La distruzione di Gaza, ultimo capitolo di cento anni di odio

Medici trasferiscono un bambino palestinese ferito all’ospedale Al-Shifa di Gaza City dopo un attacco aereo israeliano, l’11 ottobre 2023.

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

La distruzione di Gaza, ultimo capitolo di cento anni di odio

Scritto da Laura Casamitjana

La guerra nella Striscia di Gaza ha causato più di 9.000 morti e lasciato città devastate. Dopo l'attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre, la risposta israeliana ha raggiunto proporzioni genocide. Sullo sfondo, una storia di oltre cento anni di guerra, oppressione e odio.

Mentre gli ebrei celebravano il Sukkot, una festività biblica, i miliziani di Hamas compivano un attacco terroristico che ha segnato una svolta nella storia. L’incursione della milizia islamica è stata di un livello senza precedenti: l’attacco ha sorpreso gli israeliani via terra, mare e aria. Sono stati uccisi 1400 israeliani e la risposta militare ha già provocato la morte di oltre 9.000 palestinesi.

L’escalation di violenza ha raggiunto un livello senza precedenti. I palestinesi della Striscia di Gaza sono sotto assedio, senza cibo, acqua, elettricità e carburante. Gli ospedali – uno dei quali, Al-Ahli, è stato bombardato – sono in rovina e non ci sono più luoghi sicuri in tutto il territorio. Il governo israeliano, con la premessa di “porre fine al terrorismo di Hamas”, sta compiendo un gravissimo massacro.

Craig Mokhiber, capo dell’ufficio di New York dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, si è dimesso a causa dell’inazione dell’organizzazione di fronte a quello che considera un genocidio. “Sono ben consapevole che il concetto di genocidio è stato abusato a livello politico, ma l’attuale carneficina contro il popolo palestinese […] non lascia spazio a dubbi”, ha scritto l’avvocato per i diritti umani nelle sue dimissioni. Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato – dopo aver condannato gli attacchi – che l’incursione di Hamas “non viene dal nulla, ma da 56 anni di occupazione”.

A cosa si riferisce António Guterres e come mai le ostilità hanno raggiunto queste dimensioni di violenza? Un ripasso della storia del XX secolo ci aiuta a decifrare uno dei conflitti più antichi e complessi della storia recente.

La Dichiarazione Balfour, le parole che hanno dato il via alla guerra

“Il Governo di Sua Maestà vede con favore l’istituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico e farà ogni sforzo per facilitare la realizzazione di questo obiettivo”.

Queste parole fanno parte del primo documento a sostegno della nascita di Israele, inteso dagli ebrei come pietra miliare della fondazione e della salvezza e dai palestinesi come occupazione ed esodo.

Il 2 novembre 1917 fu firmata la cosiddetta “Dichiarazione Balfour” – dal nome dell’allora ministro degli Esteri britannico Arthur Balfour – con la quale il governo britannico comunicava a Lionel Walter Rothschild, leader della comunità ebraica in Gran Bretagna, le sue intenzioni di sostenere la creazione di uno Stato ebraico, una richiesta storica del sionismo.

Quando Balfour emise il documento, la Prima Guerra Mondiale era iniziata da tre anni e, un anno dopo la dichiarazione, la guerra sarebbe finita e l’Impero Ottomano, a cui apparteneva la Palestina, avrebbe visto la fine della sua esistenza.

Le potenze alleate vincitrici si spartirono le terre dell’impero sconfitto e dissolto. La Palestina passò sotto l’amministrazione del Regno Unito, cioè sotto l’egida dei promotori della Dichiarazione Balfour. Insieme al sostegno degli altri Paesi dell’alleanza, essi diedero poi il loro appoggio al progetto politico sionista.

La demografia come campo di battaglia

Nel 1922, l’organismo predecessore dell’ONU, la Società delle Nazioni, incluse la Dichiarazione Balfour nel Mandato britannico sulla Palestina. In questo modo, il territorio che era passato sotto il controllo della potenza europea iniziò il processo di creazione di “un focolare nazionale per il popolo ebraico”.

