‘Orfanezza sociale’, una malattia endemica ucraina resa visibile dalla guerra.

  • La famiglia adottiva di Katarina Dolgova e i suoi dieci figli si godono la cena in un giorno qualsiasi. | David Melero.

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

‘Orfanezza sociale’, una malattia endemica ucraina resa visibile dalla guerra.

Scritto da Andrea Gabarró

La guerra ha messo in evidenza l'Ucraina e, oltre alla tragedia del conflitto, emergono problemi endemici della società. Uno dei più gravi è la cosiddetta 'orfanezza sociale', con oltre 100.000 bambini che vivono in istituzioni ereditate dal sistema 'post-sovietico'.

Aggravando la delicata condizione dell’orfanezza in Ucraina, con un sistema di orfanotrofi post-sovietico in lento processo di riforma, si aggiunge la complicata situazione degli “orfani sociali”. Si tratta di bambini privi di figure genitoriali a causa di negligenza invece che morte. Problemi legati all’abuso di alcol, al sistema di giustizia o a un’economia sempre più indebolita, sono alcune delle ragioni per cui i bambini vengono tolti ai genitori dai servizi sociali. Un problema endemico che, con il conflitto armato iniziato nel 2014, sembra essere sempre più evidente.

Dieci teste tornano a casa nel retro di un furgone guidato da una donna dai capelli corti e rossi. Un crocifisso appeso allo specchietto centrale si agita al ritmo della strada, e sullo sfondo colpisce la musica, trasmessa dal programma delle 17:00. In basso, viene esibito con orgoglio un distintivo blu e giallo. Nel retro, Veronika, vestita completamente di rosa, sorride birichina mentre racconta alla sua sorella maggiore, Marichka, sulle cui ginocchia è seduta per fare spazio agli ospiti che oggi verranno a fare uno spuntino a casa sua. Sasha e Sashko, entrambi di 13 anni, bisbigliano in ucraino riguardo ai piani di questo pomeriggio, mentre Maksym, con viso birichino, guarda fuori dal finestrino in cerca di un luogo che gli dica che è quasi il momento di correre di nuovo. I dieci fratelli condividono aneddoti e frizioni quotidiane nel retro del veicolo. Non si tratta di un adattamento ucraino de “I Serrano”, ma della famiglia adottiva che Katarina Dolgova ha costruito nel corso degli anni. 

“Foster care” o “affidamento familiare” sono termini utilizzati negli Stati Uniti e in Europa per riferirsi all’assistenza fornita a un bambino in contesti familiari non parentali, di solito in via temporanea (anche se può essere a lungo termine). Si tratta di un collocamento amministrato e regolamentato dallo Stato, fornito durante il periodo di attesa per opzioni di vita permanenti come il ritorno alla famiglia d’origine, l’adozione o il raggiungimento della maggiore età. Questo concetto ha guadagnato nel Paese particolare rilevanza negli ultimi anni, poiché il governo ucraino ha intrapreso azioni per riformare il sistema di assistenza all’infanzia, con l’obiettivo di passare dall’assistenza istituzionale a quella familiare.

Secondo Blanca Inés Santa María, una psicologa specializzata in terapia familiare e gestione emotiva, l’affidamento familiare offre ai bambini l’esperienza di altre realtà al di fuori della propria. “Offre loro un’altra opportunità di vivere l’esperienza familiare, altri tipi di relazioni, interazioni e dinamiche familiari più sane; altri tipi di linguaggi d’amore”, spiega Santa María. Spesso le famiglie da cui provengono questi bambini sono molto disorganizzate, con “molti problemi e un alto livello di aggressività ed emozioni alterate: un’espressione emotiva molto intensa – urla, insulti, aggressioni verbali e fisiche, rottura di mobili, ecc.”, continua la psicologa. Ecco perché, secondo Blanca Inés, fornire loro più risorse per andare avanti significa offrire loro “un’altra possibilità di vita”. Nonostante tutti i benefici dell’affidamento familiare rispetto al modello tradizionale degli orfanotrofi, i progressi sono stati lenti e ci sono ancora molte sfide da affrontare. 

