Apartheid in Palestina, le radici profonde della guerra

“Palestina libera”: graffiti palestinesi su parte del muro israeliano che racchiude la città cisgiordana di Betlemme. © Montecruz Photo/Flickr/CC. Per gentile concessione di Opera Mundi

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Apartheid in Palestina, le radici profonde della guerra

Scritto da Josep Carles Rius

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha condannato gli atroci attacchi di Hamas, ma ha dichiarato che "Non sono arrivati all'improvviso", guadagnandosi dure critiche in Israele. Tuttavia, è fondamentale contestualizzare la tragedia e qui viene in mente la parola apartheid, che ha dato un nome alla discriminazione della popolazione in Sudafrica.

Apartheid (“separazione” in afrikaans) è il nome dato al sistema di segregazione razziale in Sudafrica e Namibia in vigore tra il 1948 e il 1992. Questo regime, basato su leggi che discriminavano la popolazione nera e indiana del Sudafrica, era guidato dai discendenti dei coloni europei che volevano mantenere i loro privilegi sulla popolazione indigena. Nelson Mandela simboleggia la resistenza all’oppressione e il dialogo che ha portato all’eliminazione dell’apartheid.

La Convenzione sull’apartheid, adottata dalle Nazioni Unite nel 1973, e lo Statuto di Roma che ha creato la Corte penale internazionale (1998) definiscono questo regime come un crimine contro l’umanità: “Atti disumani commessi allo scopo di stabilire e mantenere il dominio di un gruppo razziale di persone su qualsiasi altro gruppo razziale di esseri umani e di opprimerli sistematicamente”. In altre parole, l’apartheid è “un regime istituzionalizzato di oppressione” che ha come obiettivo “il mantenimento di tale regime”.

Tra gli “atti inumani” individuati dalla Convenzione e dallo Statuto di Roma vi sono il “trasferimento forzato”, l'”espropriazione di proprietà territoriali”, la “creazione di riserve e ghetti separati”, la negazione del “diritto di lasciare e tornare nel proprio Paese” e il “diritto a una nazionalità”. È un crimine contro l’umanità, concludono, “la privazione intenzionale e grave dei diritti fondamentali contrari al diritto internazionale sulla base dell’identità (razziale, nazionale o etnica) del gruppo o della collettività”.

Possiamo usare il termine “apartheid” per spiegare le azioni dello Stato israeliano nei confronti della popolazione palestinese? La risposta migliore può essere fornita da chi conosce entrambi i contesti storici, quello del Sudafrica e quello di Israele e Palestina. 

Benjamin Pogrund è cresciuto in Sudafrica. Ha iniziato la sua carriera di giornalista nel 1958, scrivendo per il Rand Daily Mail di Johannesburg, l’unico giornale che raccontava l’oppressione della popolazione nera e indiana; ha documentato la tortura dei prigionieri e il massacro di Sharpeville del 21 marzo 1960: la polizia sparò su una manifestazione di protesta contro l’apartheid uccidendo 69 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini. Il suo lavoro di giornalista gli è costato numerose condanne, anche a pene detentive ed è emigrato con la moglie in Israele nel 1997. Vive a Gerusalemme. 

Per decenni, Benjamin Pogrund ha rifiutato l’applicazione del termine apartheid a Israele. La sua tesi, difesa in una moltitudine di articoli e conferenze, era che “chiunque sappia cosa sia stato l’apartheid e lo attribuisca oggi a Israele è, nel migliore dei casi, ignorante e ingenuo; nel peggiore, cinico e manipolatore”.

Il 10 agosto 2023, Pogrund ha firmato un articolo sul quotidiano Haaretz con il titolo: “Per decenni ho difeso Israele dalle accuse di apartheid. Non posso più farlo”. Ha spiegato che “in Israele sono ora testimone dell’apartheid con cui sono cresciuto in Sudafrica. La presa di potere fascista e razzista del governo israeliano da parte dell’attuale primo ministro (Benjamin Netanyahu) è il regalo che i nemici di Israele aspettavano da tempo”.