Sotto il Mandato britannico, la demografia e l’identità palestinesi mutarono. Inizialmente, il Paese era per il 90% arabo, come sottolineano le Nazioni Unite. Nel censimento del 1922, secondo i dati della Jewish Virtual Library, gli ebrei in Palestina erano circa 84.000, l’11% della popolazione totale. Nel 1936, secondo i dati della Jewish Virtual Library, il numero di ebrei nel territorio era di 384.000, raggiungendo il 28% della popolazione totale. In soli 14 anni, 300.000 ebrei erano arrivati in Palestina, con una particolare intensità migratoria tra il 1933 e il 1936, dovuta al fatto che molte famiglie ebree stavano fuggendo dalle persecuzioni naziste, come sottolinea Ghassan Kanafani, scrittore palestinese e cofondatore del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina – che ha avuto un ruolo importante nella storia del conflitto, in quanto sarebbe poi diventato la seconda entità più importante dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP).

Già nel 1935, il controllo economico esercitato dalla comunità ebraica in Palestina era noto. Secondo i dati presentati da Kanafani nel 1972 per il Comitato per una Palestina democratica, essi controllavano 872 delle 1212 aziende industriali della regione. Questo controllo finanziario ebraico era quattro volte superiore a quello in mano agli arabi. Inoltre, va notato che il 90% delle concessioni rilasciate dal governo britannico erano nelle mani della comunità ebraica. Lo studio menziona anche il sostanziale aumento della proprietà fondiaria ebraica, passata da circa 30.000 ettari nel 1929 a 125.000 ettari nel 1930.

Tutti questi fattori fecero sì che nel 1936, con una popolazione ebraica pari al 28% della popolazione palestinese totale e un forte controllo territoriale, le tensioni sfociassero in scontri.

La rivolta araba e l’impossibilità di una coesistenza

La tensione tra le comunità esplose con la cosiddetta Rivolta Araba. Lo stesso Alto Comitato Arabo, rappresentante politico della popolazione indigena durante il Mandato britannico, indisse uno sciopero generale. Seguirono presto episodi di violenza. La repressione delle manifestazioni aumentò il tono ostile della rivolta, fino a scatenare episodi di lotta armata. Fu allora che venne applicata per la prima volta una politica repressiva che è stata una costante del conflitto palestinese: la demolizione delle case.

Nel primo anniversario delle rivolte, il governo di Londra inviò una commissione per cercare di trovare una via d’uscita al conflitto. La commissione Lord Peel, dal nome di colui che la presiedeva, concluse che ebrei e arabi non potevano vivere insieme in pace, troncando così l’ideale del “focolare nazionale ebraico”. Pedro Brieger, professore di sociologia mediorientale, spiega nel suo libro “Il conflitto israelo-palestinese” che il movimento sionista agì rapidamente, rendendosi conto dell’importanza di stabilire numerose comunità ebraiche in Palestina in previsione di una futura spartizione. In un processo noto come operazione “Joma umig-dal” (un muro e una torre), acquisirono terreni in tutta la Palestina con l’obiettivo di stabilire 52 nuovi insediamenti ebraici. La loro strategia mirava a raggiungere una maggioranza demografica nella regione.

La rivolta fu sedata nel 1939, quando la società palestinese contò “5.000 morti, 10.000 feriti e 5.697 prigionieri. In totale, più del 10% della popolazione fu ucciso, ferito, imprigionato o esiliato”, spiega il portale Orient XXI. Inoltre, una ricerca di Eugene Rogan, professore di storia moderna del Medio Oriente presso l’Università di Oxford, stima in 2.000 il numero di case demolite in questa prima applicazione della politica repressiva volta a forzare lo sfollamento, a impedire la crescita della popolazione palestinese e a rendere disponibili più terre per la popolazione ebraica.