Questa insegnante di teologia e storia ha deciso, qualche anno fa, di diventare una madre affidataria, avviando, con i servizi sociali, tutte le procedure per poterlo fare. Anche sua sorella maggiore è stata una bambina affidata, e lei si vede riflessa in questi bambini: “Fin da piccola ho amato i bambini, facevo sempre da babysitter ai bambini dei miei vicini, è qualcosa che ho sempre apprezzato molto”, dice Katarina. Un altro motivo per cui ha deciso di creare una Famiglia Affidataria è che, in qualità di direttrice di un orfanotrofio, si è resa conto che i bambini orfani non erano così difficili da gestire: “Ho visto che i bambini diventano ciò che gli adulti permettono loro di essere”, spiega Dolgova. “Mi sono resa conto che il sistema di assistenza istituzionale stava fallendo e quanto fosse necessario per il futuro dei bambini avere l’opportunità di vivere in una famiglia”, continua.

Katarina Dolgova racconta come si è ritrovata oggi con dieci bambini sotto la sua tutela e quindici da quando ha iniziato come madre affidataria: “Ho preso i primi bambini dall’orfanotrofio dove lavoravo. Erano bambini abbastanza difficili, ma ne ero fiera e volevo mostrare loro che potevano cambiare”, dice. “Ho sofferto molto per quei bambini, ma ora posso dire che non ho paura di nulla”, continua. Spiega che i più grandi stanno bene: uno di loro sta per laurearsi, ha un lavoro e si sposa in autunno. Riceve spesso visite dai suoi figli adottivi e loro le danno una mano in tutto ciò di cui ha bisogno. Poco dopo essersi trasferita a Lviv, è diventata madre di altri due bambini: Yeyhen e sua sorella maggiore, Marta. “Li ho semplicemente accettati, mi sono stati affidati e io, che credo in Dio, so che se permette qualcosa è perché ne ho bisogno”, spiega Dolgova con calma. Successivamente ha preso in custodia Solomiya, la cui custode – sua nonna – si è ammalata e non poteva prendersi cura di lei, e anche Sasha. Quest’ultimo aveva 5 anni, e Katarina ha esitato ad accoglierlo a causa della delicata situazione di sua madre, che era in prigione e pensava che quando sarebbe uscita lo avrebbe ripreso, rendendo la situazione molto complicata.

Veronika, Marichka, Maksym, Yura, Sasha, Sashko, Volodia, Ivan, Solomiya e Stepan sulla strada di casa nel retro del furgone di Katarina. | David Melero.

In quel periodo aveva già sette bambini sotto la sua custodia e doveva accoglierne ancora alcuni perché la sua potesse essere qualificata come casa famiglia affidataria. “Ho chiesto ai servizi sociali di darmi bambini più piccoli, avevo solo adolescenti”, ride. Così, tre bambini in più sono entrati nella sua vita: Marichka, sette anni, Sashko, sei, e Volodia, quattro. Adriana ha lasciato la famiglia ed è arrivata Tanya, e così hanno vissuto per circa cinque anni, fino alla partenza di Mykhailo, seguito da Tanya. Nel giro di un anno e mezzo, ha accolto Veronika e Maksym, di tre e quattro anni, il cui fratello maggiore viveva già con Katarina. “Poi ho scoperto che Marichka, Sasha e Volodya avevano altri due fratelli e abbiamo iniziato a monitorare il processo di assistenza affidataria: abbiamo stabilito il contatto con loro, i bambini hanno visitato i loro fratelli in un orfanotrofio”, racconta Katarina. Infine, quando hanno ottenuto lo status legale di bambini privi di genitori, Stepan e Marta hanno potuto unirsi alla famiglia.