Nell’articolo, Pogrund denuncia che “neghiamo ai palestinesi ogni speranza di libertà e di vita dignitosa. Crediamo alla nostra stessa propaganda secondo cui alcuni milioni di persone accetterebbero docilmente l’inferiorità e l’oppressione perpetue. Il governo sta spingendo Israele a comportamenti disumani e crudeli che vanno oltre la difesa. Non c’è bisogno di essere religiosi per sapere che questo è un vergognoso tradimento della moralità e della storia ebraica”.

Shlomo Ben Ami, ex ministro degli Esteri nei governi laburisti, ambasciatore e professore, ritiene che in Israele “stiamo vivendo e vivremo l’apartheid in modo tanto più intenso quanto più passa il tempo, perché la popolazione diventerà sempre più a maggioranza araba. Israele assomiglierà sempre più al Sudafrica dell’apartheid, ma senza una soluzione sudafricana. Non c’è uno scenario possibile in cui la minoranza ebraica, a un certo punto, offra il potere alla maggioranza araba”.

“Dal Mediterraneo al fiume Giordano, quello che abbiamo – dice Ben Ami – è uno Stato dominato da una ‘razza padrona’ che è quella ebraica, dove i palestinesi non hanno diritti. Un apartheid. Israele dice che si tratta di un’occupazione militare, come quella della Francia in Algeria o dell’Inghilterra in altri territori, e che come tale è temporanea, finché non ci sarà una soluzione. Questo è un inganno. Nel momento in cui il negoziato politico muore, l’argomento non è più valido”.

Il rapporto di Human Rights Watch

Il 27 aprile 2021, Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto, frutto di anni di lavoro sul campo. Dalle sue ricerche, conclude che il governo israeliano “ha dimostrato la sua intenzione di mantenere il dominio ebraico israeliano sui palestinesi in tutto Israele e nei territori occupati, compresa Gerusalemme Est. Questa intenzione è stata accompagnata da una sistematica oppressione dei palestinesi e da atti disumani commessi contro di loro. Quando questi tre elementi – dominio, oppressione e atti disumani – si combinano, equivalgono al crimine di apartheid”.

Human Rights Watch ritiene che “queste politiche privano intenzionalmente e gravemente milioni di palestinesi dei principali diritti fondamentali, tra cui il diritto di residenza, di proprietà privata e di accesso alla terra, ai servizi e alle risorse in modo diffuso e sistematico in virtù della loro identità di palestinesi”.

Come nel caso del Sudafrica, l’apartheid è sostenuto dalla legge: Human Rights Watch ricorda che “la legge israeliana sulla cittadinanza del 1952 crea una realtà in cui, un cittadino ebreo di qualsiasi altro Paese che non sia mai stato in Israele, può trasferirvisi e ottenere automaticamente la cittadinanza, mentre un palestinese espulso dalla sua casa e che langue da più di 70 anni in un campo profughi in un Paese vicino non può farlo”.

Questa legge è ancora in vigore e il rapporto di Human Rights Watch ricorda: “Nel 2005, Ariel Sharon, allora primo ministro, sostenne che “non c’è bisogno di nascondersi dietro argomenti di sicurezza. L’esistenza di uno Stato ebraico è necessaria”. 

Benjamin Netanyahu, allora ministro delle Finanze, aveva già sottolineato che “invece di rendere le cose più facili per i palestinesi che vogliono ottenere la cittadinanza, dovremmo rendere il processo molto più difficile, per garantire la sicurezza di Israele e una maggioranza ebraica”. Nel marzo 2019, questa volta come primo ministro, Netanyahu ha dichiarato: “Israele non è uno Stato di tutti i suoi cittadini, ma piuttosto lo Stato-nazione del popolo ebraico, e solo di esso”.