La spartizione proposta dalla Commissione Peel fu più vicina e portò alla pubblicazione del “Libro Bianco”, un documento che proponeva elementi come la limitazione dell’immigrazione ebraica o la restrizione dell’acquisizione di terre da parte della comunità ebraica. La prospettiva dell’autonomia e la richiesta di autonomia del popolo palestinese fermarono la rivolta araba, ma nessuno fu del tutto soddisfatto. Soprattutto il movimento sionista, che vedeva questa dichiarazione come una violazione del suo diritto imposto dagli inglesi.

La militarizzazione della società ebraica cominciò a prendere forma. Dopo la Rivolta, il grado di organizzazione dei gruppi armati ebraici divenne più professionale e “avrebbe mantenuto circa 15.000 persone addestrate alla disciplina militare”, come specificato nella “Revista Nómadas, Crítica de Ciencias Sociales y Jurídicas”.

“Piano di spartizione dell’ONU: una decisione salomonica trasformata in una catastrofe

La pressione sugli inglesi, che amministravano il territorio, continuò a crescere. Tanto che il settore ebraico, molto scontento, ha iniziato ad avere frange estremiste che hanno commesso attentati in Gran Bretagna. Una di queste uccise il rappresentante britannico in Palestina. Il Regno Unito passò il testimone della risoluzione del conflitto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

L’Olocausto nazista ebbe un profondo impatto sull’opinione pubblica internazionale e suscitò una crescente simpatia per la causa sionista e la creazione di uno Stato ebraico in Palestina. L’ampiezza delle atrocità commesse durante l’Olocausto aumentò la pressione per la creazione di uno Stato ebraico in Palestina, con l’obiettivo di fornire rifugio e autodeterminazione ai sopravvissuti alle persecuzioni naziste. Nel 1947 – due anni dopo la resa delle truppe tedesche e la fine della Seconda guerra mondiale – una speciale commissione delle Nazioni Unite sulla Palestina approvò la Risoluzione 181, meglio nota come “Piano di spartizione delle Nazioni Unite”, che prevedeva la creazione di due Stati con Gerusalemme come “territorio neutrale” sotto controllo internazionale.

Gli arabi erano scontenti perché sentivano che il diritto al proprio futuro era stato violato, in violazione della Carta delle Nazioni Unite. Gli ebrei erano scontenti perché vedevano messo in pericolo il loro desiderio di stabilire il “focolare nazionale ebraico”.

Il Regno Unito non riuscì a resistere alle pressioni e, nel maggio 1948, rinunciò al Mandato britannico. Senza indugio, i sionisti presero l’iniziativa: “il leader del movimento ebraico, David Ben Gurion, dichiarò la creazione dello Stato di Israele, secondo i confini definiti nel Piano di partizione”, si legge nell’articolo “Palestine Partition Plan” dell’Istituto di Relazioni Internazionali.

Le milizie ebraiche iniziarono ad attaccare i villaggi palestinesi, provocando l’esodo della popolazione indigena. Gli attacchi si intensificarono a tal punto che scoppiò una guerra totale. Il popolo palestinese riconosce questo periodo fatale come la “Nakba” (catastrofe in arabo): più della metà della popolazione palestinese fu sfollata in modo permanente dalle proprie case.

La configurazione della “più grande prigione a cielo aperto”

Con l’autoproclamazione di Israele come Stato e il trauma della Nakba sulla popolazione palestinese, le forze sono diventate sempre più squilibrate. Il movimento sionista continuò ad acquisire terre e a reprimere la popolazione indigena per vincere la battaglia demografica. Negli anni successivi, le posizioni continuarono ad essere marcate su questa base e circa 150.000 palestinesi vissero sotto l’occupazione militare del neonato Israele.

Il 5 giugno 1967, nel corso della Guerra dei Sei Giorni contro una coalizione di eserciti arabi, Israele prese il controllo di ciò che rimaneva della Palestina storica, comprendendo la Striscia di Gaza, la Cisgiordania, Gerusalemme Est, le alture siriane del Golan e la penisola del Sinai in Egitto.