La situazione dei bambini in Ucraina

La situazione dei bambini in Ucraina è insolita, con il maggior numero, in Europa, collocati in una vasta, opaca e spesso disfunzionale rete di orfanotrofi, convitti o istituti per disabili. Circa 160.000 di questi vivono sotto la custodia statale ucraina e, come confermato dalle Nazioni Unite, quando è scoppiata la guerra, quasi 100.000 erano distribuiti in più di 600 orfanotrofi del Paese. Le Nazioni Unite avvertono anche, nel loro ultimo rapporto, che la metà di questi bambini ha qualche tipo di disabilità. Inoltre, secondo l’UNICEF, molti sono considerati orfani sociali, ossia bambini separati dai genitori a causa della povertà, della negligenza o dell’abuso, piuttosto che a causa della morte.

C’erano “decine di migliaia di bambini che vivevano in queste istituzioni prima della guerra, è enorme”, ha avvertito Geneviève Colas, coordinatrice del collettivo Together Against Human Trafficking per Caritas France, durante una conferenza stampa alcuni anni fa. Uno studio condotto nel 2016 dall’organizzazione Hope and Homes for Children ha concluso che c’è un fallimento nel vasto sistema di orfanotrofi e altre istituzioni dell’Ucraina nel proteggere i bambini vulnerabili. La ricerca, che raccoglie dati da 663 orfanotrofi ucraini, afferma che, in un Paese con uno dei tassi più elevati di assistenza istituzionale in Europa, c’è un sistema “stagnante” con direttori che ricategorizzano le loro istituzioni in un processo di “riforma fittizia”.

Katarina regge orgogliosa e sorridente un ritratto realizzato dalla figlia adottiva Marishka. | David Melero.

L’audit completo del sistema monitorato da Hope and Homes for Children nel 2016 aveva l’obiettivo di comprendere come e perché i bambini vengano collocati nelle istituzioni, le condizioni che vivono e l’impatto che questo ha sul loro sviluppo e sulle possibilità di vita. Dopo aver condotto lo studio, le dichiarazioni dell’organizzazione sono poco incoraggianti: “La protezione dell’infanzia in Ucraina dipende ancora da una vasta rete istituzionale delle dimensioni di una città, dove i bambini vivono isolati dal resto della società, condannati a regolamenti arbitrari e routine impersonali”, scrivono i membri dell’organizzazione in un articolo. “Per quanto riguarda l’atteggiamento nei confronti dei bambini e la comprensione dei loro bisogni, poco è cambiato nel sistema di protezione dell’infanzia in Ucraina dai tempi sovietici”, ha dichiarato Halyna Postoliuk, direttrice dell’organizzazione in Ucraina, nel 2016. 

Purtroppo, la situazione non è cambiata molto dalla realizzazione dello studio. In Ucraina, gli orfanotrofi vengono chiamati “convitti” e sono di solito istituzioni gestite dal governo che ospitano bambini rimasti orfani.

I bambini nelle scuole residenziali possono vivere in stanze stile dormitorio con diversi altri bambini o in gruppi più piccoli in stile familiare, anche se quest’ultimi sono l’eccezione. Di solito ricevono beni di prima necessità come cibo, vestiti e assistenza medica, ma la qualità di questi servizi può variare a seconda delle condizioni della struttura. Le scuole residenziali di solito hanno risorse e personale limitati, il che può influire sulla qualità dell’assistenza e del supporto che i bambini ricevono. Possono frequentare le lezioni direttamente nella struttura o in scuole nelle vicinanze.

Dipendenza, abusi o instabilità economica: sono alcune delle ragioni per cui molti bambini diventano orfani nonostante abbiano genitori.

Secondo un rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF) del 2021, vi erano circa 100.000 bambini in assistenza istituzionale in Ucraina, e circa il 75% di essi era considerato orfano sociale. 

