento a Khan Yunis. 

26 ottobre 2023 

Duaa Sharaf, uccisa con la figlia nella sua casa nel quartiere Yarmouk di Gaza.

25 ottobre 2023

Saed Al-Halabi, ucciso in un bombardamento del campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza. 

Ahmed Abu Mhadi, ucciso in un bombardamento israeliano.

Salma Mkhaimer, uccisa con la figlia in un bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

23 ottobre 2023

Mohammed Imad Labad, ucciso in un bombardamento israeliano nel quartiere Sheikh Radwan di Gaza City. 

22 ottobre 2023 

Roshdi Sarraj, ucciso in un bombardamento israeliano nella Striscia. 

20 ottobre 2023 

Mohammed Ali, ucciso da un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza. 

19 ottobre 2023 

Khalil Abu Aathra, ucciso insieme al fratello in un bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

18 ottobre 2023

Sameeh Al-Nady, ucciso in un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza. 

17 ottobre 2023

Mohammad Balousha, ucciso in un bombardamento israeliano nel quartiere di Al-Saftawi, nel nord della Striscia di Gaza. 

Issam Bhar, ucciso da un bombardamento israeliano nel nord della Striscia di Gaza. 

16 ottobre 2023

Abdulhadi Habib, ucciso insieme a diversi membri della sua famiglia da un missile che ha colpito la sua casa vicino al quartiere di Zeitoun, nel sud della città di Gaza.

14 ottobre 2023

Yousef Maher Dawas, ucciso insieme alla sua famiglia da un missile sparato contro la loro casa a Beit Lahia, nel nord della Striscia di Gaza. 

13 ottobre 2023

Husam Mubarak, ucciso da un bombardamento israeliano nel nord della Striscia di Gaza. 

12 ottobre 2023

Ahmed Shehab, ucciso insieme alla moglie e ai tre figli da un bombardamento israeliano sulla loro casa a Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza. 

11 ottobre 2023

Mohamed Fayez Abu Matar, ucciso da un bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

10 ottobre 2023

Salam Mema, ucciso da un bombardamento nel campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza. 

Saeed al-Taweel, ucciso quando gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato un’area nel quartiere Rimal di Gaza City, dove hanno sede molti media.

Mohammed Sobh, ucciso quando gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato un’area nel distretto di Rimal, a Gaza City, dove hanno sede molti media.

Hisham Alnwajha, ferito da un bombardamento israeliano nel quartiere di Rimal. È morto giorni dopo.

8 ottobre 2023 

Assaad Shamlakh, ucciso insieme a nove membri della sua famiglia in un bombardamento israeliano sulla sua casa a Sheikh Ijlin, nel sud della Striscia di Gaza.  

Mohammad Al-Salhi, ucciso vicino a un campo profughi nella Striscia di Gaza. 

Mohammad Jarghoun, ucciso a Rafah est, nel sud della Striscia di Gaza.

Ibrahim Mohammad Lafi, ucciso al valico di Erez nella Striscia di Gaza. 

Articolo originale tratto da La Marea

Attività complementari

FACILE

Si apre la caccia ai giornalisti a Gaza

Scritto da Patricia Simón

Almeno un terzo dei giornalisti uccisi nella Striscia dai bombardamenti israeliani ha trovato la morte in casa, in molti casi con le proprie famiglie. Negli ultimi giorni, membri di spicco del governo israeliano hanno intensificato la criminalizzazione dei giornalisti di Gaza, equiparandoli a Hamas.

“I bombardamenti avvengono continuamente e ovunque. Quando colpiscono un ospedale o una scuola, andiamo lì per documentare e parlare con le persone che sopravvivono. Ma è molto pericoloso perché potrebbero bombardare di nuovo in qualsiasi momento. Anche se indossiamo gilet ed elmetti, non ci proteggono dalle bombe.

Sami Abu Salem ci risponde via WhatsApp tra il rumore della folla in strada, approfittando del segnale internet. Ci vorrà molto tempo prima di ricevere un altro messaggio perché la connessione è pessima. È difficile sapere se i nostri colleghi stanno bene e comunicare in questo modo rende molto complicato il reportage.