La “Naksa” (in arabo “battuta d’arresto”) fu la sua conseguenza: la popolazione palestinese fu sottoposta a un ulteriore spostamento di massa. La discriminazione nei confronti degli arabi significava che l’occupazione militare reprimeva le loro forme di espressione politica, ma gli israeliani vivevano con tutti i vantaggi di essere cittadini del nuovo Stato.

Fu allora che la famigerata Striscia di Gaza iniziò a diventare, secondo il suo motto autoproclamato, “la più grande prigione a cielo aperto”. Con severi controlli militari, la Striscia iniziò il processo di costituzione di un ghetto palestinese nella Palestina già occupata.

Prima della Naksa, nel 1964, era nata l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). La coalizione di movimenti politici e paramilitari emerse come braccio armato della lotta palestinese e si rivelò cruciale: dall’ottobre 1974, la Lega Araba riconobbe l’OLP come unica entità legittimamente rappresentativa del popolo palestinese.

Questa approvazione si tradusse in un riconoscimento internazionale: nello stesso anno l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite concesse all’OLP lo status di osservatore, consolidando il suo ruolo nell’arena globale come voce ufficiale del popolo palestinese. Ciò avvenne in un contesto complesso: poco prima, tra il 6 e il 25 ottobre 1973, era scoppiato un importante scontro militare.

La Guerra dello Yom Kippur, nota anche come Guerra del Ramadan, oppose Israele a una coalizione di nazioni arabe, guidate principalmente da Egitto e Siria. Il conflitto prese il nome dal giorno più sacro del calendario ebraico, il Giorno dell’Espiazione o Yom Kippur, quando i belligeranti arabi lanciarono attacchi a sorpresa nel tentativo di riconquistare il territorio perso da Israele durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

Anche se i cambiamenti di confine non furono drastici, la guerra dello Yom Kippur lasciò un segno indelebile nella politica regionale. Le sue ripercussioni hanno portato a una serie di negoziati successivi alla ricerca di accordi di pace.

Prima Intifada, il confronto tra pietre e carri armati

Un incidente tra un camion israeliano e un’auto palestinese – i cui occupanti rimasero uccisi – scatenò una nuova tragedia nell’ottobre 1987. Segnò l’inizio della prima intifada: giovani palestinesi armati di pietre contro i carri armati israeliani. Come spiega il libro “The Roudlege Handbook on the Israeli-Palestinian conflict”, lo scontro tra i veicoli fu solo l’ultima scintilla di qualcosa di molto più grande: “L’effetto cumulativo di decenni di forze militari asimmetriche, sconfitte, espropriazioni di terre, povertà e occupazione furono il terreno di coltura per una rivoluzione”, si legge a proposito della Prima Intifada. Le proteste si sono diffuse rapidamente e hanno raggiunto la Cisgiordania. Nel primo anniversario dell’intifada, nel 1988, l’OLP – guidata da Yasser Arafat – dichiarò l’indipendenza palestinese con un governo in esilio.

Le pietre contro i carri armati simboleggiarono l’asimmetria e la rivolta, durata cinque anni, provocò più di 1.300 morti palestinesi e una dura politica repressiva da parte dell’esercito israeliano, guidato dall’allora ministro della Difesa Yitzhak Rabin. I manifestanti furono sottoposti a esecuzioni sommarie, ossa rotte e ogni tipo di tortura, secondo varie testimonianze riportate da Al Jazeera. Durante la prima intifada, è nato il movimento Hamas, una propaggine dei Fratelli Musulmani, che ha preso parte al confronto come soggetto armato.

Un miraggio di pace con gli accordi di Oslo

Lontano dalla Palestina, il riavvicinamento cominciò a prendere forma. Tra il 1993 e il 1995, in Norvegia furono negoziati accordi senza precedenti: la pace poteva diventare una realtà. Yasser Arafat, leader dell’OLP, e Yitzhak Rabin, allora primo ministro del governo israeliano, si riconobbero come interlocutori nella ricerca di una soluzione. I colloqui sfociarono negli storici accordi di Oslo.