Le dure infanzie dei bambini i cui genitori soffrono di alcolismo, in una regione così problematica come il Donbass – un’area dell’est dell’Ucraina al confine con la Russia che, dallo scoppio della guerra nel 2014 e a seguito dell’inizio dell’invasione russa l’anno scorso, è diventata un’area frammentata ora sotto il controllo russo – sono catturate in “A House Made of Splinters”, un documentario del regista danese Simon Lereng. “La nostra idea era rendere visibili i bambini già sul gradino più basso di una società completamente devastata dalle ferite del conflitto tra Russia e Ucraina”, ha dichiarato Lereng in un’intervista a EFE. La maggior parte dei bambini nel film si trovava in situazioni vulnerabili dopo che i servizi sociali li avevano allontanati dalla custodia di genitori affetti da alcolismo e incapaci di prendersi cura di loro. Le storie di Eva, Sasha, Polina e Kolya – i bambini dell’orfanotrofio che compongono la trama del film – sono le storie dei quasi 100.000 bambini ucraini sotto la custodia statale. Un numero destinato a crescere nei prossimi anni a causa del persistente conflitto armato.

“Ci sono stati alcuni miglioramenti frammentari, ma nel complesso i governi non hanno gettato le basi necessarie per prevenire la disintegrazione familiare e assicurare un approccio integrato alla protezione dei diritti dei bambini,” afferma Halyna Postoliuk, direttrice di Hope and Homes for Children in Ucraina. L’assistenza istituzionale rimane la risposta più comune delle autorità per i bambini le cui famiglie faticano a prendersene cura, principalmente a causa della povertà e della disabilità. 

Così, uno dei principali problemi in Ucraina è la mancanza di protezione per i bambini, che, alla fine, saranno il futuro del Paese. Il problema degli orfani sociali in Ucraina può derivare da molteplici fattori. Sofia Vasylechko, educatrice sociale presso l’orfanotrofio Orphans Care Centre, evidenzia i seguenti come i più significativi: una delle principali ragioni è l’instabilità economica e sociale che l’Ucraina ha vissuto dell’indipendenza dall’Unione Sovietica nel 1991. Questa instabilità ha portato a elevati livelli di povertà, disoccupazione e disuguaglianza sociale, rendendo difficile per molte famiglie far fronte. Inoltre, il conflitto in corso nell’est dell’Ucraina ha avuto un impatto significativo sul numero di orfani sociali. Dal momento in cui il conflitto è iniziato, nel 2014, migliaia di persone sono state uccise e molte altre sono state costrette a lasciare le proprie case, portando a un aumento dei bambini privati dei genitori o di chi se ne occupava. Altri fattori che hanno contribuito al grande numero di orfani sociali in Ucraina, secondo Sofia, includono l’inadeguato sistema di protezione dell’infanzia del Paese, la mancanza di accesso all’istruzione e alle cure sanitarie e un’alta prevalenza di abuso di sostanze e violenza domestica.

La delicata situazione burocratica degli orfani sociali

Katarina spiega che per diventare un genitore affidatario è necessario seguire un processo, che fa parte di un programma governativo per migliorare la situazione dei bambini in Ucraina verso la deistituzionalizzazione. Attraverso questo programma, lo Stato eroga un determinato importo per aiutare a crescere ogni bambino e fornisce anche un contributo finanziario per le spese della casa. Nel corso del processo, vengono indagate diverse sfaccettature della vita del richiedente: vengono somministrati vari test e interviste e valutati educazione, salute fisica e mentale, situazione economica, ecc.

Sasha e Sashko offrono agli ospiti del pomeriggio un assortimento di frutta, biscotti, caffè e cioccolatini preparati da loro stessi sotto la guida della madre ospitante Katarina. | David Melero.