“Per troppo tempo – conclude il rapporto di Human Rights Watch – la comunità internazionale ha chiuso gli occhi di fronte ad una realtà sempre più chiara. Ogni giorno una persona nasce a Gaza in una prigione a cielo aperto, in Cisgiordania senza diritti civili, in Israele con uno status inferiore per legge e nei Paesi limitrofi viene di fatto condannata allo status di rifugiato a vita, come i suoi genitori e nonni prima di lei, solo perché è palestinese e non ebrea. Un futuro basato sulla libertà, l’uguaglianza e la dignità per tutte le persone che vivono in Israele e nei Territori occupati rimarrà inafferrabile finché persisteranno le pratiche abusive di Israele contro i palestinesi”.

La scena: Cisgiordania e Gaza

Qual è il contesto geografico e umano in cui, secondo Human Rights Watch, si è instaurato un regime di apartheid? Nella Guerra dei Sei Giorni del 1967, Israele ha occupato la Cisgiordania, Gaza, Gerusalemme Est, le alture siriane del Golan e il Sinai egiziano. Oggi, nonostante le numerose condanne delle Nazioni Unite, mantiene l’occupazione, tranne che nel Sinai, restituito all’Egitto nel 1979 dopo la firma degli accordi di pace di Camp David.

I territori palestinesi di Cisgiordania e Gaza sono separati l’uno dall’altro da Israele. Dal 2007, la popolazione di Gaza è sottoposta a un blocco che ha reso estremamente difficile l’uscita e l’ingresso dei beni di prima necessità e ha trasformato la Striscia nella più grande prigione a cielo aperto del mondo. Quasi due milioni di persone – di cui un milione di bambini – vivono stipate in una prigione lunga 41 chilometri e larga 10 chilometri. Dal 2004 è stata bombardata da Israele in numerose occasioni, con alcune offensive che hanno provocato più di mille morti palestinesi, la maggior parte dei quali civili. La più grave è stata quella scatenata dopo l’atroce attacco di Hamas a Israele il 7 ottobre 2023. Più di 8.000 palestinesi sono stati uccisi, un terzo dei quali bambini.

La Cisgiordania e Gerusalemme Est ospitano più di 500.000 coloni ebrei che occupano le terre palestinesi e controllano la maggior parte delle falde acquifere. Il territorio è paragonato a una sorta di groviera, con villaggi palestinesi isolati e separati tra loro e dalla stessa Gerusalemme Est da un muro, da continui posti di blocco dell’esercito e da strade esclusivamente israeliane. La crescente costruzione di nuovi insediamenti illegali, guidati da coloni ebrei sotto la protezione dell’esercito israeliano, vanifica di fatto la possibilità di un futuro Stato palestinese. E crea uno scenario di costante violenza tra le due comunità.

Le radici dell’odio

Jeremy Milgrom, rabbino israeliano e attivista per la pace, si chiede in un’intervista quale sia l’origine di tanto odio, di tanto dolore. “Il più grande errore che abbiamo commesso dal 1967 è la terribile occupazione. Ma in realtà il problema risale a prima del ’67 e persino a prima del ’48. Ed è una cosa complessa su cui ho riflettuto molto: come facciamo a dire alla gente che i terroristi che hanno commesso il terribile massacro del 7 ottobre 2023 sono figli e nipoti di rifugiati che sono stati espulsi dalla terra in cui si trova il kibbutz che è stato attaccato. Questi terroristi sono tornati con il cuore pieno di desiderio di vendetta per la vita che loro e le loro famiglie hanno condotto. Noi israeliani non abbiamo fatto alcuno sforzo per soddisfare le loro giuste richieste. E quando non si rispetta il bisogno fondamentale di giustizia, non si troverà una risposta civile”. 

“Tutto questo – prosegue Milgrom – è qualcosa che non ho mai sentito dire pubblicamente, ma credo che molte persone sappiano. Non li sto giustificando, si tratta di capire cosa è successo. La rabbia che proviamo ora contro Hamas è dovuta all’umiliazione, al dolore, ma anche a un senso di colpa molto profondo, che abbiamo nascosto per tutti questi anni, per i rifugiati. Abbiamo fatto finta che non fossero più un problema, che fossero spariti e che potessimo dimenticarci di loro. Ma sapevamo che non era vero. Per capire come gli esseri umani possano diventare dei barbari capaci di agire in modo così brutale – non per giustificarli, per capirli – bisogna essere consapevoli, e credo che molti israeliani lo siano, che vivere a Gaza è vivere in una pentola a pressione, e quando esplode, esplode in modo orribile”.

