Miquel Missé e Noemi Parra: “Se migliora la qualità della vita degli adolescenti trans, migliora la società in cui viviamo”

Gli autori Miquel Missé e Noemí Parra | Fotografia concessa

Scegliere il livello di lettura:

STANDARD

Miquel Missé e Noemi Parra: “Se migliora la qualità della vita degli adolescenti trans, migliora la società in cui viviamo”

Scritto da Siscu Baiges

Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l'Omofobia, la Transfobia e la Bifobia. Miquel Missé e Noemí Parra presentano un libro in cui analizzano ed esplorano le identità di genere durante la pubertà.

Come comprendere e sostenere gli adolescenti trans? Questa è la domanda che si sono posti Miquel Missé – sociologo ed esperto di genere e sessualità – e Noemi Parra – dottoressa in studi di genere, antropologa e assistente sociale – nel libro “Adolescenti in transizione” (Bellaterra Edicions). Le transizioni di genere tra gli adolescenti sono di recente aumentate e il dibattito sociale – spesso eccessivamente acceso – su questo argomento richiede un’onestà e uno sforzo di analisi e comprensione che Missé e Parra forniscono in questo libro.

Gli autori sostengono che non esista un modo chiaro e definito di “abitare una transizione di genere”. Qual è la definizione di transizione di genere su cui basate la vostra ricerca?

M.M. – A proposito direi due cose. La prima, per evitare il relativismo, è che una transizione di genere riguarda qualcuno che esce dalla categoria di genere a cui è stato assegnato. Quando qualcuno smette di identificarsi con l’identità “ragazzo” o “ragazza” con cui è cresciuto; la secondo è che, oltre a questa definizione che useremo come punto di partenza, una delle cose che accade con questo fenomeno è che pensiamo che ciò che intendiamo per transizione si modifichi in base al suo contesto storico e culturale.
Ciò che è una transizione di genere nella nostra società oggi non significa lo stesso che significava 20 o 50 anni fa. Man mano che la società si evolve, il quadro per interpretarla o le possibilità di viverla si pluralizzano. Per dare un esempio molto concreto, 20 o 30 anni fa, quando qualcuno pensava a una transizione – che in quel momento sarebbe stata chiamata “cambiamento di sesso” – le persone pensavano sempre a interventi chirurgici, soprattutto alla chirurgia genitale. Questo era piuttosto ovvio. Oggi, in questa generazione di adolescenti, la chirurgia è molto più secondaria. La questione ha più a che fare con altri tipi di esplorazioni. A seconda del contesto, assume nuovi significati. Quello che stiamo dicendo è che dobbiamo interpretare meglio come questa generazione di adolescenti vive l’idea di transizione di genere, che non coincide necessariamente con la storia di altre generazioni.

N.P. – Uno dei contributi contenuti nel libro riguarda proprio questa idea di transizione, vista come qualcosa di non predeterminato o fisso. Il significato di trans in 20 anni è passato dall’essere un’idea fissa di passare da un sesso all’altro, direttamente associata alla chirurgia, a un’esperienza più complessa. La risposta a cosa sia una transizione oggi non è così ovvia e apre a nuove domande, ci presenta una sfida importante su come accompagnare questi processi. Quello che sembra contraddittorio, dal mio punto di vista, è che il modo di vivere le transizioni, di significarle, sta cambiando, ma sembra che noi, che siamo chiamati ad accompagnarle, non siamo ancora completamente centrati, in termine di significato. Continuiamo a lavorare con modelli piuttosto rigidi o modi di comprendere la transizione che non ci permettono di vedere la complessità odierna di questi processi.

Il sottotitolo del libro è “Pensare l’esperienza di genere in tempi di incertezza”. Per gli adolescenti vivere in tempi di incertezza è un progresso o è un problema aggiuntivo?

N.P. – Viviamo nell’incertezza da molto tempo. È molto importante contestualizzare ciò che sta accadendo oggi. La perdita delle grandi narrazioni che ordinano l’esistenza o la mancanza di aspettative sul futuro influisce sulle nostre soggettività. Viviamo questa incertezza come società, ma ha un impatto particolare sugli adolescenti in termini di difficoltà nel proiettare il futuro. Alla fine, la vita è incertezza e in queste situazioni ci sono possibilità di pensare o vivere la propria esperienza legata al genere, si aprono nuovi quadri, nuove possibilità… Le certezze sono ideali, è difficile vivere costantemente nelle certezze, ma è anche vero che per molte persone la loro perdita ha significato molto disorientamento; in particolare nell’adolescenza, che è un momento chiave nella costruzione della propria identità e in cui è necessario avere certe basi, questo disorientamento a volte riafferma posizioni identitarie molto fisse. Abbiamo visto che c’era un certo rischio ma allo stesso tempo che in questa crepa di incertezza si aprono possibilità. Questa necessità di certezza può porci in posizioni molto rigide su cosa significhi essere un uomo, cosa significhi essere una donna, o addirittura posizioni molto polarizzate, come stiamo vedendo oggi.