C’è anche un altro ostacolo affinché un bambino i cui genitori sono ancora vivi possa accedere a una casa famiglia: i genitori devono essere ufficialmente privati dei loro diritti genitoriali, un processo lungo e delicato. Va anche notato che, secondo Blanca Inés Santa María, privare i genitori dei loro figli può essere molto frustrante e può portare a disturbi dell’umore derivanti dalla situazione o aggravare la situazione che queste persone stavano già vivendo: una madre con problemi di alcolismo potrebbe bere ancora di più se le vengono portati via i figli. “L’esperienza comune della maggior parte dei genitori privati dei loro figli è che sono cattivi genitori ed è doloroso per qualsiasi genitore, indipendentemente dal motivo per cui non sono pronti a esserlo e dal riconoscere che è meglio per i loro figli essere lontani da loro”, afferma Santa Maria.

Quale ruolo giocano le figure paterne e materne nello sviluppo individuale?

Per i bambini, la famiglia è il nucleo in cui si stabiliscono legami emotivi fin dalle fasi più precoci. Di solito, i legami instaurati con la famiglia d’origine hanno un impatto che si riflette su di loro per tutta la vita. La famiglia è un luogo in cui i bambini stabiliscono un legame emotivo dipendente che cerca la sopravvivenza e uno sviluppo adeguato; inoltre, fornisce una fonte di supporto emotivo necessario per una crescita psicologicamente sana. Il modello offerto dalla famiglia è vitale per fornire fiducia in se stessi e sicurezza che si rifletteranno su di loro per il resto della loro vita adulta (Palacios e Rodrigo, 1998). Esther Càceres, una psicologa della salute, sottolinea l’importanza della prima infanzia e del tipo di legame genitore-figlio che vi si stabilisce, perché, secondo la terapeuta, “è attraverso il legame e la socializzazione primaria – soprattutto con coloro che esercitano la funzione paterna e materna – che si sviluppa la personalità del bambino”. Aggiunge che “si stima che la personalità degli individui si cristallizzi al 65% fino all’età di sette anni”. Blanca Inés Santa María, una psicologa della salute specializzata in terapia familiare, spiega che l’attaccamento è il modo in cui ci leghiamo e ci relazioniamo agli altri, “quindi ha una grande influenza sulla socializzazione e sull’autostima”, continua. Aggiunge che “la relazione che costruiamo con i nostri genitori e il tipo di attaccamento che abbiamo nei loro confronti condiziona il resto della nostra vita: la nostra salute mentale, fisica ed emotiva e la nostra sfera sociale”.

Inoltre, vivere in un convitto può essere difficile per i bambini, poiché possono sperimentare sentimenti di isolamento e mancanza di supporto emotivo, senza considerare l’impatto emotivo della morte o della separazione dai genitori. Gli esperti hanno dimostrato che i bambini nelle scuole residenziali sono più inclini a sperimentare ritardi nello sviluppo e problemi di salute mentale, come depressione e ansia. “Un altro problema aggiuntivo per questi bambini è che di solito non imparano a svilupparsi socialmente come tutti gli altri”, afferma l’educatrice sociale Sofia Vasylechko. “Semplicemente non sanno cosa fare, dove vivere, come cucinare, come gestire la propria economia o come affrontare i servizi pubblici e finiscono spesso a rubare per avere un luogo sicuro in cui stare”, continua Vasylechko.

 Hennadiy Melnychuk, che si è diplomato 6 anni fa in un convitto nella regione di Lviv e ora lavora per l’ONG Care in Action, si considera “fortunato” per aver trovato la sua strada nella vita, poiché, come afferma, “da bambini eravamo tutti soli, la vita dopo l’istituzione è molto difficile, la maggior parte delle persone non riesce ad adattarsi e ad essere indipendente. Ci si abitua ad avere tutto pronto e programmato, tutto è deciso per noi, perché, per la maggior parte degli insegnanti, siamo nessuno e non abbiamo un nome”, racconta il giovane. Il problema sorge quando si esce: non si sa come guadagnarsi da vivere. “Ecco perché molti iniziano a rubare, a giocare d’azzardo e a usare alcol o droghe”, spiega Hennadiy.

Quali possono essere le conseguenze di vivere come un orfano in un convitto?