Le parole di António Guterres

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha espresso un parere simile ed è stato duramente criticato dalle autorità israeliane: “Gli attacchi di Hamas non sono arrivati all’improvviso”, ha detto. “I palestinesi vivono da 56 anni sotto un’occupazione soffocante, la loro terra è stata gradualmente inghiottita dagli insediamenti e le loro speranze di una soluzione politica sono svanite, ma le loro rimostranze non possono giustificare gli atroci attacchi di Hamas. E nemmeno la punizione collettiva della popolazione palestinese [come risposta israeliana]”.

In risposta alle critiche di Israele, Guterres ha ricordato che “ho condannato inequivocabilmente gli atti di terrore orribili e senza precedenti perpetrati da Hamas il 7 ottobre in Israele. Nulla può giustificare l’uccisione, il ferimento e il rapimento deliberato di civili, o il lancio di razzi contro obiettivi civili”.

Pochi giorni prima il massimo funzionario dell’UE per gli affari esteri, Josep Borrell, aveva dichiarato che “così come possiamo dire che è una tragedia abominevole uccidere dei giovani che stavano festeggiando la vita, non possiamo dirlo della morte dei bambini a Gaza? In che modo piangere una tragedia mi toglie la forza morale di piangerne un’altra? Al contrario, lo fa”.

Gideon Levy, noto giornalista israeliano impegnato per la pace, ha scritto che “il 7 ottobre 2023 Israele si è svegliato con una realtà diversa, che dovrebbe finalmente spegnere l’arroganza e la compiacenza del Paese. Dovrebbe dimostrare, una volta per tutte, l’impossibilità di eludere le conseguenze del continuare a imprigionare indefinitamente più di due milioni di persone in una gabbia gigante (Gaza), mentre altri tre milioni di persone vivono indefinitamente sotto la tirannia militare (Cisgiordania)”.

Attività complementari

Breve storia animata della questione palestinese
Spiegare la guerra tra Israele e Gaza

FACILE

Apartheid in Palestina, le radici profonde della guerra

Scritto da Josep Carles Rius

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha parlato della difficile situazione in Palestina, affermando che gli attacchi di Hamas non sono arrivati all’improvviso. Questo ha generato polemiche in Israele. Per capire cosa sta succedendo, è importante conoscere il termine “apartheid”, nato in Sudafrica e utilizzato per descrivere un sistema di segregazione razziale tra il 1948 e il 1992.

Il sistema dell’apartheid si basava su leggi che discriminavano la popolazione nera e indiana del Sudafrica. Fu promosso dai discendenti dei coloni europei che volevano mantenere i loro privilegi sulla popolazione indigena. Nelson Mandela è diventato un simbolo della resistenza e del dialogo che ha contribuito a porre fine all’apartheid in Sudafrica.

La Convenzione sull’Apartheid delle Nazioni Unite e lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale definiscono l’apartheid come un crimine contro l’umanità, che comporta atti disumani commessi per mantenere il dominio di un gruppo razziale su un altro.

Ci si chiede se si possa applicare il termine “apartheid” alla situazione in Israele e Palestina. Per rispondere a questa domanda, consideriamo l’opinione di Benjamin Pogrund, un giornalista sudafricano che ha vissuto sotto l’apartheid in Sudafrica e si è poi trasferito in Israele. Per molto tempo ha rifiutato l’idea che Israele praticasse l’apartheid. Tuttavia, nel 2023, ha cambiato idea e ha affermato che Israele sta seguendo un percorso simile all’apartheid sudafricana.

La situazione in Palestina è incentrata sulla Cisgiordania e su Gaza, due aree geografiche separate da Israele. Gaza è sottoposta a un blocco dal 2007, che ha portato a una situazione di sofferenza per la popolazione. In Cisgiordania, più di 500.000 coloni ebrei occupano le terre palestinesi e controllano le risorse vitali, rendendo difficile la creazione di uno Stato palestinese.