Indicate tre protagonisti nell’accompagnamento: gli adolescenti, i membri della famiglia e i professionisti. Ci sono consigli per aiutare i genitori ad accompagnare al meglio i propri figli adolescenti in transizione?

M.M. Dobbiamo dedicare tempo a pensare a come aiutare le famiglie che devono accompagnare un processo difficile e allo stesso tempo pongono molti quesiti.
La prima cosa che vediamo è che le famiglie spesso non hanno nulla a cui aggrapparsi per avere la calma e la serenità necessarie, altro che non sia una posizione di ansia e angoscia scatenate dalla paura.
Ad esempio, ci sono storie storia molto forti su adolescenti che si suicidano, se non vengono assistiti molto rapidamente. Quindi, ovviamente, le famiglie hanno timore e cercano di trovare soluzioni molto rapidamente, per evitare che accada una disgrazia,. In questo libro, alcuni di loro confessano di perdere la lucidità necessaria perché invece di pensare “Vediamo, come faccio? ” in maniera calma, si spaventano e hanno bisogno di trovare una soluzione rapida per attenuare il disagio dei propri figli. La prima cosa, quindi, è come accompagnare le famiglie che devono accompagnare i propri figli. Le idee che possiamo dar loro riguardano l’ascolto, il non cadere nel panico e il non affrettarsi per evitare che accada qualcosa di negativo, perché non succederà nulla di brutto, di serio o di terribile. Una transizione di genere è un’esperienza, non è qualcosa di pericoloso. La maggior parte delle raccomandazioni si concentrano sulla questione del trattamento medico, molti di questi processi non inizia con il trattamento medico, piuttosto con qualcuno che si pone delle domande e ha bisogno di parlare. Ci sono molte famiglie che vivono in stato d’ansia e la prima questione è proprio ridurre questo stato di apprensione. In questa generazione, l’esplorazione del genere è qualcosa che vediamo e vedremo molto di più di frequente nei prossimi anni. Alcuni adolescenti seguiranno quella traiettoria, altri la esploreranno e torneranno alla situazione precedente. Va bene. Dobbiamo essere in grado di accompagnare tutto questo con calma. Questo è fondamentale.

N.P. – A un certo punto delle interviste c’erano famiglie che dicevano come l’intero discorso sulla paura portasse ad invalidare le proprie risorse. Una madre in particolare ha detto che “la paura non ti permette di applicare tutto ciò che già sai con tuo figlio”. Hai avuto una vita con tuo figlio, l’hai accompagnato, lei ha una vita che conosci, che lo psicologo, lo psicologo, l’assistente sociale non conoscono… Questo mi sembra fondamentale. Quando entriamo, ci scontriamo con una realtà che non conosciamo, le nostre tracce sono grandi narrazioni sociali su cosa dovrebbe essere fatto. Alla fine, spesso ci aspettiamo che i professionisti ci diano risposte su “cosa devo fare”. La cosa più importante dal mio punto di vista è aprire lo spazio per la conversazione, non chiuderlo, non cercare qualcuno che mi dica cosa devo fare, ma essere in grado di aprire lo spazio per la conversazione e essere in grado di accompagnare questo processo ovunque ci porti. Abbiamo già gli strumenti per questo come famiglia, abbiamo risorse che dobbiamo mettere in gioco. Nel lavoro che abbiamo fatto, le famiglie si chiedono: Chi ci accompagna? Abbiamo anche bisogno di essere ascoltati, di far parte di questa triade di accompagnamento in cui spesso siamo esclusi. Abbiamo bisogno di capire cosa sta succedendo, abbiamo bisogno di tempo per elaborare e abbiamo bisogno degli strumenti per aprire quella conversazione con nostro figlio, perché alla fine siamo noi che restiamo con lei il resto del tempo. Uno psicologo, uno psicologo, un assistente sociale, forse sono lì per due mesi, o a volte hanno solo un appuntamento, ma il resto del tempo sei lì e devi avere gli strumenti per poterli accompagnare.