Un rapporto del Los Angeles Times dal titolo “These are the long-term effects of separating children from their parents at the US border, according to experts” – che esamina le conseguenze per i bambini di essere separati dai loro genitori a causa di migrazione, guerra o carestia – giunge a una conclusione ferma: separare i bambini dai loro genitori è dannoso per la loro salute fisica e mentale. C’è una ragione per cui l’infanzia negli esseri umani dura così a lungo: “Ci vuole tempo affinché il cervello di un bambino maturi fino all’età adulta”, afferma Nim Tottenham, professore di psicologia all’Università di Columbia ed esperto dello sviluppo emotivo, nell’articolo. Le psicologhe Esther Càceres e Blanca Inés Santa María concordano sul fatto che quei bambini che hanno avuto una figura di assistenza che ha esercitato il ruolo materno – il primo legame e la funzione più richiesta dai neonati nei primi anni di vita – “siano essi i genitori, i nonni o gli zii”, hanno “una struttura psichica e di personalità moderatamente stabile”. Segnalano, al contrario, che “le statistiche indicano che i bambini che hanno sofferto l’assenza di questa figura durante gli anni iniziali incontrano grandi difficoltà in termini di sviluppo motorio e cognitivo e, negli anni futuri, in altre aree come lo sviluppo psichico, intellettuale o fisico”. Melissa Healy, l’autrice del rapporto del Los Angeles Times, cita Tottenham dicendo: “Quell’adulto che è lì regolarmente fornisce un enorme effetto di ammortizzamento dello stress sul cervello di un bambino in un momento in cui il bambino non l’ha ancora sviluppato per sé stesso. Quando quel supporto affidabile e l’orientamento da parte di un genitore vengono improvvisamente rimossi, può interrompere il processo di apprendimento che dà forma al cervello”. Inoltre, spiega che “i cervelli dei bambini che hanno vissuto una situazione del genere sembrano diventare ipervigilanti di fronte alla minaccia, una caratteristica del disturbo da stress post-traumatico. Le regioni del cervello che governano il comportamento di ricompensa non rispondono normalmente, rendendoli vulnerabili a depressione, ansia e abuso di sostanze. Inoltre, le strutture corticali necessarie per l’attenzione, la pianificazione, il giudizio e il controllo emotivo non si sviluppano correttamente”.

Quando a Hennadiy viene chiesto dei suoi ricordi del convitto, afferma di non averne di brutti, ma nemmeno eccellenti. Tuttavia, sottolinea la sua fortuna, poiché “era in uno abbastanza buono”, un fatto che comprende dopo aver parlato con laureati provenienti da diverse parti dell’Ucraina. Definisce gli orfanotrofi come “scuole di sopravvivenza” dove era estremamente importante come ti posizionavi per “stabilire la tua autorità di fronte agli insegnanti, ai compagni”, spiega. Secondo Stepan Vovk, che ha vissuto in una famiglia adottiva, “trovarsi in una famiglia adottiva in cui sei trattato come un figlio amato è una gioia per tutti i bambini; il valore della vita in un orfanotrofio in stile familiare non può essere sottovalutato”. Narra come vivere in una famiglia adottiva gli abbia insegnato a “vivere in modo indipendente, onesto e organizzato”. Ammette, emotivamente, che per lui i fratelli con cui ha condiviso una famiglia adottiva sono più vicini dei suoi fratelli biologici, e che li vede ancora frequentemente. “Sono sempre disposti ad ascoltare, ad aiutare, a coinvolgersi, che è il segno distintivo di una famiglia”, continua.

Kataryna con la figlia adottiva. | David Melero.