Il 7 ottobre, Hamas ha ucciso più di 1.200 persone, ne ha rapite più di 240 e ha ucciso quattro giornalisti, due dei quali si trovavano in un kibbutz vicino alla Striscia e gli altri due al festival musicale Supernova. Da allora, l’esercito israeliano ha ucciso almeno 11.000 persone nella Striscia di Gaza, di cui più di 4.000 erano bambini. Anche più di 40 giornalisti palestinesi hanno perso la vita, rendendo questa guerra il conflitto con il maggior numero di giornalisti uccisi nel più breve periodo di tempo. L’invasione illegale dell’Iraq nel 2003, uno dei periodi più letali per i giornalisti, ha causato la morte di undici professionisti nel primo mese di occupazione.

Uccisi nelle loro case

Secondo le informazioni raccolte dal Sindacato dei giornalisti palestinesi e dal Comitato per la protezione dei giornalisti, almeno 12 giornalisti sono stati uccisi dai bombardamenti israeliani nelle loro case, dove nella maggior parte dei casi si trovavano con le loro famiglie. Ad esempio, Abu Hassira, giornalista dell’agenzia di stampa Wafa, è stato ucciso il 7 novembre in un attacco israeliano che ha ucciso anche 42 membri della sua famiglia.

Un altro caso è stato quello di Mohamed Al Jaja, giornalista della Press House-Palestine, ucciso insieme alla moglie e alle figlie in un bombardamento della loro casa ad Al-Naser, nel nord di Gaza. Anche Assad Shamlakh, un giornalista freelance, è stato ucciso insieme a nove membri della sua famiglia quando la sua casa è stata bombardata l’8 ottobre, il primo giorno dell’offensiva.

Secondo Shorouq Assad del Sindacato dei giornalisti palestinesi, almeno tre reporter sono stati uccisi nelle loro case dopo aver trascorso la giornata a documentare i crimini dell’esercito israeliano. Mohammed Abu Hatab, un videoreporter di Palestine TV, è stato ucciso insieme a 11 membri della sua famiglia il 2 novembre quando la loro casa a Khan Yunis, nel sud di Gaza, è stata bombardata.

Rushdi Al Sarraj stava tornando a casa dopo aver intervistato i sopravvissuti agli attacchi quando è iniziato il bombardamento dell’edificio in cui viveva con la sua famiglia. Nonostante si fosse trasferito lì pensando di essere più al sicuro, al-Sarraj è morto durante il viaggio in ambulanza per le ferite da schegge. In totale, dall’11 novembre, dodici giornalisti palestinesi sono stati uccisi insieme alle loro famiglie.

L’indagine in corso non è in grado di stabilire se queste uccisioni siano avvenute in risposta al bombardamento di edifici civili, costituendo un crimine di guerra, o se siano state specificamente mirate ai giornalisti. Inoltre, è stato notato che alcuni giornalisti o le loro famiglie hanno ricevuto telefonate che li avvisavano di lasciare le loro case per evitare attacchi.

Questi eventi fanno parte della difficile situazione a Gaza, dove i giornalisti e le loro famiglie corrono seri rischi a causa dei conflitti.

Bombardamenti su civili disarmati

“Abbiamo casi di giornalisti che stavano intervistando persone sopravvissute e che sono stati presi direttamente di mira. Altri tre sono andati a vivere in un albergo pensando di essere più al sicuro, ma hanno visto cadere bombe proprio davanti a loro. Ma siamo chiari: gli attacchi ai giornalisti non sono iniziati un mese fa, sono 75 anni che vanno avanti”, spiega Shorouq Asaad, membro del Sindacato dei giornalisti palestinesi. “Ho coperto centinaia di manifestazioni nel corso dei decenni. Noi giornalisti palestinesi andiamo sempre insieme, con gilet ed elmetti, con tessere stampa, eppure ci sparano addosso con munizioni vere, con il gas. Io stesso sono stato seguito molte volte dai cecchini. Noi giornalisti palestinesi siamo sempre stati un bersaglio per l’esercito israeliano. Solo che ora è più brutale e pericoloso. Ecco perché più di 60 uffici stampa nella Striscia, dove di solito si trovano i giornalisti, sono stati bombardati con missili.