Con gli accordi di Oslo, Rabin accettò di restituire la Cisgiordania e Gaza, riducendo l’occupazione militare. Da parte sua, Arafat accettò di riconoscere il popolo israeliano. Gli accordi portarono alla formazione dell’Autorità Palestinese (AP), un modello di autogoverno per la gestione dei territori e il ritiro militare.

Ma il conflitto portava con sé un peso troppo grande. Era radicato nella religione, nella società, nei modi di vita, nell’immaginazione della gente. La sua stessa complessità ha vanificato gli Accordi: la risoluzione diplomatica e l’approvazione sociale non andavano di pari passo. All’interno dello stesso sionismo si generarono posizioni disparate e i più estremisti uccisero Rabin, visto da loro come una sorta di “traditore”.

Con l’assassinio della figura di potere israeliana che aveva firmato gli Accordi, si aprì uno scenario incerto. Le conseguenti elezioni del 1996 diedero la vittoria a Benjamin Netanyahu. Egli rappresentava il settore più ostile agli Accordi di Oslo, e così si verificò il fallimento che era stato previsto. Israele sospese gli impegni e gettò i semi di uno Stato palestinese.

Il fallimento degli accordi e la seconda Intifada

È in questo contesto che è scoppiata la seconda intifada. Questa volta la causa scatenante è stata la visita nel 2000 del leader del Likud – il partito di destra israeliano – alla Moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme, un sito controverso da quando il suo controllo è stato contestato dopo il fallimento dei negoziati di pace. Per i palestinesi fu un atto di provocazione. Sono tornate le proteste e gli scontri.

La politica di demolizione delle case, una costante nello sviluppo del conflitto, era di nuovo molto presente: Amnesty International, in un rapporto del 1999, ha denunciato questa pratica, commessa sistematicamente e impunemente. La popolazione sgomberata senza preavviso è stata costretta a spostarsi mentre il movimento sionista guadagnava terreno: gli insediamenti sono stati nuovamente eretti in aree sotto il controllo dell’Autorità Palestinese. L’economia e le infrastrutture palestinesi sono state particolarmente colpite durante le rivolte, che si sono concluse nel 2005: l’anno prima era morto Yasser Arafat, la forza trainante degli accordi di Oslo.

Per la prima volta, i palestinesi hanno votato alle elezioni generali. Ma il conflitto divenne così radicato da influenzare le stesse dinamiche interne. Scoppiò la guerra tra Hamas – l’emanazione dei Fratelli Musulmani della prima intifada – e Fatah – l’organizzazione politico-militare fondata dal defunto Yasser Arafat e integrata nell’OLP. La stessa divisione della Palestina è diventata realtà: Hamas ha cacciato Fatah dalla Striscia e Fatah – il principale partito dell’Autorità Palestinese – ha preso il controllo della Cisgiordania.

Secolo XXI, il ciclo di guerre successive a Gaza

Dopo aver bollato Hamas come terrorista, nel 2007 Israele ha trovato la premessa per imporre un blocco totale sulla Striscia di Gaza. Da allora, le ostilità nell’area sono state costanti.

Nel 2008 le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno lanciato l'”Operazione Piombo Fuso”: bombardamenti che hanno causato la morte di almeno 1.300 palestinesi. Si stima che più della metà fossero civili. L’esercito israeliano ha utilizzato il fosforo bianco, una sostanza chimica altamente nociva che viola il diritto umanitario. 

Quattro anni dopo, nel 2012, è arrivata un’altra offensiva israeliana, l’operazione “Pilastro di difesa”. Furono uccisi più di cento civili. Il 2014 è stato l’anno dell'”Operazione Protective Edge”, in cui sono stati uccisi 2.205 palestinesi, di cui più di 1.500 civili. L’ultimo grande attacco militare dell’IDF prima degli eventi del 2023 è stato nel 2021, “Spada di Gerusalemme”, con un totale di oltre 200 morti.

L’attacco di Hamas a Israele del 7 ottobre 2023 sarebbe l’innesco di un nuovo ciclo di violenza, questa volta con un esito particolarmente catastrofico. “Stiamo combattendo contro animali umani e agiamo di conseguenza”, ha dichiarato Yoav Gallant, ministro della Difesa israeliano. Il bilancio delle vittime continuerà a salire verso il genocidio.