In questa casa, i bambini ricevono un’educazione simile a quella che riceverebbero in qualsiasi altra famiglia sana. A differenza delle case famiglia o degli orfanotrofi, qui dieci bambini vivono insieme con un solo mentore: Kataryna. I bambini hanno l’opportunità di praticare i loro sport preferiti, suonare strumenti e godersi altri hobby. L’atmosfera in casa è calorosa e accogliente, contribuendo a creare un ambiente di apprendimento sano. Kataryna si assicura che ogni bambino riceva attenzione personale e si senta valorizzato come individuo. È un luogo in cui i bambini possono sentirsi al sicuro, felici e sostenuti nel loro sviluppo personale e accademico. “Sono grato alle autorità locali per aver dato ai bambini l’opportunità di vivere in orfanotrofi in stile familiare dove sono garantite tutte le condizioni necessarie, dove i bambini sono amati ed educati, dove i genitori accettano gli orfani come propri figli”, dice Stepan. “A chiunque sia incerto riguardo all’adozione, direi di non esitare”, afferma Katarina. “È una cosa fantastica, ti dà molta forza, ti fa crescere, ti riempie di amore e tutti abbiamo bisogno d’amore”, spiega. Aggiunge che questi bambini l’hanno resa una persona meno severa e egoista. Quando le viene chiesto della loro esperienza, sia Stepan che Katarina sono infinitamente grati di aver potuto vivere l’amore così da vicino e fare degli estranei la loro famiglia per sempre. “Ho imparato a vivere e essere felice, nonostante le sfide; grazie a loro ho avuto i momenti più felici della mia vita”, dice Katarina con voce dolce mentre coccola affettuosamente tra le braccia Veronika, che sembra fatta per essere amata da lei.

Attività complementari

L'orfanotrofio sociale

FACILE

‘Orfanezza sociale’, una malattia endemica ucraina resa visibile dalla guerra.

Scritto da Andrea Gabarró

La guerra ha messo in evidenza l’Ucraina e, oltre alla tragedia del conflitto, emergono problemi endemici della società. Uno dei più gravi è la cosiddetta ‘orfanezza sociale’, con oltre 100.000 bambini che vivono in istituzioni ereditate dal sistema ‘post-sovietico’.

In Ucraina, l’orfanezza si manifesta in modi complessi, aggravati dalla presenza dei cosiddetti ‘orfani sociali’. A differenza degli orfani tradizionali, questi bambini perdono l’assistenza parentale non a causa della morte dei genitori, ma di fattori come l’abbandono, l’abuso di sostanze o problemi legali. La situazione è diventata più evidente con il conflitto armato iniziato nel 2014, mettendo in luce una realtà sempre più preoccupante.

Foster Family di Katarina Dolgova: un Rifugio nella Tempesta

In mezzo a questo scenario, emerge l’ispirante esempio di Katarina Dolgova, che ha istituito quello che lei chiama “Foster Family” o Famiglia Affidataria. Questo modello di ‘assistenza familiare’ o ‘affidamento’ ha guadagnato importanza in Ucraina mentre il governo cerca di passare da una cura istituzionale a una basata sulla famiglia. Nonostante i benefici evidenti, come l’esposizione a dinamiche familiari più sane, i progressi nell’attuazione di questo modello sono stati lenti, e limitati da significativi ostacoli.

Infanzia in Ucraina: Orfanotrofi e Sfide Sociali

L’infanzia in Ucraina è contrassegnata da un gran numero di bambini all’interno di una vasta rete di orfanotrofi e istituzioni. L’instabilità economica, il conflitto armato e la mancanza di accesso a servizi di base contribuiscono a una cifra stimata in 160.000 bambini sotto la custodia dello Stato.
Allarmante, secondo l’ONU, è che la metà di questi bambini sia disabile.

Veronika, Marichka, Maksym, Yura, Sasha, Sashko, Volodia, Ivan, Solomiya e Stepan sulla strada di casa nel retro del furgone di Katarina. | David Melero.