Il rapporto di Human Rights Watch avverte del pericolo

Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto in cui afferma che Israele ha dimostrato la sua intenzione di mantenere il dominio ebraico sui palestinesi in Israele e nei territori occupati, definendolo un crimine di apartheid. Ciò si basa sull’intenzionale e grave privazione dei diritti fondamentali dei palestinesi.

Cisgiordania e Gaza

Nel 1967, Israele ha occupato diverse aree nel corso di una guerra. Sebbene le Nazioni Unite non abbiano accettato questa occupazione, Israele controlla ancora alcune di queste aree, ad eccezione del Sinai, che è stato restituito all’Egitto nel 1979.

La Cisgiordania e Gaza sono due luoghi in cui, secondo Human Rights Watch, vige un sistema di segregazione simile all’apartheid. Queste aree sono separate da Israele. A Gaza, dal 2007 vige un blocco che rende difficile l’uscita e l’ingresso di cibo. Questo ha reso Gaza un luogo in cui molte persone vivono in uno spazio molto piccolo, come una grande prigione a cielo aperto. Ci sono stati anche bombardamenti da parte di Israele, con molti civili feriti o uccisi, compresi i bambini. Il peggiore è stato nel 2023.

In Cisgiordania e a Gerusalemme Est ci sono più di 500.000 coloni ebrei che occupano terre che originariamente appartenevano ai palestinesi e controllano l’acqua. La regione è paragonata a un formaggio svizzero perché ci sono villaggi palestinesi isolati e separati da un muro e da strade solo israeliane. Inoltre, la costruzione di nuovi insediamenti illegali è aumentata, rendendo difficile per i palestinesi avere un proprio Stato in futuro e causando molta violenza tra le due comunità.

L’origine dell’odio

Jeremy Milgrom, rabbino israeliano e sostenitore della pace, si chiede perché ci sia tanto odio e sofferenza nella regione.

Afferma che il problema non è iniziato nel 1967, ma risale a prima di quella data, addirittura prima del 1948. Spiega che alcune delle persone che hanno commesso atti terribili nel 2023 sono discendenti di rifugiati che sono stati espulsi dalla loro terra. Questi discendenti provano molta rabbia e desiderio di vendetta a causa delle difficoltà che loro e le loro famiglie hanno dovuto affrontare.

Jeremy Milgrom ritiene che gli israeliani non abbiano fatto abbastanza per rispondere alle giuste richieste di queste persone, e quando la giustizia non viene rispettata, a volte le persone reagiscono in modo violento.

Le parole di António Guterres

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha espresso il suo punto di vista sulla situazione, ricevendo critiche da Israele. Ha affermato che gli attacchi di Hamas non sono arrivati all’improvviso, poiché i palestinesi vivono da molto tempo sotto occupazione e le loro speranze di una soluzione pacifica sono svanite. Tuttavia, ha anche condannato gli atti di terrore di Hamas in Israele e ha affermato che non può essere giustificato il ferimento di civili o il lancio di razzi contro obiettivi civili.

Anche il leader dell’UE Josep Borrell ha deplorato la morte dei bambini a Gaza, sottolineando che si tratta di un fatto triste quanto la morte di giovani altrove.

Un giornalista israeliano impegnato per la pace, Gideon Levy, ha affermato che la situazione nel 2023 dovrebbe far vedere a Israele la realtà dell’imprigionamento di molte persone a Gaza e della vita sotto la tirannia militare in Cisgiordania, che dovrebbe far capire al Paese le conseguenze di questa situazione.

Breve storia animata della questione palestinese
Spiegare la guerra tra Israele e Gaza

☑️ Test your knowledge

Test di comprensione della lettura - Apartheid in Palestina: una storia complessa

Passo 1 di 3

In che modo il rapporto di Human Rights Watch paragona la situazione in Israele e Palestina?
salta al contenuto