Attività complementari

Breve storia animata della questione palestinese
Spiegare la guerra tra Israele e Gaza

FACILE

La distruzione di Gaza, ultimo capitolo di cento anni di odio

Scritto da Laura Casamitjana

La guerra en la Franja de Gaza ha causado más de 9.000 muertes y ha dejado las ciudades arrasadas. Tras el ataque terrorista de Hamás el pasado 7 de octubre, la respuesta israelí alcanza cuotas de genocidio. En el trasfondo, una historia de más de cien años de guerras, opresión y odio

Mientras se celebraba la festividad judía de Sucot, una festividad de origen bíblico, los milicianos de Hamás llevaron a cabo un ataque terrorista que marcaría un punto de inflexión en la historia. Esta incursión de los combatientes de Hamás fue de una magnitud sin precedentes, ya que sorprendió a los israelíes por tierra, mar y aire. En este ataque, perdieron la vida 1400 israelíes, y como respuesta, las operaciones militares han cobrado la vida de más de 9000 palestinos.

La escalada de la violencia ha alcanzado niveles inéditos. Los palestinos que viven en la Franja de Gaza están atrapados en un asedio sin acceso a comida, agua, electricidad y combustible. Los hospitales, uno de los cuales fue bombardeado, están funcionando al mínimo y ya no existen lugares seguros en toda la región. El gobierno de Israel justifica sus acciones bajo la premisa de “acabar con el terrorismo de Hamás”, pero esto ha llevado a una devastación sin precedentes.

Craig Mokhiber, director de la oficina de Nueva York del Alto Comisionado de Naciones Unidas para los Derechos Humanos, ha presentado su renuncia debido a la falta de acción del organismo frente a lo que considera un genocidio. El secretario general de la ONU, António Guterres, condenó los ataques y señaló que la incursión de Hamás “no surge de la nada, sino que es resultado de 56 años de ocupación”.

Para entender a qué se refiere António Guterres y cómo las hostilidades han llegado a este nivel de violencia, es necesario repasar la historia del siglo XX, que es fundamental para comprender uno de los conflictos más antiguos y complejos de la historia reciente.

Declaración Balfour: las palabras que cambiaron la historia

En 1917, se emitió la “Declaración Balfour”, respaldada por el gobierno británico, que abogaba por el establecimiento de un hogar nacional para el pueblo judío en Palestina. Los judíos vieron esto como un hito fundacional y una salvación, mientras que los palestinos lo percibieron como una ocupación y un éxodo. Esta declaración llegó después del inicio de la Primera Guerra Mundial y un año antes de que terminara, lo que marcó el fin del Imperio Otomano, al que pertenecía Palestina. Las potencias ganadoras de la guerra, incluido el Reino Unido, se repartieron las tierras del imperio derrotado, y Palestina quedó bajo administración británica.

La transformación demográfica bajo el Mandato Británico

Bajo el Mandato Británico, la demografía y la identidad de Palestina comenzaron a cambiar significativamente. Inicialmente, el país estaba habitado en un 90% por población árabe, según las Naciones Unidas. Sin embargo, en el censo de 1922, se registraban alrededor de 84,000 judíos, lo que representaba un 11% de la población total. Para 1936, el número de judíos en Palestina había aumentado a 384,000, alcanzando el 28% de la población total. En solo 14 años, llegaron 300,000 judíos a Palestina, con un flujo migratorio especial durante la persecución nazi. El control económico de la comunidad judía en Palestina también se hizo evidente, ya que controlaban una gran parte de las empresas e industrias en la región.

Esta transformación demográfica y económica generó tensiones y conflictos entre las comunidades, lo que culminó en la Revuelta Árabe.