Reporter senza frontiere (RSF) ha denunciato alla Corte penale internazionale i crimini di guerra commessi contro i giornalisti da Israele e Hamas. La denuncia riporta i casi di otto giornalisti palestinesi uccisi dai bombardamenti israeliani nella Striscia e di un giornalista israeliano ucciso da membri di Hamas mentre copriva l’attacco al suo kibbutz. Vengono inoltre riportati i casi di due palestinesi feriti e gli attacchi agli uffici dei media nella Striscia.

Israele prende di mira i giornalisti di Gaza come terroristi

Durante i bombardamenti di Israele, secondo i dati, è stato ucciso più di un giornalista al giorno. Alcuni membri del governo di Netanyahu hanno dichiarato pubblicamente di “non poter garantire la sicurezza” dei giornalisti nella Striscia, soprattutto di quelli che lavorano per agenzie internazionali come France Press o Reuters. Questo non solo li ha esortati a smettere di raccontare, ma li ha anche differenziati dai professionisti dei media indipendenti o arabi.

Poiché Israele ha ignorato i principi di protezione dei giornalisti del diritto internazionale, un’organizzazione chiamata Honest Reporting, con sede a New York e Tel Aviv, ha pubblicato la foto di un fotoreporter freelance con un leader di Hamas. L’organizzazione ha affermato che cinque giornalisti di Reuters, Associated Press, New York Times e CNN erano a conoscenza dei piani di Hamas per gli attacchi del 7 ottobre. La Direzione nazionale della diplomazia pubblica, legata al primo ministro israeliano, li ha definiti “complici di crimini contro l’umanità” e ha chiesto un’azione immediata. Il ministro della Difesa Benny Gantz ha twittato che se i giornalisti sapevano in anticipo del massacro, “non sono diversi dai terroristi e dovrebbero essere trattati come tali”.

La criminalizzazione dei giornalisti da parte di Israele è in aumento, in concomitanza con un emendamento alla legge antiterrorismo che consente di punire fino a un anno di carcere coloro che consumano sistematicamente “pubblicazioni terroristiche”. Ciò ha portato all’arresto di palestinesi e israeliani, compresi i palestinesi con cittadinanza israeliana, per pubblicazioni critiche nei confronti degli attacchi di Gaza. Inoltre, il ministro dell’Informazione israeliano ha descritto Al Jazeera come un’emittente di “propaganda” per “organizzazioni terroristiche”.

Reporter senza frontiere ha condannato queste azioni come crimine di guerra. Hanno anche sottolineato l’obiettivo deliberato del reporter libanese della Reuters Issam Abdallah e l’approvazione dell’emendamento nel parlamento israeliano. Il giornalista Sami Ayoub e la sua famiglia sono stati attaccati da un drone, causando la morte di diverse persone.

Più di 1.000 giornalisti e diverse organizzazioni hanno firmato un manifesto che chiede la fine dei bombardamenti, la protezione dei civili e dei giornalisti, l’accesso della stampa internazionale alla Striscia e il rilascio degli ostaggi da parte di Hamas.

Giornalisti uccisi dagli attacchi israeliani a Gaza

7 novembre 2023

Yahya Abu Manih, ucciso in un bombardamento nella Striscia di Gaza.

Mohamed Abu Hassira, ucciso insieme a 42 membri della sua famiglia in un bombardamento della sua casa a Gaza.

5 novembre 2023

Mohamed Al Jaja, ucciso insieme alla moglie e alle due figlie in un bombardamento sulla loro casa nel quartiere di Al-Naser, nel nord di Gaza.

2 novembre 2023

Mohammed Abu Hatab, ucciso insieme a 11 membri della famiglia in un bombardamento della sua casa a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.