Attività complementari

FACILE

Miquel Missé e Noemi Parra: “Se migliora la qualità della vita degli adolescenti trans, migliora la società in cui viviamo”

Scritto da Siscu Baiges

Il 17 maggio si celebra la Giornata Internazionale contro l’Omofobia, la Transfobia e la Bifobia. Miquel Missé e Noemí Parra presentano un libro in cui analizzano ed esplorano le identità di genere durante la pubertà.

Come capire e come supportare gli adolescenti trans? È la domanda che si pongono Miquel Missé – sociologo ed esperto di genere e sessualità – e Noemi Parra – medico in studi di genere, antropologa e assistente sociale – nel libro “Adolescenti in transizione” (Bellaterra Edicions). Le transizioni di genere degli adolescenti sono aumentate molto negli ultimi tempi e il dibattito sociale – spesso eccessivamente acceso – su questo tema richiede un’onestà e uno sforzo di analisi e comprensione che Missé e Parra forniscono proprio in questo libro.

Gli autori sostengono che non esista un modo chiaro e netto di “abitare la transizione di genere”. Qual è la definizione di transizione di genere su cui si basa la vostra ricerca?

M.M. – Per evitare confusione, bisogna spiegare che una transizione di genere implica l’uscita dalla categoria di genere assegnata, è quando qualcuno smette di identificarsi come “ragazzo” o “ragazza”. Inoltre, questo concetto è cambiato con il tempo e l’evolversi della cultura. Venti o trent’anni fa era associato principalmente agli interventi chirurgici, mentre ora è più diversificato. Per esempio, oggi la chirurgia è meno comune tra gli adolescenti che esplorano il proprio genere.

N.P. – Nel nostro libro sottolineiamo che la transizione non è più solo un cambiamento di genere che avviene con un intervento chirurgico. Si è evoluto in un’esperienza più complessa. Tuttavia, utilizziamo ancora modelli rigidi per comprenderla, il che rende oggi difficile accompagnare adeguatamente questi processi.

Il sottotitolo del libro è “Pensare l’esperienza di genere in tempi di incertezza”. Il fatto che viviamo in tempi di incertezza è un progresso o è un problema in più per gli adolescenti?

N.P. – Da molto tempo viviamo nell’incertezza. Questa mancanza di chiarezza si ripercuote sul nostro modo di vedere la vita e di affrontare il futuro. Per gli adolescenti è particolarmente difficile progettare il proprio futuro in mezzo a questa incertezza. La vita stessa è incerta e in queste situazioni emergono nuovi modi di pensare al genere e nuove possibilità. Anche se le certezze sarebbero l’ideale, è difficile averle costantemente. La perdita di certezze può causare disorientamento, soprattutto nell’adolescenza, che è un periodo cruciale per la costruzione dell’identità. A volte, questa mancanza di certezze può portare a posizioni molto rigide su ciò che significa essere un uomo o una donna, o addirittura a posizioni molto polarizzate.

Lei indica tre protagonisti dell’accompagnamento: gli adolescenti, i familiari e i professionisti. Esistono consigli adeguati per i genitori per accompagnare al meglio i figli adolescenti in transizione?

M.M.– Dobbiamo riflettere su come aiutare le famiglie in questo difficile processo, spesso si sentono smarrite e ansiose perché non sanno come aiutare i loro figli. A volte la paura impedisce loro di pensare con chiarezza e le porta a cercare soluzioni rapide. Per le famiglie è importante ascoltare, non farsi prendere dal panico e non avere fretta, perché la transizione di genere non è una cosa pericolosa. Il più delle volte questo processo inizia con domande e conversazioni, non con un trattamento medico. È essenziale ridurre l’ansia e accompagnare gli adolescenti in questo viaggio con la necessaria calma.

N.P.- Alcune famiglie hanno dichiarato che la paura impedisce loro di attingere alle proprie risorse. È fondamentale ricordare che, come genitori, conosciamo i nostri figli meglio di chiunque altro. Non dobbiamo affidarci esclusivamente ai professionisti, ma aprire spazi di conversazione e accompagnare il processo. Abbiamo bisogno di strumenti e di tempo per capire cosa sta succedendo e per essere parte attiva nel sostegno ai nostri figli. I professionisti possono essere presenti per un tempo limitato, ma siamo noi a rimanere sempre con loro.

☑️ Test your knowledge

Quiz sulla comprensione della lettura. Miquel Missé e Noemi Parra: "Se migliora la qualità della vita degli adolescenti trans, migliora la società in cui viviamo"

Passo 1 di 3

Che cosa significa, secondo il testo, "Categoria di genere assegnata"?
salta al contenuto