La Revuelta Árabe y la partición propuesta

La Revuelta Árabe estalló debido a la creciente tensión entre las comunidades. En respuesta a la agitación, el gobierno británico envió la Comisión Peel para investigar y encontrar una solución al conflicto. La comisión concluyó que judíos y árabes no podían convivir pacíficamente, lo que socavaba la idea del “hogar nacional judío”. Esto allanó el camino para la posterior publicación del “Libro Blanco”, que limitaba la inmigración judía y la adquisición de tierras por parte de la comunidad judía.

La Revuelta Árabe se sofocó en 1939, pero dejó cicatrices profundas y cambios en la configuración demográfica de la región. La partición propuesta por la Comisión Peel se estaba acercando, y en 1947, la ONU aprobó la resolución 181, conocida como el “Plan de Partición de Palestina”. Esta resolución estipulaba la creación de dos Estados en Palestina, con Jerusalén como un “territorio neutral” bajo control internacional. Esto no satisfizo a ambas partes, y finalmente, en mayo de 1948, Israel se declaró un Estado independiente, desencadenando una guerra y la desaparición de más de la mitad de la población palestina.

La configuración de “la mayor cárcel al aire libre”

Tras la creación de Israel, los territorios pasaron a estar bajo el control de distintas fuerzas. Israel se autoproclamó Estado, y la población palestina sufrió un nuevo desplazamiento. Luego, en 1967, durante la Guerra de los Seis Días, Israel tomó el control de lo que quedaba de la Palestina histórica, incluyendo la Franja de Gaza, Cisjordania, Jerusalén Oriental y otros territorios.

La ocupación militar y el control israelí llevaron a un nuevo desplazamiento masivo de palestinos y la creación de la Franja de Gaza, que se convirtió en lo que se describe como “la mayor cárcel al aire libre”. La discriminación contra los árabes se hizo evidente, y los palestinos vivieron bajo condiciones precarias.

El surgimiento de la OLP y la Guerra del Yom Kipur

En 1964, se fundó la Organización de Liberación Palestina (OLP), que se convirtió en un actor importante en la lucha palestina. La OLP fue reconocida como la entidad legítima de representación del pueblo palestino en la Liga Árabe y posteriormente en la ONU. La Guerra del Yom Kipur, en 1973, enfrentó a Israel con naciones árabes y tuvo un impacto significativo en la política regional.

Primera Intifada y espejismos de paz

En 1987, comenzó la Primera Intifada, una revuelta palestina que duró cinco años. Esto condujo al surgimiento de Hamás y a una mayor militarización de la sociedad judía en Palestina. En 1993, se negociaron los Acuerdos de Oslo, que prometían la paz y el retorno de tierras a Palestina. Sin embargo, la complejidad del conflicto y la falta de aceptación social llevaron a un punto muerto.

Segunda Intifada y el fracaso de los Acuerdos de Oslo

En el año 2000, estalló la Segunda Intifada tras una visita provocativa de un líder israelí a la Mezquita Al-Aqsa. Esto llevó a un conflicto que incluyó la demolición de casas y daños significativos a la población palestina. La guerra interna palestina y la elección de líderes extremistas complicaron aún más el panorama.

Siglo XXI: ciclos de guerra en Gaza

Desde 2007, Israel impuso un bloqueo total a la Franja de Gaza después de que Hamás fuera calificado como una organización terrorista. Esto llevó a una serie de enfrentamientos, incluidas las operaciones militares israelíes en Gaza en 2008, 2012 y 2014, con un alto costo en vidas humanas.

El ataque de Hamás en 2023 desencadenó un nuevo ciclo de violencia y elevó la tensión a niveles catastróficos, lo que llevó a acusaciones de genocidio. El conflicto sigue sin resolverse y sigue siendo uno de los más antiguos y complejos de la historia contemporánea.

Breve storia animata della questione palestinese
Spiegare la guerra tra Israele e Gaza

☑️ Test your knowledge

Test di comprensione - La distruzione di Gaza, l'ultimo capitolo di cento anni di odio

Passo 1 di 3

Quale evento storico ha segnato la fine dell'Impero ottomano a cui apparteneva la Palestina?
salta al contenuto