1 novembre 2023 

Majd Fadl Arandas, ucciso da un bombardamento israeliano nel campo profughi di Nuseirat.

Iyad Matar, ucciso con la madre in un bombardamento nella Striscia di Gaza.

31 novembre 2023 

Imad Al-Wahidi, ucciso insieme ai membri della sua famiglia in un bombardamento nella Striscia di Gaza.

Majed Kashko, ucciso insieme ai membri della sua famiglia in un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza.

30 ottobre 2023

Nazmi Al-Nadim, ucciso insieme ai membri della sua famiglia in un bombardamento della sua casa a Zeitoun, nella parte orientale di Gaza.

27 ottobre 2023

Yasser Abu Namous, ucciso con la sua famiglia in un bombardamento a Khan Yunis.

26 ottobre 2023 

Duaa Sharaf, uccisa con la figlia nella sua casa nel quartiere Yarmouk di Gaza.

25 ottobre 2023

Saed Al-Halabi, ucciso in un bombardamento del campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza.

Ahmed Abu Mhadi, ucciso in un bombardamento israeliano.

Salma Mkhaimer, uccisa con la figlia in un bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

23 ottobre 2023

Mohammed Imad Labad, ucciso in un bombardamento israeliano nel quartiere Sheikh Radwan di Gaza City.

22 ottobre 2023 

Roshdi Sarraj, ucciso in un bombardamento israeliano nella Striscia.

20 ottobre 2023 

Mohammed Ali, ucciso da un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza.

19 ottobre 2023 

Khalil Abu Aathra, ucciso insieme al fratello in un bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

18 ottobre 2023

Sameeh Al-Nady, ucciso in un bombardamento israeliano nella Striscia di Gaza.

17 ottobre 2023

Mohammad Balousha, ucciso in un bombardamento israeliano nel quartiere di Al-Saftawi, nel nord della Striscia di Gaza.

Issam Bhar, ucciso da un bombardamento israeliano nel nord della Striscia di Gaza.

16 ottobre 2023

Abdulhadi Habib, ucciso insieme a diversi membri della sua famiglia da un missile che ha colpito la sua casa vicino al quartiere di Zeitoun, nel sud della città di Gaza.

14 ottobre 2023

Yousef Maher Dawas, ucciso insieme alla sua famiglia da un missile sparato contro la loro casa a Beit Lahia, nel nord della Striscia di Gaza.

13 ottobre 2023

Husam Mubarak, ucciso da un bombardamento israeliano nel nord della Striscia di Gaza.

12 ottobre 2023

Ahmed Shehab, ucciso insieme alla moglie e ai tre figli da un bombardamento israeliano sulla loro casa a Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza.

11 ottobre 2023

Mohamed Fayez Abu Matar, ucciso da un bombardamento israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

10 ottobre 2023

Salam Mema, ucciso da un bombardamento nel campo profughi di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza.

Saeed al-Taweel, ucciso quando gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato un’area nel quartiere Rimal di Gaza City, dove hanno sede molti media.

Mohammed Sobh, ucciso quando gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato un’area nel distretto di Rimal, a Gaza City, dove hanno sede molti media.

Hisham Alnwajha, ferito da un bombardamento israeliano nel quartiere di Rimal. È morto giorni dopo.

8 ottobre 2023 

Assaad Shamlakh, ucciso insieme a nove membri della sua famiglia in un bombardamento israeliano sulla sua casa a Sheikh Ijlin, nel sud della Striscia di Gaza.

Mohammad Al-Salhi, ucciso vicino a un campo profughi nella Striscia di Gaza.

Mohammad Jarghoun, ucciso a Rafah est, nel sud della Striscia di Gaza.

Ibrahim Mohammad Lafi, ucciso al valico di Erez nella Striscia di Gaza.

 

Articolo adattato dall’originale di La Marea

☑️ Test your knowledge

Test di comprensione del testo - Caccia ai giornalisti a Gaza

Passo 1 di 3

Qual è la principale preoccupazione dei giornalisti a Gaza, secondo Shorouq Asaad?
salta al contenuto