Fattori Sottostanti: Mancanza di protezione e instabilità

Sofia Vasylechko, educatrice sociale, sottolinea che l’instabilità economica e sociale in Ucraina, dal suo ottenimento dell’indipendenza nel 1991, è una delle principali ragioni alla base della mancanza di protezione dell’infanzia. Inoltre, il conflitto nell’est del Paese ha privato molti bambini dei genitori o dei caregiver, aumentando così il numero di orfani sociali. Il sistema di protezione dell’infanzia, la mancanza di accesso all’istruzione e alle cure sanitarie, così come l’alta prevalenza di abuso di sostanze e violenza domestica, contribuiscono a questa situazione allarmante.

Burocrazia e sfide legali: ostacoli all’affido

Nonostante i benefici dell’affido, ci sono significativi ostacoli burocratici e legali. Il processo per diventare un genitore affidatario include approfondite valutazioni. Tuttavia, c’è l’ostacolo che, affinché un bambino i cui genitori sono ancora vivi possa essere affidato, questi debbano essere ufficialmente privati dei loro diritti parentali, un processo lungo e delicato.

Katarina regge orgogliosa e sorridente un ritratto realizzato dalla figlia adottiva Marishka. | David Melero.

 Importanza delle figure genitoriali nello sviluppo

Gli esperti, confermano che l’assenza di figure materne e paterne può avere conseguenze a lungo termine sullo sviluppo cognitivo ed emotivo dei bambini. La famiglia fornisce legami, sostegno emotivo e un modello per una crescita psicologicamente sana.

Vivere in un convitto: sfide emotive e sviluppo

Vivere in una struttura residenziale può presentare sfide per i bambini, che sperimentano sentimenti di isolamento e mancanza di sostegno emotivo, sono più inclini a esperire ritardi nello sviluppo e problemi di salute mentale. Inoltre, studi ed esperti sottolineano come la separazione dai genitori può avere effetti dannosi sulla salute fisica e mentale dei bambini.

Sasha e Sashko offrono agli ospiti del pomeriggio un assortimento di frutta, biscotti, caffè e cioccolatini preparati da loro stessi sotto la guida della madre ospitante Katarina. | David Melero.

Educazione in famiglia affidataria: un ambiente sano

L’educazione in una famiglia affidataria fornisce un ambiente sano e accogliente. Katarina si assicura che ogni bambino riceva attenzione personalizzata e si senta valorizzato come individuo. I bambini hanno l’opportunità di partecipare ad attività come sport, musica e hobby, contribuendo a un ambiente di apprendimento sano.

Impatto a lungo termine: cambiamento positivo e gratitudine infinita

Nonostante le sfide, l’esperienza di far parte di una famiglia affidataria ha cambiato positivamente la vita dei bambini e ha fornito loro amore e sostegno. La gratitudine di coloro che hanno vissuto questa esperienza sottolinea l’importanza di fornire ai bambini un ambiente familiare dove possano crescere, imparare e sentirsi amati. Questo approccio non solo influisce sul presente dei bambini, ma plasmerà positivamente il loro futuro.

Kataryna con la figlia adottiva. | David Melero.

La connessione emotiva e il supporto continuo forniti nei contesti di assistenza familiare possono fare la differenza nello sviluppo a lungo termine di questi giovani, consentendo loro di superare le avversità e contribuire significativamente alla società. È cruciale continuare a muoversi verso un sistema di assistenza all’infanzia più centrato sulla famiglia, affrontando le sfide burocratiche e promuovendo la consapevolezza pubblica sull’importanza di fornire un amorevole rifugio a coloro che ne hanno più bisogno. In definitiva, il benessere dei bambini in Ucraina e in tutto il mondo dipende dall’impegno continuo per creare ambienti sicuri e affettuosi in cui ogni bambino possa prosperare e raggiungere il proprio pieno potenziale.

L'orfanotrofio sociale

☑️ Test your knowledge

Domande di compresione del testo. ‘Orfanezza sociale', una malattia endemica ucraina resa visibile dalla guerra.

Passo 1 di 3

Qual è, secondo il testo, lo scopo del modello di "affido" in Ucraina?
salta al contenuto